Te lo dico con un verso: AUGURI MAMMA

Post in Attualità, Italia, Società

Buona festa della mamma a tutte le mamme

La festa della mamma è una ricorrenza celebrativa in onore della maternità e dell’influenza sociale della madre. Un richiamo alla tradizione greca e romana dell’antichità, quando era solito celebrare con festeggiamenti e riti le divinità femminili e la fertilità con il ritorno della primavera e il risveglio della natura.

Oggi il nostro augurio a tutte le mamme, a quelle che lottano, che soffrono, a quelle lontane o vicine, alle mamme in cielo, a quelle che sperano… per ogni loro sorriso, per ogni loro pianto che possa sempre esserci una carezza sul loro viso o un bacio fino al Paradiso.

E allora AUGURI MAMMA… te lo dico con un verso

A te che sei madre

Le parole donate

scritte e parlate

Le piccole e grandi azioni quotidiane

per nulla al mondo vane

scalfiscono la vita

come nobili artigiane.

A chi le devo, se non a te?

A te che mi hai insegnato cos’è l’amore

e a metterlo in pratica

Mi rinnovi ogni giorno

che talvolta bisogna volare,

sopra le cose, sopra i giudizi

Piedi ben saldi a terra

Uguaglianza e tolleranza,

no ai pregiudizi.

A te che mi contagi

con i tuoi innati modi

Con garbo e affetto mi reggi,

in questo mondo fariseo mi proteggi.

A te che lotti senza scudi e corazze,

doni carezze.

Il peso di ogni cuore

sei sempre pronta ad alleviare.

Ribadisci e confermi che fede,

gratitudine e speranza

sono gli ingredienti 

per non lasciarsi andare.

A te che sorridi

nonostante il tuo perenne soffrire,

nascondi il dolore.

Ti fai in quattro per quello degli altri.

Il tuo viso, non lo fa mai notare

anzi trasmetti a iosa buonumore.

Dei verdi prati

sei il più bel fiore.

A te che sai trasformare

piogge di lacrime

in incredibili arcobaleni

Profumi di casa

Ossigeni il cuore

Sulle piccole cose

dici sempre,

il costruttivo e sano vivere si basa.

A te, donna, amica e sole

Conforti

Illumini come un raggio

quando la vita fa male,

brucia, duole.

A te che sei magnifica melodia,

suona dentro costante

ti avvolge e coinvolge,

in questa vita maestra

t’insegna e addestra.

A te madre mia

dedico questa voce

sgorgata dal cuore

in tutto il suo candore.

di Anita Bruzzese

Pensando a te… mamma

Guidasti i miei passi incerti

tenendomi le manine tra le tue .

Stasera ti guardo le mani stanche

e guido i tuoi passi

resi tremuli dal peso della vita.

Sei stata la luce delle mie mattine

quando ancora non distinguevo le sagome nell’aurora.

Oggi sono io la tua direzione

ora che i tuoi occhi non vedono più le ombre del tramonto.

Mi hai insegnato le prime paroline

quando tutto intorno mi era estraneo

mi trema il cuore,

adesso che le tue parole sono confuse.

Non credevo che le mamme invecchiassero,

tu mi hai sempre detto che saresti stata sempre presente,

per me.

E mentre preparo la tua zuppa di latte e biscotti,

mescolo con le lacrime il ricordo

della dolce fragranza del tuo seno.

 M’insegnasti le preghiera della fede,

svelandomi che nel cielo c’è Dio che tutto sa…

mi dicesti che il perdono

è l’unica fonte di speranza per il mondo,

perdonando grandi ferite che non meritavi.

E quando un giorno,

non mi sveglierà più l’ansia per la tua salute,

sentirò lo stesso,

dentro e intorno a me l’eco della tua anima

che mi sussurra che l’amore non muore mai.

L’amore che ci legò… mamma.

di Francesca Tavani

L’abbraccio dell’amore

Teneramente amore

doni madre mia

abbracciandomi a te.

Cullano i canti

un pupetto appena nato,

il sonno scende sugli occhi e tace il pianto.

Fiato sospeso e notti bianche.

Ti vedo,

ti sento,

conosco ogni sospiro perché

ti ho vista dentro.

Bello il  viso e bello il cuore

sei per me il primo amore.

Quando il tempo ruberà la beata gioventù

e l’argento della luna cadrà sui tuoi capelli,

spero che avrai un sorriso ancor per me,

ti darò l’abbraccio dell’amore,

io che son tuo figlio.

foto da wikipedia