Tutti scrivono: Buona festa della Repubblica. Ma … è un rito o un’occasione di riflessione? RIMUOVERE TUTTI GLI OSTACOLI …

118

La Repubblica Italiana nasce dalla Resistenza e fiorisce nella Democrazia. La nostra gente inizia un cammino volto a trasformarsi in un popolo che, pur con voci dissimili, mira ad onorare il rosso del sangue versato, il bianco dell’onesto sentire e il verde della speranza mai doma.

Buona festa della Repubblica a tutti.

Così scrive un nostro concittadino, oggi cittadino modenese, dr “Giannetto” Spinella

Riecheggia il poeta vernacolare Rocco Criseo

Oggi è la Festa di tutti noi! E’ l’anniversario della Repubblica Italiana! Che sia veramente un giorno di speranza per ripartire tutti insieme verso un futuro di prosperità. Auguri di cuore:

 U DDUI GIUGNU DU 46

Dopu vint’anni di patimi e stenti,   

di lotti fraticidi senza pari,

finut’a guerra e li bumbardamenti,

a genti, speranzusa, jiu a votari. 

U populu italianu fu chiamatu,

mi scegli prest’e bonu la so’ via,

comu voliva m’esti guvernatu:

repubblica oppuru monarchìa!    

Voliva ancora a testa curunata,

di li Savoia e li so’ paladini,

o na costituenti nominata,

cu la consulta di li cittadini?

Fu mpicciu chistu duru da sbrogghjari, 

nto nord u votu fu repubblicanu,

u sud ‘nveci non gradìu cangiari, 

i brachi si calau pe lu sovranu.

Ḍḍà genti ssoggettata a li baruni,

non eppi certu libertà di menti, 

si fici cumandari di patruni,  

fu forti l’intrallazzu di potenti.

Dopu jornati nteri di cunteggiu,

cu scialatin’i ll’una e i ll’atra parti, 

si ncuminciava già a pensar’o peggiu,

pariva com’o jocu di tri carti.

Apói la repubblica vincìu.

Votaru pur’i fimmini…cuntenti!

U Re Savoia lestu si ndi jiu,

l’Italia eppi u primu presidenti.

E vola oji lu triculuri e celi,

pe ḍḍà jornata ormai cusì luntana, 

si canta a coru l’innu di Mameli,  

è festa da Repubblica Italiana!  

LE FORZE ARMATE CELEBRANO LA FESTA DELLA REPUBBLICA

RICORDO

“E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

AGGIUNGO

IL MIGLIOR MODO PER ONORARE LA FESTA E’ OPERARE NELLA DIREZIONE PRECEDENTEMENTE ESPRESSA.

NON SOLO

OCCORRE AGIRE SULLA FORMAZIONE DELL’UOMO E DEL CITTADINO RENDERLO CAPACE DI ORIENTARSI CONSAPEVOLMENTE NELLE SCELTE, DOTATO DI STRUMENTI DI DIFESA NELLA GIUNGLA MEDIATICA IN CUI SI RITROVA.

A QUESTO PROPOSITITO RIMANDO AL MIO PRECEDENTE ARTICOLO:

Può esserci una democrazia compiuta senza cittadini democratici? (link)