La villa romana di Casignana all’attenzione della FIDAPA

Post in Area Grecanica, Attualità, Calabria - Sicilia, Cultura, Italia

Alla scoperta del nostro patrimonio culturale: La Villa Romana di Casignana,

un gioiello da riscoprire e valorizzare. 

21 giugno 2020, ore 17:30

Join Zoom Meeting 

https://us02web.zoom.us/j/4192566308?pwd=T21hWVRNQWZQY3JUeE80M1UrNFZUdz09

Meeting ID: 419 256 6308 

Password: 210620

 

Da Wikipedia

La villa romana di Casignana è una villa romana i cui resti si trovano in contrada Palazzi nel comune di Casignana (RC).

La fase più importante della villa, il cui impianto originario risale al I secolo d.C. è quella di un’importante ristrutturazione del IV secolo. Fu in seguito abbandonata nel V, ma presenta tracce di frequentazione fino al VII secolo.

La villa venne scoperta nel 1963, in occasione dei lavori per la costruzione di un acquedotto, presso la strada statale 106 Ionica ed è stata indagata sistematicamente dalla Soprintendenza per i beni archeologici della Calabria negli anni ottanta. Dal 1998 il sito è gestito dal comune di Casignana che ha acquisito i terreni limitrofi con il contributo della Comunità montana dell’Aspromonte orientale, permettendo di ampliare l’area indagata.

La villa sorgeva probabilmente sull’antica strada di collegamento tra Locri Epizefiri e Rhegion (Reggio Calabria).

Sono stati rimessi in luce gli ambienti di un ampio complesso termale privato, accessibile da un porticato. riccamente decorati con mosaici, tra i quali quello figurato del frigidarium (“sala delle Nereidi”), datato al III secolo, che raffigura in grandi tessere bianche e verdi un thiasos marino con quattro figure femminili che cavalcano un leone, un toro, un cavallo e una tigre terminanti con una coda di pesce. La sala ha pianta ottagonale con quattro lati absidati e presenta due vasche per acqua fredda. Il calidarium, con impianto di riscaldamento a ipocausto e tubi fittili sulle pareti, ha ugualmente pianta ottagonale e pavimentazione a mosaico in piccole tessere e doveva essere coperto da una volta. Del complesso fanno parte anche una sala rettangolare pavimentate in lastre di marmo colorato (opus sectile).