Roma – TOR BELLA MONACA: arrestati due pusher. LAURENTINA – RAPINO’ UN BENZINAIO, identificato

Post in Attualità

TOR BELLA MONACA – DOSI PRONTE OCCULTATE NEL SOTTOSCALA DEL PALAZZO E ALTRA DROGA NASCOSTA IN UNA CANTINA. CARABINIERI ARRESTANO 2 PUSHER. 

ROMA – Ieri mattina, al termine di un servizio antidroga, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno arrestato 2 persone con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Si tratta di due cittadini romani, una 41enne e un 20enne, entrambi senza occupazione, notati, durante un’attività di osservazione e pedinamento in una nota piazza di spaccio in via dell’Archeologia, ad occultare un pacchetto di sigarette nel sottoscala di un complesso popolare. I Carabinieri, immediatamente intervenuti, hanno fermato i due e recuperato il pacchetto che, al suo interno, conteneva una chiave e 11 dosi di cocaina. Gli accertamenti eseguiti dai Carabinieri hanno permesso di scoprire che la chiave trovata apriva la porta di una cantina in uso ai pusher, nello stesso stabile, dove sono stati rinvenute 196 dosi di cocaina, già pronte per lo spaccio, e denaro contante, provento dell’attività illecita.

Quanto rinvenuto è stato sequestrato mentre gli arrestati sono stati portati in caserma e trattenuti nelle camere di sicurezza, in attesa del rito direttissimo.

LAURENTINA – A DICEMBRE SCORSO RAPINO’ UN BENZINAIO, IDENTIFICATO E ARRESTATO DAI CARABINIERI.

ROMA – I Carabinieri della Stazione Roma San Paolo, a conclusione di un’attività d’indagine, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma nei confronti di un pregiudicato romano di 54 anni, ritenuto responsabile di rapina.

Il provvedimento cautelare è stato emesso su richiesta della Procura della Repubblica di Roma al termine di una complessa attività d’indagine diretta dal Pubblico Ministero del pool della Procura che tratta, tra l’altro, i reati contro il patrimonio, diretto dal Procuratore Aggiunto Dott.ssa Lucia Lotti.

Le indagini traggono origine dalla rapina messa a segno, lo scorso mese di dicembre, in un distributore di carburante di via Laurentina: l’analisi dei dati acquisti nell’immediatezza dei fatti, riscontrati dai filmati estrapolati dal sistema di videosorveglianza del distributore, hanno consentito, in breve tempo, di individuare il rapinatore.

Secondo quanto accertato, l’indagato si introdusse nella stazione di servizio chiedendo ad un impiegato la somma di 10 euro per poter rifornire la propria autovettura. Al diniego ottenuto dal benzinaio, il pregiudicato, sotto la minaccia di un coltello, costrinse la vittima a consegnargli il portafogli contenente la somma di 375 euro allontanandosi, subito dopo, a bordo di un’autovettura condotta da un complice.

Il rapinatore è stato rinchiuso nel carcere di Regina Coeli.