Il cibo, oltre l’alimentazione: come fatto culturale

Post in Attualità, Gastronomia

L’occasione della riapertura dei ristoranti mi dà la possibilità di parlare del cibo ma non nei soliti termini che conosciamo di ingestione di sostanze commestibili; quanto rapporto individuo-società. Infatti, i modi in cui ci nutriamo sono in grado di dirci alcune cose importanti. Non solo su come viviamo, ma anche sulla struttura della società, e sulle regole che permettono la sua persistenza nel tempo. Inoltre, il modo in cui interagiamo con il cibo ci mostra i nostri requisiti personali e relazionali. In questo senso, il mangiare partecipa sia alla natura sia alla cultura. Il cibo non viene semplicemente ingerito. Prima di entrare nella bocca è pensato, selezionato e progettato. La possibilità che il cibo, pronto ad essere ingoiato, sia potenzialmente pericoloso per il nostro organismo è sempre presente. Ed è all’atto della sua preparazione che si affida sia il compito di difenderci da questo rischio, attraverso tecniche culinarie sempre più raffinate, sia il modo di esorcizzarlo simbolicamente. È la preparazione del cibo che segna il passaggio dalla natura alla cultura. E le adozioni di specifici strumenti per cuocere e per mangiare, delle cerimonie e dei riti durante i quali uomini e donne si raccolgono attorno alla propria mensa, rappresentano le prerogative di ogni società. Un altro aspetto, intrinsecamente collegato all’eventuale nocività del mangiare, è l’atto di fiducia che compiamo verso coloro che si prestano a nutrirci, a partire dai nostri primi vagiti. È una fiducia essenziale per la nostra sopravvivenza, ma non assoluta, e sarà, infatti, di volta in volta rinnovata, oppure messa in discussione, determinando la qualità della relazione con i nostri caregivers. Il disturbo alimentare esprime la difficoltà del soggetto a regolare il rapporto fra appartenenza e differenziazione, fra dipendenza e autonomia. Problemi come l’anoressia o la bulimia indicano la difficoltà del soggetto che si nutre a stabilire un equilibrio con le proprie emozioni rispetto alle richieste che giungono dall’ambiente esterno. Se mangio troppo (caso della bulimia) è per compensare delle carenze affettive; invece se non mi nutro (anoressia) esercito una forma di ribellione a dei rapporti che non mi permettono di esprimere me stesso/a. Ecco che la relazione genitoriale assume un ruolo decisivo nei confronti dei figli perché da una parte esige l’amore filiale più intenso, e dall’altra questo stesso amore deve aiutare il figlio a distaccarsi dalla madre, a crescere e a diventare completamente autonomo e indipendente. È facile, per una madre, amare il figlio prima che questo processo di separazione abbia inizio. Difficile, invece, è amare il bambino e nello stesso tempo desiderare di lasciarlo andare, libero di gestire la propria vita. Credo che tale considerazione valga per tutte le relazioni finalizzate ad evolvere secondo i principi di reciprocità e rispetto, piuttosto che di controllo e sottomissione.