Veicoli pesanti: la presidenza del Consiglio dell’UE è d’accordo con il Parlamento sui primi obiettivi europei di riduzione delle emissioni di CO2 per i camion

Post in Attualità, Mondo, Politica

L’UE sta prendendo provvedimenti per ridurre le emissioni di CO2 dei camion. La presidenza rumena del Consiglio ha raggiunto un accordo provvisorio con i rappresentanti del Parlamento europeo su nuove norme che fissano obiettivi vincolanti di riduzione delle emissioni di CO2 per i veicoli pesanti. L’accordo provvisorio raggiunto oggi richiede l’approvazione da parte degli Stati membri.Le nuove regole garantiranno che tra il 2025 e il 2029, i nuovi camion emetteranno in media il 15% in meno di CO2 rispetto ai livelli di emissione del 2019. Dal 2030 in poi, sarà loro richiesto di emettere in media il 30% in meno di CO2. Tali obiettivi sono vincolanti e i produttori di autocarri che non rispettano dovranno pagare una sanzione finanziaria sotto forma di un premio per le emissioni in eccesso.”Per la prima volta, stiamo mettendo in atto obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2 per i veicoli pesanti.” L’accordo di oggi colma una lacuna nella legislazione ambientale europea e garantisce che il settore dei veicoli pesanti inizi a contribuire con i nostri obiettivi climatici. sono determinati a mantenere le promesse che abbiamo fatto in base all’Accordo di Parigi “.Graţiela Leocadia Gavrilescu, vice primo ministro rumeno e ministro dell’ambienteOltre a fissare obiettivi vincolanti, i colegislatori hanno convenuto di rafforzare il sistema di incentivi per i veicoli a zero ea basse emissioni (ZLEV) nel settore dei trasporti pesanti rispetto a quanto proposto dalla Commissione europea. Gli autobus e gli autobus sono stati esclusi dal sistema ZLEV perché questi tipi di veicoli sono già incentivati ​​attraverso altre misure.I colegislatori hanno inoltre concordato misure specifiche che garantiranno la disponibilità di dati solidi e affidabili. I dati saranno ottenuti attraverso dispositivi a bordo che monitorano il consumo effettivo di carburante e di energia dei veicoli pesanti.Già lo scorso anno il Consiglio ha adottato un regolamento che fornisce le basi tecniche per le nuove norme stabilendo in dettaglio in che modo le emissioni di CO2 dovranno essere monitorate e segnalate.Sfondo e prossimi passiLe emissioni di CO2 dei veicoli pesanti, compresi autocarri, autobus e pullman, rappresentano circa il 6% delle emissioni totali di CO2 nell’UE e il 27% delle emissioni totali di CO2 del trasporto stradale. Nel giugno 2018, il Consiglio ha adottato norme di monitoraggio e comunicazione delle emissioni di CO2 e il consumo di carburante dei nuovi veicoli pesanti. Attualmente, la normativa UE non stabilisce requisiti di riduzione di CO2 per tali veicoli.La Commissione ha adottato la proposta su questo nuovo regolamento il 17 maggio 2018. Essa mira a fissare le norme sulle prestazioni di emissione di CO2 per i nuovi veicoli pesanti e quindi aiutare gli Stati membri a raggiungere i loro obiettivi di riduzione delle emissioni concordati nell’ambito del regolamento sulla condivisione dello sforzo. Il Parlamento europeo ha approvato la sua posizione il 14 novembre 2018. Il 20 dicembre 2018 il Consiglio ha approvato la sua posizione (orientamento generale). I negoziati con il Parlamento europeo sono iniziati l’8 gennaio 2019 e si sono conclusi con l’accordo di oggi.L’accordo provvisorio raggiunto oggi richiede l’approvazione da parte degli Stati membri. Deve anche essere confermato attraverso un voto del Parlamento europeo. Una volta completati questi passaggi, l’adozione formale da parte del Consiglio può avvenire – è probabile che ciò avverrà entro la fine di maggio.Norme sulle emissioni di CO2 per i camion: il Consiglio condivide la sua posizione (comunicato stampa, 20/12/2018) Proposta della CommissioneProposta della CommissioneEmissioni di CO2 dei veicoli pesanti: il Consiglio adotta le norme di monitoraggio e comunicazione (comunicato stampa, 25/06/2018)Regolamento (UE) 2018/956 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 giugno 2018, relativo al monitoraggio e alla comunicazione delle emissioni di CO2 e del consumo di carburante dei nuovi veicoli pesantiVisita il sito

Heavy-duty vehicles: Council presidency agrees with Parliament on Europe’s first-ever CO2 emission reduction targets for trucks

The EU is taking steps to reduce CO2 emissions of lorries. The Romanian presidency of the Council reached a provisional deal with representatives of the European Parliament on new rules which set binding CO2 emission reduction targets for heavy-duty vehicles. The provisional agreement reached today requires endorsement by member states.

The new rules will ensure that between 2025 and 2029, new trucks will emit on average 15% less CO2 compared to 2019 emission levels. From 2030 onwards, they will be required to emit on average 30% less CO2. Those targets are binding, and truck manufacturers which do not comply will have to pay a financial penalty in the form of an excess emissions premium.

“For the first time, we are putting in place CO2 emission reduction targets for heavy-duty vehicles. Today’s agreement closes a gap in European environmental legislation. It ensures that the heavy-duty vehicle sector starts contributing its share to our climate goals. We are determined to deliver on the promises which we have made under the Paris Agreement.”
Graţiela Leocadia Gavrilescu, Romanian Deputy Prime Minister and Minister of the Environment

In addition to setting binding targets, the co-legislators agreed to strengthen the incentive system for zero- and low-emission vehicles (ZLEVs) in the heavy-duty sector compared to what was proposed by the European Commission. Buses and coaches were excluded from the ZLEV system because these vehicle types are already incentivized through other measures.

The co-legislators also agreed specific measures which will ensure the availability of robust and reliable data. Data will be obtained through on-board devices which monitor the actual fuel and energy consumption of heavy-duty vehicles.

Already last year, the Council adopted a regulation which provides the technical basis for the new rules by setting out in detail how CO2 emissions will need to be monitored and reported.

Background and next steps

CO2 emissions from heavy-duty vehicles including lorries, buses and coaches, represent around 6% of total CO2 emissions in the EU and 27% of total road transport CO2 emissions. In June 2018, the Council adopted monitoring and reporting rules of CO2 emissions as well as fuel consumption of new heavy-duty vehicles. Currently, EU law does not set any CO2 reduction requirements for such vehicles.

The Commission adopted the proposal on this new regulation on 17 May 2018. It aims to set CO2 emission performance standards for new heavy-duty vehicles and thereby help member states achieve their emission reduction targets agreed under the effort sharing regulation. The European Parliament agreed its position on 14 November 2018. The Council agreed its position (general approach) on 20 December 2018. Negotiations with the European Parliament started on 8 January 2019 and ended with today’s agreement.

The provisional agreement reached today requires endorsement by member states. It also needs to be confirmed through a vote by the European Parliament. Once these steps are completed, the formal adoption by the Council can take place – this is likely going to happen by the end of May.

CO2 emission standards for trucks: Council agrees its position (press release, 20/12/2018) Commission proposal

Commission proposal

CO2 emissions of heavy-duty vehicles: Council adopts monitoring and reporting rules (press release, 25/06/2018)

Regulation (EU) 2018/956 of the European Parliament and of the Council of 28 June 2018 on the monitoring and reporting of CO2 emissions from and fuel consumption of new heavy-duty vehicles

Visit the website