Il poeta Rocco Criseo lo dice in vernacolo: NON NC’E’ RISPETTU CCHJÚ!

Post in Area Grecanica, Attualità, Calabria - Sicilia, Cultura

Non se ne può più con telegiornali e programmi vari che, senza nessun rispetto per un dramma umano, vanno alla ricerca dell’ascolto, trasformando le notizie in un reality show:

NON NC’E’ RISPETTU CCHJÚ!

Non nc’è rispettu mancu pe li morti,

è tuttu nu spettaculu a vidiri:

na scena di duluri e mala sorti,

diventa sul’un filmmi di piaciri.

Si chist’è modu pe nformari a ggenti,

facendu di la morti nu triatu,

di lu cuntari non nc’è propriu nenti,

è sulu sciacallaggiu, non nc’è atru. 

Non si ndi poti cchjú di stu’ ntrallazzu,

di sti bandijaturi senza freni,

di tanti cuntastori di strapazzu,

chi vann’a caccia di patim’e peni.

Sti Diretturi di telegiornali,

chi pe tirari avanti la carretta,

ampena nc’è na straggi di cuntari,

ti fannu di la morti la diretta.

Perdimmu ormai lu sensu di ll’onuri,

è tuttu nu spettaculu a musciari,

li sofferenzi, i lutti, li duluri,

su sulu na vetrina di guardari.

Stu’ mundu diventau cchjú povereḍḍu,

di la matin’a sira, a tutti l’uri,

nc’è tuttu nu lavagg’i ciriveḍḍu,

non nc’esti cchjú da vita lu sapuri.

Scusatimi di chistu me parrari,

ma lu me cori non si duna paci,

li morti sannu sempr’a rispettari,

stu’ mod’i fari propriu non mi piaci.

____________________________________________

Ndr. Non bastando, si dice per dire, l’attualità, hanno rinnovato anche quell’incubo del dramma di Vermicino che molti di noi hanno vissuto molti anni orsono e che ancora oggi rivivono con la stessa emozione e lo stesso smarrimento. Cui prodest? L’ascolto? L’inflazione di messaggi? il doverci essere? Ma quanto siamo bravi a raccontare? ….

E il rispetto per le altrui angosce, il privato, l’intimo altrui?

Più tempo per il positivo forse riporterebbe al giusto equilibrio.

O non fa notizia!