Il due novembre del poeta Rocco Criseo

Post in Area Grecanica, Calabria - Sicilia, Cultura

Oggi è un giorno di riflessione e di preghiera per tutti i nostri cari che non ci sono più. È anche un monito per il mondo intero:

– U DDU NOVEMBRI –

U ddu Novembri è u jornu di li morti
È fudda grandi nta lu cimiteru
Lu cori nta stu locu batti forti
A ccu’ non nc’esti cchju’ vai lu penseru

La vita la passamu sempri paru
A cumbattiri chi mulin’a ventu
A la ricerca di lu Ddiu dinaru
Ndi cunsumamu tutti a focu lentu

Ma quandu nta stu postu nui trasimu
E sim’avant’a st’animi nnucenti
Nta stu momentu allura capiscimu
Ca nta la vita nui non simu nenti

Di la matina a quandu ndi curcamu
Non nc’esti jornu mancu di precettu
Chi di patimi non di sazijamu
D’jinchimu d’odiu senza mai rigettu

Perdimmu u scialu di li cosi beddi
Di lu salutu veru spassionatu
D’un morz’i pani pe li povereddi
Di na carizza pe lu disperatu

Non nc’è cchju’ paci nta lu mundu ‘nteru
Nci sunnu guerri e lotti senza fini
Si jarzanu li mura o foresteru
Si chiudunu li ponti e li confini

Stu jornu rriva lestu e ndi cunduci
C’un man’un mazz’i hjuri e nu luminu
Davant’on pezz’i marmuru e na cruci
E ndi rendimu cunt’a undi finimu

Rocco Criseo