Regole aggiornate sull’iniziativa dei cittadini europei

Post in Attualità, Mondo, Politica

Il Consiglio ha adottato oggi un regolamento aggiornato sull’iniziativa dei cittadini europei che apporterà una serie di miglioramenti agli organizzatori e ai cittadini europei che desiderano esprimere il proprio sostegno a iniziative su questioni specifiche.
“Si tratta di un importante passo in avanti per avvicinare i cittadini all’Unione europea: presentare le richieste ai responsabili delle decisioni dell’UE diventerà più facile. Sono ansioso di iniziative di maggior successo e di più attivi dibattiti transfrontalieri su questioni europee grazie alla legislazione aggiornata adottato oggi. ”
George Ciamba, Ministro delegato rumeno per gli affari europei
La cosiddetta iniziativa dei cittadini europei consente ai cittadini di chiedere alla Commissione di presentare una proposta legislativa se i sostenitori di un’iniziativa sono almeno un milione e provengono da almeno un quarto degli Stati membri dell’UE.
L’avvio di tali iniziative e la raccolta di firme diventeranno più semplici grazie a un sistema centrale online, che verrà creato e reso disponibile per gli organizzatori, a titolo gratuito. Consentirà il supporto di un’iniziativa online utilizzando l’identificazione elettronica (eID) o firmando la dichiarazione di supporto con una firma elettronica e per le firme raccolte su carta da caricare.
Inoltre, al fine di consentire una transizione graduale al sistema comune, i singoli sistemi di raccolta possono continuare ad essere utilizzati per iniziative registrate prima della fine del 2022.
Altre modifiche comprendono una migliore assistenza agli organizzatori, la traduzione di tutte le iniziative in tutte le lingue dell’UE, entro certi limiti e la possibilità di una registrazione parziale, nei casi in cui parti di un’iniziativa suggerita non rientrano nell’area di competenza della Commissione. Per poter sfruttare appieno il periodo di raccolta di 12 mesi, gli organizzatori avranno maggiore flessibilità nel decidere la data di inizio, a seconda dei preparativi.
Secondo le nuove regole, i cittadini dell’UE possono sostenere iniziative indipendentemente dal loro paese di residenza e devono fornire meno dettagli personali quando forniscono dichiarazioni di sostegno. I giovani avranno maggiori opportunità di partecipazione in quanto gli Stati membri possono, in conformità con le loro leggi nazionali, stabilire l’età minima per sostenere un’iniziativa a 16 anni.
Per iniziative di successo, il processo di follow-up sarà anche migliorato. Tra le altre cose, il periodo di esame per tali iniziative è esteso da 3 a 6 mesi per consentire più tempo per discussioni, audizioni e analisi del PE prima che la Commissione stabilisca le sue conclusioni politiche e giuridiche.
Le nuove regole si applicano dal 1 ° gennaio 2020.
Regolamento sull’iniziativa dei cittadini europei
Iniziativa dei cittadini europei: i negoziatori del Consiglio e del Parlamento raggiungono un accordo su una serie di miglioramenti (comunicato stampa, 13/12/2018)
Visita il sito

Updated rules on the European Citizens’ Initiative adopted

European citizens’ initiatives will become easier to set up, support and bring to a successful conclusion.

The Council today adopted an updated regulation on the European Citizens’ Initiative which will bring a number of improvements for organisers and Europeans wishing to express their support for initiatives on specific issues.

“This is an important step forward in bringing citizens closer to the European Union. Presenting requests to EU decision-makers will become easier. I am looking forward to more successful initiatives and more active cross-border debates on European matters thanks to the updated legislation adopted today.”
George Ciamba, Romanian Minister Delegate for European Affairs

The so-called European Citizens’ Initiative enables citizens to ask the Commission to bring forward a legislative proposal if the supporters of an initiative number at least one million and come from at least one quarter of EU member states.

Launching such initiatives and collecting signatures will become easier due to a central online system, which will be set up and made available for organisers, free of charge. It will allow for support to be given to an initiative online by using electronic identification (eID) or by signing the statement of support with an electronic signature, and for signatures collected on paper to be uploaded.

Moreover, in order to allow for a smooth transition to the common system, individual collection systems can continue to be used for initiatives registered before the end of 2022.

Other changes include improved assistance to organisers, translation of all initiatives into all EU languages, within certain limits, and the possibility of partial registration, in cases where parts of a suggested initiative do not fall within the Commission’s area of competence. In order to be able to make full use of the 12-month collection period, organisers will have more flexibility to decide its starting date, depending on their preparations.

Under the new rules, EU citizens can support initiatives regardless of their country of residence and need to give fewer personal details when providing statements of support. Young people will have increased opportunities to participate as member states may, in accordance with their national laws, set the minimum age for supporting an initiative at 16 years.

For successful initiatives, the follow-up process will also be improved. Among other things, the examination period for such initiatives is extended from 3 to 6 months to allow more time for discussions, EP hearings and analysis before the Commission sets out its political and legal conclusions.

The new rules will apply from 1 January 2020.

Regulation on the European citizens’ initiative

European Citizens’ Initiative: Council and Parliament negotiators reach agreement on a set of improvements (press release, 13/12/2018)

Visit the website