Programma di lavoro dell’Eurogruppo fino a giugno 2021

Post in Attualità, Cultura, Economia Finanza Leggi, Featured, Italia, Mondo, Politica
Paschal Donohoe, President of the Eurogroup

La pandemia COVID-19 ha causato uno shock economico senza precedenti, con alti costi umani e profonde ripercussioni sociali. In risposta, l’Unione Europea ei suoi Stati membri hanno adottato misure altrettanto senza precedenti per mitigare l’impatto della crisi.
L’Eurogruppo è stato in prima linea nella prima risposta di politica economica e continuerà a svolgere un ruolo chiave nell’aiutare i cittadini, le imprese e gli Stati membri a riprendersi dagli impatti della pandemia. L’Eurogruppo in formato inclusivo ha approvato reti di sicurezza per un valore di 540 miliardi di EUR per aiutare gli Stati membri ad affrontare le sfide immediate affrontate. Queste reti di sicurezza includono lo strumento per il supporto temporaneo per mitigare i rischi di disoccupazione in caso di emergenza (SURE), il Fondo paneuropeo di garanzia della BEI e il sostegno alle crisi pandemiche dell’ESM.
A luglio, il Consiglio europeo ha approvato uno strumento di ripresa di importanza storica per far fronte alle conseguenze della crisi. Next Generation EU consentirà all’Unione di fornire prestiti e sovvenzioni agli Stati membri per sostenere i loro sforzi di recupero. L’Eurogruppo attende con impazienza di lavorare in modo aperto e collaborativo con tutte le parti per garantire che la zona euro esca con forza dalla crisi.
Un’economia europea forte, con l’euro al centro, è essenziale per la ripresa e il ritorno a un percorso di crescita sostenibile. Attraverso le sue discussioni informali ad alto livello, l’Eurogruppo sarà un forum per deliberazioni inclusive, promuovendo una comprensione comune delle sfide e delle politiche appropriate all’interno dell’area dell’euro e in cooperazione con gli Stati membri non appartenenti all’area dell’euro su questioni di interesse comune. Lavorerà a stretto contatto con le istituzioni dell’UE e la Presidenza del Consiglio per realizzare le sue priorità politiche.
I settori strategici prioritari dell’Eurogruppo
L’Eurogruppo continuerà a guidare l’economia della zona euro verso una ripresa inclusiva a vantaggio di tutti i cittadini concentrando il proprio lavoro su una serie di settori strategici prioritari:
Politiche economiche e fiscali a sostegno della ripresa e della crescita a lungo termine. L’attuazione di politiche efficaci e sostenibili in modo concertato per stabilizzare l’economia e sostenere la ripresa richiede un dialogo e un coordinamento politico intensi. Next Generation EU, compresa la sua enfasi sulle agende verdi e digitali, sarà un elemento chiave nel sostenere la ripresa degli Stati membri. L’Eurogruppo svolgerà un ruolo importante nel promuovere la coerenza e la coerenza tra le politiche nazionali, l’uso dei nuovi strumenti di finanziamento dell’UE e le priorità della zona euro. Il coordinamento all’interno dell’Eurogruppo contribuirà a dare priorità alle azioni politiche che facilitano la ripresa economica e promuove le riforme strutturali e gli investimenti che aumentano la resilienza e promuovono la convergenza all’interno dell’Unione economica e monetaria e dell’UE nel suo insieme. L’Eurogruppo cercherà di allineare la riforma agli obiettivi di una transizione verde e di un futuro digitale.
La valutazione annuale dei documenti programmatici di bilancio sarà il momento per fornire orientamenti sull’orientamento di bilancio generale della zona euro e sui piani di bilancio degli Stati membri. Allo stesso tempo, la revisione del quadro di governance economica avviata dalla Commissione fornirà un’opportunità per assumere una prospettiva critica ma costruttiva sull’efficacia di questo processo e sulla sorveglianza di bilancio in generale. Allo stesso modo, le raccomandazioni dell’area dell’euro forniranno all’Eurogruppo il canale per formulare le proprie opinioni politiche e sostenere un mix di politiche coerente in un’ampia gamma di politiche economiche e fiscali, che è tanto più rilevante nel contesto della ripresa. L’Eurogruppo continuerà a discutere le politiche che affrontano le sfide a lungo termine, come investimenti più mirati e mirati nelle transizioni verdi e digitali e le riforme strutturali per sostenere il potenziale di crescita, al fine di promuovere l’apprendimento reciproco e diffondere le migliori pratiche.
Infine, l’Eurogruppo monitorerà regolarmente gli sviluppi macroeconomici e di bilancio e terrà discussioni sulle riforme.
Rafforzare l’unione bancaria. La recente crisi ha dimostrato che un settore finanziario ben funzionante e un’unione bancaria resiliente sono fondamentali per finanziare la ripresa di famiglie e imprese. L’Eurogruppo ha convenuto che il completamento dell’Unione bancaria è una priorità e ha riconosciuto la necessità di portare avanti l’Unione bancaria in modo olistico e su base consensuale. Nei prossimi mesi, i ministri delle finanze si concentreranno sulla finalizzazione dell’accordo sul trattato MES, nonché sull’introduzione anticipata del sostegno comune all’SRF sulla base della prossima valutazione di riduzione del rischio da parte delle istituzioni dell’UE. I ministri faranno anche progressi con la questione della liquidità nella risoluzione e in via prioritaria esamineranno alcuni aspetti specifici del quadro di gestione delle crisi.

Gli obiettivi dell’Unione dei mercati dei capitali di sostenere il finanziamento dell’economia e rafforzare i meccanismi di aggiustamento basati sul mercato nell’area dell’euro meritano di essere presi in considerazione dall’Eurogruppo, dato il suo ruolo crescente nel finanziamento dell’attività economica dell’area dell’euro fatte salve le discussioni che si svolgono in seno al Consiglio Ecofin . L’Unione dei mercati dei capitali può integrare l’Unione bancaria, oltre a fornire un’alternativa alla finanza intermediata dalle banche. È anche importante per l’approfondimento dell’Unione economica e monetaria e mercati dei capitali profondi e liquidi sono un prerequisito per un ruolo rafforzato dell’euro. Alla luce dell’impatto della crisi attuale, il raggiungimento di questi obiettivi è fondamentale e sarà pienamente sostenuto dall’Eurogruppo.
L’euro come valuta digitale. Le nuove tecnologie nel settore bancario e dei pagamenti stanno dando origine a nuovi servizi e modelli di business da parte di istituzioni finanziarie consolidate e nuovi operatori del mercato. L’analisi delle valute digitali e di un potenziale euro digitale è intrapresa da istituzioni internazionali, governi e settore privato. Recenti iniziative della Banca centrale europea e della Commissione evidenziano la portata della sfida per l’UE di trovare il giusto equilibrio tra innovazione e tutela dei consumatori, consolidando l’autonomia economica nel campo dei pagamenti e un’eventuale moneta digitale della banca centrale. Sebbene gli aspetti regolamentari dettagliati di questi cambiamenti siano al di fuori della competenza dell’Eurogruppo, l’Eurogruppo esaminerà attentamente l’impatto in corso che questi cambiamenti avranno sulle economie dell’area dell’euro al fine di salvaguardare la stabilità finanziaria e la sovranità monetaria, pur rimanendo in prima linea nell’innovazione e nel sostegno alla crescita.
Ruolo internazionale dell’euro. L’euro è un’importante valuta internazionale. L’Eurogruppo continuerà a monitorare attentamente le potenziali opportunità e vantaggi, ma anche i rischi di un rafforzamento del ruolo internazionale dell’euro. Altrettanto importante, l’Eurogruppo monitorerà i piani e le azioni relative all’introduzione dell’euro negli Stati membri con deroga. Offrirà il proprio sostegno e orientamento sulle politiche appropriate che porteranno a una partecipazione di successo all’ERM II e all’eventuale introduzione dell’euro.
Particolare importanza sarà data al rafforzamento del legame con i cittadini europei e all’aumento del loro senso di appartenenza all’euro e all’Unione economica e monetaria. L’Eurogruppo si impegna a garantire la trasparenza e rafforzare la legittimità dell’euro e dell’Unione economica e monetaria. Nelle sue deliberazioni presterà attenzione e comunicherà chiaramente l’impatto ai cittadini. Nell’ambito del programma di lavoro, l’Eurogruppo farà il punto sull’attuazione del regime di trasparenza.

Full Eurogroup work programme and proposed agendas for upcoming meetings, 5 October 2020

Visit the website