Vigilanza finanziaria: il Consiglio conferma la posizione prima dei negoziati con il Parlamento

Post in Economia Finanza Leggi, Mondo, Politica

Gli stati membri dell’UE si sono impegnati a rafforzare il quadro di vigilanza per le istituzioni finanziarie europee.Il Consiglio ha confermato la sua posizione sulle proposte di revisione del funzionamento dell’attuale sistema europeo di vigilanza finanziaria (ESFS). Ha invitato la presidenza rumena ad avviare quanto prima negoziati con il Parlamento europeo.”Le autorità europee di vigilanza svolgono un ruolo importante nel contribuire alla salute del sistema finanziario dell’UE, assicurando che le nostre norme comuni siano attuate in modo coerente in tutta l’UE e che le autorità di vigilanza nazionali cooperino nel modo più efficiente possibile Questo file è una priorità per la nostra Presidenza e ora siamo pronti per iniziare i negoziati con il Parlamento e ci impegniamo a raggiungere un accordo il più presto possibile “.Eugen Teodorovici, ministro delle finanze della Romania, che attualmente detiene la presidenza del ConsiglioIl sistema europeo di supervisione finanziaria è stato istituito nel 2011 e comprende:tre autorità europee di vigilanza (ESA): l’Autorità bancaria europea (EBA), l’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (EIOPA) e l’Autorità europea dei valori mobiliari e dei mercati (ESMA). Supervisionano e forniscono una guida normativa per i singoli settori e istituzioni.il Comitato europeo per il rischio sistemico (ESRB) che sovrintende il sistema finanziario nel suo insieme e coordina le politiche dell’UE per la stabilità finanziaria.A seguito della crisi finanziaria, l’UE ha revisionato il suo sistema finanziario, compreso il modo in cui è regolamentato e supervisionato. Ha introdotto un regolamento unico, ossia un insieme di regolamenti concordati a livello dell’UE e direttamente applicabili in tutti gli Stati membri dell’UE, e ha creato le AEV. Queste autorità svolgono un ruolo chiave nel garantire che i mercati finanziari in tutta l’UE siano ben regolati, forti e stabili. Contribuiscono allo sviluppo e all’applicazione coerente del regolamento unico, risolvono i problemi transfrontalieri e quindi promuovono la convergenza normativa e di vigilanza.Leggi di più

Financial supervision: Council confirms position ahead of negotiations with Parliament

EU member states are committed to strengthening the supervisory framework for European financial institutions.

The Council confirmed its position on proposals to review the functioning of the current European system of financial supervision (ESFS). It invited the Romanian presidency to start negotiations with the European Parliament as soon as possible.

“The European supervisory authorities play an important role in contributing to the health of the EU’s financial system. They ensure that our common rules are implemented coherently throughout the EU and that national supervisors cooperate as efficiently as possible. This file is a priority for our Presidency and we are now ready to begin negotiations with the Parliament and are committed to reaching an agreement as soon as possible.”
Eugen Teodorovici, minister for finance of Romania, which currently holds the presidency of the Council

The European system of financial supervision was established in 2011 and consists of:

three European supervisory authorities (ESAs): the European banking authority (EBA), the European insurance and occupational pensions authority (EIOPA) and the European securities and markets authority (ESMA). They supervise and provide regulatory guidance for individual sectors and institutions.
the European systemic risk board (ESRB) which oversees the financial system as a whole and coordinates EU policies for financial stability.
Following the financial crisis, the EU overhauled its financial system, including how it is regulated and overseen. It introduced a single rulebook, i.e. a set of regulations agreed at EU level and directly applicable in all EU member states, and created the ESAs. These authorities play a key role in ensuring that the financial markets across the EU are well regulated, strong and stable. They contribute to the development and consistent application of the single rulebook, solve cross-border problems, and thereby promote both regulatory and supervisory convergence.

Read more