Lettera d’invito del presidente Donald Tusk ai membri del Consiglio europeo (articolo 50 richiesta May estensione) in vista della riunione straordinaria del 10 aprile 2019

Post in Attualità, Mondo, Politica

La scorsa settimana ho ricevuto una lettera dal Primo Ministro May che richiedeva un’ulteriore estensione del periodo di Articolo 50, fino al 30 giugno 2019. Nella sua lettera il Primo Ministro afferma che la politica del governo britannico rimane quella di lasciare l’UE in modo ordinato, e che sta quindi cercando un consenso in tutta la Camera dei Comuni sulla strada giusta da seguire. Aggiunge anche che, se il Regno Unito fosse un membro dell’UE il 23 maggio 2019, sarebbe stato giuridicamente obbligato a tenere elezioni al Parlamento europeo.
Dati i rischi posti da una Brexit no-deal per le persone e le imprese su entrambi i lati della Manica, confido che continueremo a fare tutto il possibile per evitare questo scenario. Perciò propongo che consideriamo la richiesta del Primo Ministro May per un’estensione alla nostra riunione di domani.
Tuttavia, la nostra esperienza fino ad oggi, così come le profonde divisioni all’interno della Camera dei Comuni, ci danno poche ragioni per credere che il processo di ratifica possa essere completato entro la fine di giugno. In realtà, la concessione di tale estensione aumenterebbe il rischio di una serie continua di estensioni brevi e vertici di emergenza, creando nuove date a picco. Questo, a sua volta, quasi certamente oscurerebbe l’attività dell’EU27 nei prossimi mesi. La continua incertezza sarebbe anche negativa per le nostre imprese e i nostri cittadini. Infine, se non riuscissimo a trovare un accordo su una prossima estensione, ci sarebbe il rischio di una Brexit di no-deal accidentale.
Questo è il motivo per cui credo che dovremmo discutere anche di un’estensione alternativa più lunga. Una possibilità sarebbe un’estensione flessibile, che durerebbe solo il tempo necessario e non più lungo di un anno, poiché oltre tale data dovremo decidere all’unanimità su alcuni progetti chiave europei. La flessibilità consentirebbe di terminare automaticamente l’estensione, non appena entrambe le parti avranno ratificato l’accordo di revoca. Il Regno Unito sarebbe libero di andarsene quando è pronto. E l’EU27 eviterebbe i ripetuti vertici sulla Brexit. È importante sottolineare che una lunga estensione fornirebbe maggiore certezza e prevedibilità rimuovendo la minaccia di date in continuo cambiamento. Inoltre, in caso di continuo stallo, un’estensione più lunga consentirebbe al Regno Unito di ripensare la sua strategia Brexit.
Alcuni di voi hanno espresso il timore che la continua presenza del Regno Unito come paese UE in partenza possa rappresentare un rischio per il funzionamento dell’UE a 27 in un momento in cui vengono prese decisioni chiave sul suo futuro. Per affrontarli dovremmo concordare una serie di condizioni: nessuna riapertura dell’Accordo di revoca; nessun inizio dei negoziati sul futuro, fatta eccezione per la Dichiarazione politica; il Regno Unito dovrebbe mantenere la sua sincera collaborazione anche durante questo periodo cruciale, in modo da rispecchiare la sua situazione di stato membro uscente. Dovremmo ricordare, tuttavia, che il Regno Unito rimarrà uno Stato membro con pieni diritti e doveri. E, in ogni caso, il Regno Unito può revocare l’articolo 50 in qualsiasi momento, come affermato dalla Corte di giustizia europea.
Qualunque linea d’azione sia intrapresa, non deve essere influenzata da emozioni negative. Dovremmo trattare il Regno Unito con il massimo rispetto, poiché vogliamo rimanere amici e partner stretti, e poiché avremo ancora bisogno di concordare le nostre relazioni future. Nessuna delle due parti dovrebbe sentirsi umiliata in nessuna fase di questo difficile processo.
Come sai, con Brexit non ci sono soluzioni facili. Entrambe le opzioni di cui sopra hanno i loro vantaggi e svantaggi. Pertanto, discutiamoli in un modo aperto, creativo e costruttivo.
Ci incontreremo alle 18.00 per uno scambio con il presidente del Parlamento europeo Tajani. Sentiremo quindi il Primo Ministro May, prima di incontrarci per cenare a 27 anni per concordare una risposta alla richiesta del Regno Unito.
Visita il sito