Osservazioni di Mário Centeno a seguito della riunione dell’Eurogruppo del 7 novembre 2019

Post in Attualità, Mondo, Politica

Oggi abbiamo avuto un Eurogruppo piuttosto promettente. Il mese scorso siamo riusciti a sbarcare il progetto dello strumento di bilancio dell’area dell’euro, oggi ho avvertito un nuovo impulso per sviluppare altre strade importanti per rafforzare ulteriormente l’euro.
Vorrei iniziare con la nostra discussione tematica su investimenti e innovazione.
Abbiamo saputo dalla Commissione che l’area dell’euro ha investito in ricerca e innovazione rispetto ai nostri concorrenti più dinamici. In particolare, le spese in R&S del settore privato rimangono basse rispetto al Giappone, agli Stati Uniti o alla Cina.
Siamo tutti d’accordo sul fatto che ciò debba cambiare, e in effetti questa è stata una conclusione principale dalla nostra discussione sulla situazione economica del mese scorso. La domanda è come.
La Commissione ha sostenuto una serie di iniziative nazionali ed europee per promuovere un sistema di innovazione efficace.
Per questa discussione, ho invitato Albert Bravo-Biosca, che è un esperto di politica dell’innovazione. Ha sottolineato il ruolo cruciale della progettazione delle politiche: in particolare come gli approcci sperimentali possono migliorare l’efficienza delle politiche pubbliche a sostegno dell’innovazione e massimizzare il loro ritorno. Ha fatto proposte concrete su come una piccola parte degli investimenti pubblici, ad esempio tramite BICC, e un regime normativo meno frammentato per gli innovatori possano fare una grande differenza.
La nostra discussione è stata più ampia. L’innovazione promuove la produttività e la competitività dell’Unione monetaria, migliorandone la resilienza e promuovendo la convergenza. Questo è stato un momento di riflessione tempestivo, data anche la necessità di attuare risposte politiche valide per contrastare il rallentamento.
Nelle sue previsioni autunnali pubblicate oggi, la Commissione ha confermato questa tendenza in rallentamento. Pierre Moscovici ha presentato le sue previsioni ai ministri e mi aspetto che dica qualche parola su questo in un momento.
Per quanto riguarda gli aspetti fiscali delle previsioni, torneremo il prossimo mese quando esamineremo i pareri della Commissione sui documenti programmatici di bilancio.
Un’altra strada importante oggi è la nostra discussione sul rafforzamento dell’unione bancaria, incluso il sistema europeo di assicurazione dei depositi, noto anche come EDIS. Il presidente del gruppo di lavoro ad alto livello ci ha informato dei buoni progressi nelle discussioni a livello di viceministro delle finanze. Hanno discusso delle caratteristiche di un’unione bancaria statale stabile, compreso un EDIS a tutti gli effetti, ma anche altri elementi come le leggi sull’insolvenza, l’integrazione transfrontaliera, il trattamento regolamentare delle esposizioni sovrane e un bene sicuro.
Oggi abbiamo anche ascoltato una proposta della Germania sull’unione bancaria. Tutti abbiamo accolto con favore questo contributo; segnala un chiaro impegno a impegnarsi con i partner europei in un dibattito tanto necessario per completare l’unione bancaria. Questa è ancora una discussione difficile e dovremo muoverci passo dopo passo, ma questo non è diverso da quello che facciamo in Europa in altri casi. Sento un nuovo umore nella stanza e spero che il prossimo mese saremo in grado di concordare una tabella di marcia per avviare negoziati politici su questo importantissimo fascicolo.
Altri elementi della nostra riforma dell’area dell’euro sono più avanzati. E un accordo sui dettagli di attuazione è stato elaborato a livello tecnico.
Sulla riforma del MES, come ricorderete, abbiamo concordato ampiamente sulle modifiche del trattato a giugno e i dirigenti ci hanno chiesto di lavorare sulla documentazione legale. L’obiettivo è quello di concludere l’intero pacchetto a dicembre.
Lascia che ti dia uno stato di avanzamento su questo file. Sono stati avviati intensi lavori tecnici e alcuni di questi documenti legali sono stati concordati e chiusi. In particolare la linea guida ESM modificata per i programmi precauzionali e la metodologia comune sull’analisi della sostenibilità del debito. Anche il memorandum di cooperazione tra la Commissione e il MES è quasi chiuso.
Oggi ci siamo concentrati sul backstop comune. Parte del lavoro è già stata svolta e il lavoro è avanzato sulle linee guida e sulle risoluzioni del Consiglio superiore. Ritorneremo al backstop, compresa la prima presentazione, al nostro prossimo incontro, il 4 dicembre. Sono fiducioso che finalizzeremo le questioni in sospeso e concluderemo il pacchetto completo.
Infine, abbiamo seguito brevemente l’accordo di ottobre sullo strumento di bilancio dell’area dell’euro. Gli atti legislativi che istituiscono BICC sono in corso. Il lavoro legislativo è iniziato sotto la presidenza finlandese. Numerosi membri hanno chiesto un regolamento specifico sul BICC in quanto si tratta di uno strumento autonomo. Naturalmente, questo è qualcosa da risolvere nel processo legislativo. Lavoreremo ulteriormente sull’IGA, che era uno dei flussi di lavoro ancora aperti dopo l’incontro di ottobre. Torneremo a questo l’anno prossimo.
Vorrei concludere con alcune brevi note.
Oggi abbiamo dato il benvenuto a Christine Lagarde nella sua nuova carica di presidente della BCE. Christine ha partecipato all’Eurogruppo a diversi livelli per molti anni. Porta una vasta esperienza in questa nuova posizione e so che possiamo aspettarci un’eccellente cooperazione.
Tuttavia, sulla BCE, l’Eurogruppo ha dato il suo unanime sostegno al Prof. Isabel Schnabel per diventare membro del Comitato esecutivo della BCE.
Il Consiglio dovrebbe ora adottare domani una raccomandazione formale al Consiglio europeo, che sarà in grado di confermare la nomina, dopo aver consultato il Parlamento europeo e la BCE.
In Portogallo, in seguito alla nomina del nuovo governo, ho chiesto a Ricardo Mourinho Felix di presentare al gruppo le priorità politiche del nuovo governo, come di consueto in questi casi.
Alla fine, oggi abbiamo salutato Harris Georgiades. I recenti incontri sono stati più tranquilli per Harris rispetto a quando è entrato a far parte dell’Eurogruppo nel 2013 e questo è un riflesso degli enormi progressi compiuti nella stabilizzazione dell’economia cipriota.
Il mese scorso abbiamo anche salutato Pierre Moscovici, ma è tornato da noi per – almeno – un altro incontro.
Visita il sito Web