Qualità Abitare, il gruppo del Partito Democratico reggino: “Regione Calabria ferma al palo. Spirli e Catalfamo di cosa si occupano?”

Post in Attualità, Calabria - Sicilia, Politica

I consiglieri del gruppo comunale del PD stigmatizzano l’assenza della Regione Calabria tra le pochissime regioni rimaste fuori dal bando indetto dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile che ha finanziato quasi 300 progetti per 3,2 miliardi. A Reggio Calabria, tra Comune e Città Metropolitana, sono ben 5 i progetti ammessi, per un totale di 65 milioni di euro

“Regione Calabria ferma al palo. Tra le pochissime regioni a non aver partecipato al bando Qualità Abitare indetto dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile che ha finanziato più di 270 progetti in tutta Italia per un totale di più di 3,2 miliardi. Le graduatorie pubblicate negli ultimi giorni mostrano inesorabili la pesantissima assenza della Regione Calabria dall’elenco degli Enti che hanno partecipato al bando e che sono stati ammessi a finanziamento. Un danno gravissimo per tutti i calabresi, una decisione inspiegabile da parte dell’Assessorato alle Infrastrutture di Domenica Catalfamo e dell’intera Giunta regionale guidata dal facente funzione Nino Spirlì. Chi risarcirà adesso la Calabria per i danni causati da questa imperdonabile dimenticanza o peggio ancora imperizia?”. E’ quanto affermano in una nota i consiglieri del Gruppo comunale del Partito Democratico di Reggio Calabria.

“Tra i progetti presenti in graduatoria e finanziati ad esempio – prosegue la nota – spiccano quelli presentati da Regione Abruzzo, dalla Lombardia, dalla Sicilia, dalla Liguria, ed ancora da da Regione Campania, Umbria, Marche, Puglia, Toscana, Lazio, Molise, Veneto, Emilia Romagna. Insomma quasi tutte le Regioni italiane hanno presentato progetti che sono stati ammessi e finanziati nella graduatoria di valutazione dell’Alta Commissione insediata presso il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile. La Regione Calabria è sostanzialmente tra le pochissime Regioni escluse. E non si capisce realmente perchè, considerando la fame di infrastrutture e l’atavica necessità di interventi nel settore dell’edilizia residenziale pubblica che caratterizza il nostro territorio”.

“E così mentre Reggio Calabria gode di ben cinque finanziamenti ammessi, tre per il Comune capoluogo e due per la Città Metropolitana, per un totale complessivo di oltre 65 milioni di euro, la Calabria rimane incredibilmente esclusa da questa opportunità”. “Una circostanza gravissima – aggiungono i consiglieri – sulla quale è il caso che l’Assessore regionale alle Infrastrutture Domenica Catalfamo ed il presidente ff Nino Spirlì debbano delle spiegazioni a tutti i cittadini calabresi, che incredibilmente si vedono negare un’occasione che tante altre Regioni italiane, quasi tutte a dire il vero, e tantissimi enti locali, dai Comuni alle Città Metropolitane, hanno correttamente utilizzato presentando progetti di indubbio valore