Nasce “Solidarietà digitale”, la digitalizzazione a supporto di cittadini e imprese

Post in Attualità, Cultura, Italia

di Bruna Maria Antonia Primerano

Ascoltiamo, vediamo e leggiamo ogni giorno decine di notizie riguardo il Coronavirus, ci viene ripetuto sempre ciò che possiamo e non possiamo fare in questo momento cosi difficile e delicato per noi italiani che, tutto d’un tratto, ci siamo visti togliere la nostra “normalità”, per una buona causa: preservare la salute di tutti.

Dal lavoratore che si recava sul posto di lavoro, agli studenti che al mattino andavano a scuola e in università, o alle casalinghe che ad un tratto si sono ritrovate tutta la famiglia riunita forzatamente a casa, la vita è cambiata per tutti e ciò richiede un grande spirito di adattamento. Proprio per questo motivo, il Ministero per l’innovazione tecnologica e la Digitalizzazione, ha ideato “Solidarietà Digitale”, una iniziativa volta a ridurre l’impatto sociale ed economico del Coronavirus grazie a soluzioni e servizi innovativi.

Le iniziative, i servizi e le soluzioni disponibili hanno il comune obiettivo di migliorare la vita delle persone che in questo momento si vedono costrette a cambiare le loro abitudini permettendo di: lavorare da remoto, attraverso connettività rapida e gratuita e l’utilizzo di piattaforme di smart working avanzate. Leggere gratuitamente un giornale anche senza andare in edicola o un libro senza andare in libreria sul proprio smartphone o tablet. Restare al passo con i percorsi scolastici e di formazione, grazie a piattaforme di e-learning.

Una azienda o una associazione può aderirvi compilando il form on-line sul sito istituzionale del ministero a questo indirizzo: https://solidarietadigitale.agid.gov.it/#/come-funziona. Da qui i saperi, le proposte, i servizi possono essere alla portata di tutti. Infatti, è possibile trovare ad esempio chiamate e giga illimitati degli operatori Wind e Tim, corsi di formazione gratuiti come quelli offerti da Amazon su una ampia scelta, abbonamenti gratis ai quotidiani di La Stampa e Repubblica per tre mesi, o e-book come quelli emessi da Mondadori.

Le opzioni possibili sono diverse e ricadono negli ambiti più comuni della normalità quotidiana, con la facilità di un click è possibile continuare ad essere aggiornati e preparati anche in questo periodo in cui gli italiani sono chiamati a vivere da casa.