Il poeta vernacolare di Bova Marina, Rocco Criseo, ai tempi della Freccia Rossa a Reggio Calabria

Post in Area Grecanica, Attualità, Calabria - Sicilia, Cultura, Italia

Roccco Criseo non lascia nulla di inesplorato con la sua poesia.

Per ogni evento ha pronta una composizione: il suo modo di comunicare è in versi poetici.

Con essi fa percepire la differenza rispetto ad un  mondo passato di cui noi rappresentiamo un futuro carico di nostalgia per un mondo, forse primitivo e arretrato, ma che certamente faceva perno su un rapporto umano che a poco a poco si è scolorito fino a diventare … tecnologia che … l’umanità si è portata via.

Eccolo alla prova:

<<Apprendo che dal 3 Giugno ci sarà un collegamento con Freccia Rossa da Torino, via Milano e termine a Reggio Cal. Da vecchio Capo Stazione in pensione non posso che gioire per l’evento e penso ai miei ultimi anni in ferrovia. Dal mio libro di poesie: “Terra ‘Ngrata…”  >>

 

A FERRUVIA

Si voliti mi dicu chidda mia,

na vota si ca nc’era a ferruvia!

Si viaggiava magari cu ritardu,

ma da genti s’aviva assai riguardu.

 

Un tempu u Dirigenti i Movimentu,

si cunsumava tuttu a focu lentu,

tra treni chi ndaviv’e licenziari,

biglietti, merci e cunti pe quatrari.

 

Si si voliva na prenotazioni,

n’abbonamentu o n’informazioni,

nto sportellu si jiva di filatu

e subitaniu era ccuntentatu.

 

Temp’era chiddu di lu tuttu fari,

non nc’eranu computer e cellulari,

a ferruvia era na famigghja,

non com’a ora, focu mi nci pigghja!

 

Si senti oji n’attra ripassata:

“Signuri mei si cangia”, è la sonata!

I treni ndannu orariu a caminari,

e allura…riducim’u personali!

 

Oh chi bellizza! Chi benidizioni!

Chiudiru tutti quanti li stazioni

e stanchi di cussì tantu tagghjari,

dassaru l’erba i crisci nte binari.

 

Si vo’ sapiri comu viaggia un trenu,

è facili, tu chiami u Caputrenu.

Fai u numeru tuttu di filatu

e ti rispundi chi non è ssociatu.

 

U Regionali è prontu nto binariu,

è jornu oji ca forsi part’orariu!

Ti rriva u Machinista e sai chi dici,

chi ndav’e fari nafta a motrici.

 

Eu non ndi pozzu cchjù, signuri mei,

ma chisti sunnu cosi di zangrei!

Raggiat’a genti si ncazza cu mmia.

Chi su’ patruni eu da ferruvia?

 

Cu l’urtima pensata, pe finiri,

cacciaru pur’i treni a lungu jiri.

Troppa commodità, chi su’ sti lussi,

è megghju mi pigghjati l’atobussi!

 

Sapiti chi vi dicu a tutti quanti?

Ca non si poti jiri cchjuni avanti.

Ogni tantu mi cchjappa l’agulìa:

“Quant’era bella na vot’a ferruvia!”

 

Rocco Criseo