Regime globale di sanzioni dell’UE sui diritti umani: dichiarazione dell’alto rappresentante a nome dell’Unione europea

Post in Attualità, Cultura, Featured, Mondo, Politica

Mentre ci avviciniamo alla Giornata dei diritti umani il 10 dicembre, l’Unione europea ei suoi Stati membri riaffermano il loro forte impegno per la promozione e la protezione dei diritti umani nel mondo. L’istituzione del regime globale di sanzioni sui diritti umani dell’UE è un’iniziativa fondamentale per sottolineare la determinazione dell’UE a rafforzare il proprio ruolo nell’affrontare gravi violazioni e abusi dei diritti umani in tutto il mondo.
Realizzare l’effettivo godimento dei diritti umani da parte di tutti è un obiettivo strategico dell’UE. Il rispetto della dignità umana, la libertà, la democrazia, l’uguaglianza, lo stato di diritto e il rispetto dei diritti umani sono valori fondamentali dell’Unione europea e della politica estera e di sicurezza comune dell’UE.
Gli Stati hanno la responsabilità primaria di rispettare, proteggere e realizzare i diritti umani. La realtà è che anche nel 21 ° secolo assistiamo a gravi violazioni dei diritti umani e abusi in diverse parti del mondo, spesso senza conseguenze per gli autori. Atti come genocidio, crimini contro l’umanità, tortura, schiavitù, esecuzioni extragiudiziali, violenza sessuale e di genere, sparizioni forzate, arresti o detenzioni arbitrarie e traffico di esseri umani sono inaccettabili. Porre fine alle violazioni e agli abusi dei diritti umani in tutto il mondo è una priorità fondamentale per l’UE. Il regime globale di sanzioni sui diritti umani dell’UE fornisce all’UE uno strumento aggiuntivo per essere in grado di difendere i diritti umani in modo più tangibile e diretto.
Il regime globale di sanzioni sui diritti umani dell’UE si rivolge a individui ed entità responsabili o coinvolti in gravi violazioni o abusi dei diritti umani, nonché individui ed entità ad essi associati. Può prendere di mira attori statali e non statali. Di conseguenza, agli autori e ai loro associati può essere vietato l’ingresso nell’UE, i loro beni nell’UE congelati e alle persone dell’UE vietato mettere a loro disposizione fondi e risorse economiche.
Il regime di sanzioni globali sui diritti umani dell’UE non è specifico per paese. Può affrontare gravi violazioni dei diritti umani e abusi in tutto il mondo, compresi quelli che avvengono a livello transfrontaliero. Completa i regimi di sanzioni geografiche che affrontano violazioni e abusi dei diritti umani.
Le sanzioni da sole non possono prevenire o porre fine a tutte le violazioni e gli abusi dei diritti umani. Hanno lo scopo di cambiare il comportamento di un attore e fungere da deterrente per gravi violazioni e abusi dei diritti umani. La loro applicazione sarà coerente con l’approccio globale di politica estera dell’UE. In tale contesto, l’UE utilizzerà l’intera gamma dei suoi strumenti politici e finanziari per promuovere e proteggere ulteriormente i diritti umani come previsto nel piano d’azione sui diritti umani e la democrazia (2020-2024) recentemente adottato.
Visita il sito web