MILANO: ARRESTO DI UN SOGGETTO APPARTENENTE ALLA BANDA ”LATIN KING LUZBEL o LUZBERIANI”

Post in Attualità
  1. Arresto

Il 31 marzo 2020, alle  ore 12.30 circa,  durante l’attività di controllo stradale in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica da “covid-19”, i militari della dipendente Stazione di Milano Barona controllavano e traevano in arresto O.C.F.A. ecuadoregno classe 1997 già appartenente alla banda LATIN KING LUZBEL o LUZBERIANI, in esecuzione all’ordine di applicazione della misura cautelare della custodia cautelare in carcere, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Milano in data 11.03.2013, per “partecipazione ad associazione per delinquere finalizzata alla commissione di delitti contro l’ordine pubblico, contro la persona e violazione legge stupefacenti”.

In particolare, i militari operanti, durante il servizio perlustrativo in Largo Tazio Nuvolari, notavano un soggetto con fare sospetto nei pressi della fermata autobus 94, al quale indirizzavano domande tese a chiarire il motivo che giustificava, ai sensi delle norme in vigore, il suo movimento sul territorio nazionale.  Alle richieste dei militari, O.C.F.A riferiva di dover raggiungere il comune di Pavia ( dove in passato risiedeva) per aggiornare la sua carta di identità, ma considerate le giustificazioni addotte, gli operanti procedevano a dei controlli più approfondi, dai quali emergeva, a carico dell’interessato, un ordine di cattura.

Convivente, padre di una bambina di 4 anni, dipendente di una gelateria di Rozzano, O.C.F.A, durante le formalità di rito dell’arresto,  ha confessato di aver commesso degli errori quando era ragazzo e dei quali si pentiva amaramente.

 

  1. Operazione “amor Del Rey”

Il provvedimento scaturisce da una complessa attività investigativa sviluppata dal Commissariato P.S. “Mecenate” di Milano su numerosi e inquietanti episodi criminosi che si sono susseguiti a Milano dal 2011 fino all’estate 2012, e che hanno visto coinvolti gruppi di giovani di origine sudamericana, riconducibili al fenomeno delle c.d. “Pandillas”, tutti gravemente indiziati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati contro la persona, il patrimonio e il traffico di stupefacenti.