Il Corona virus può far prevedere cosa accadrebbe sulla Terra se arrivasse la vita aliena

Post in Attualità, Cultura, Salute

APPARSO SUL TIME

Sai cosa? Forse dovremmo riconsiderare l’intera faccenda della ricerca della vita su altri mondi. Sarebbe bello trovarlo, ovviamente. Ma ciò non significa che potremmo gestirlo – biologicamente, epidemiologicamente e, soprattutto, emotivamente.
Siamo attualmente nel bel mezzo di un panico globale su ciò che, per certi aspetti, è la sua forma di vita aliena, o almeno precedentemente sconosciuta: il virus SARS-CoV-2, che causa la malattia nota come COVID- 19. Al momento della stesura di questo documento, ci sono stati quasi 90.000 casi confermati in tutto il mondo, in 68 paesi, con oltre 3.000 decessi. I voli sono stati messi a terra, le convenzioni commerciali internazionali cancellate, le Olimpiadi di Tokyo sono state minacciate e si profila una recessione globale. La scorsa settimana negli Stati Uniti, il Dow Jones Industrial Average ha avuto la sua settimana peggiore dalla recessione del 2008 e del 2009, perdendo un terzo dei suoi guadagni dalle elezioni del 2016, la maggior parte a causa dei timori dell’impatto di COVID-19.

L’umanità nel suo insieme sta soffrendo gli effetti della malattia, ma i cinesi stanno prendendo un particolare tipo di calore. Il virus è emerso a Wuhan, in Cina e in tutto il mondo, è emerso un brutto tipo di forconi e torce. Un sedicenne asiatico-americano è stato aggredito in una scuola superiore della California e accusato di trasportare il virus. In Corea del Sud è emerso un sentimento latente anti-cinese, secondo quanto riferito dai negozi che pubblicano cartelli con scritto “No Chinese”. A Vancouver, un ragazzo cinese in un cortile della scuola è stato deriso con grida di “Yo, virus-boy! Non ci infettare! ”
In una storia di Cronkite News in Arizona, affiliata al sistema di radiodiffusione pubblica locale, Wei Li, un professore di Studi dell’Asia del Pacifico asiatico presso la Arizona State University, lamentava la storia di questo tipo di pregiudizio. “Stava accadendo durante la SARS e le persone razzializzavano gli asiatici americani e durante l’Ebola con gli africani e gli afroamericani”, ha detto Li. “La gente raggruppa un intero gruppo e li incolpa per aver contaminato la nostra nazione e il nostro popolo”.
COVID-19 è un problema interamente terrestre, uno che non ha a che fare con lo spazio, e tuttavia considera che anche quando il virus infuria, la NASA è pronta a lanciare un nuovo rover su Marte a luglio che cercherà la vita microbica e si radunerà alcuni campioni di roccia e suolo, che verranno riportati sulla Terra – potenzialmente contenenti quella vita microbica – in una missione successiva. Quindi: come pensi che funzionerà?
Da un lato, non esiste quasi alcun rischio di contagio. Come ha sottolineato una colonna di Space.com la scorsa settimana, la NASA ha una lunga storia di lavoro per proteggere la Terra dai rischi biologici di altri pianeti e per proteggere altri pianeti dai rischi biologici della Terra. L’agenzia spaziale ha persino un’intera divisione dedicata a tale obiettivo, formalmente conosciuta come Office of Safety and Mission Assurance (OSMA), ma più comunemente e descrittivamente Come afferma l’OSMA, la sua missione è “controllare attentamente la contaminazione in avanti di altri mondi da parte di organismi e materiali organici trasportati da veicoli spaziali” e “impedire rigorosamente la contaminazione all’indietro della Terra da parte della vita extraterrestre”. Se hai qualche domanda su quale di queste dichiarazioni di missione sia la più importante, considera solo la differenza tra la promessa di “controllare attentamente” qualcosa e di “precludere rigorosamente”.
La più vasta esperienza della NASA con il rischio di contaminazione all’indietro è avvenuta durante l’era Apollo, quando sia i campioni lunari che gli umani che erano stati sulla luna tornarono sulla Terra. Per i primi tre atterraggi, non appena gli uomini dell’equipaggio aprirono il loro portello dopo lo schianto, i rospi consegnarono loro tute a rischio biologico da indossare per il loro viaggio di ritorno sulla nave di recupero navale. Da lì furono trasportati in aereo a Houston, dove furono tenuti in isolamento per tre settimane. Gli equipaggi erano – come prevedibile dopo aver visitato un mondo senz’aria e privo di acqua – che non trasportavano affatto agenti patogeni lunari e la procedura di quarantena fu abbandonata per le ultime tre missioni lunari.
Marte sarà una questione molto diversa, perché Marte, che un tempo era inondato di acqua, una volta avrebbe potuto anche essere abbastanza pieno di vita – e alcune di esse potrebbero anche indugiare in punti in cui l’acqua dura. Come sottolinea il pezzo di Space.com, è possibile che la vita terrena e la potenziale vita marziana siano persino correlate: i meteoriti di Marte che hanno colpito la Terra miliardi di anni fa avrebbero potuto ospitare microrganismi sopravvissuti al viaggio all’interno di sacche d’acqua tra le rocce , dando vita qui. In tal caso, non solo abbiamo trovato marziani, ma siamo marziani. Ma qualsiasi relazione tra l’attuale vita terrena e marziana potrebbe aumentare il rischio che i microbi marziani ci trovino ospiti ospitali.
Le probabilità di trovare la vita su Marte sono sconosciute e inconoscibili. Le probabilità di essere in grado di raccoglierlo e riportarlo sulla Terra intatto aggiungono un ulteriore grado di incertezza. E il rischio che un agente patogeno fugga e che ne derivi una pandemia, sebbene non impossibile, sembra molto più roba di una sceneggiatura che di un giornale.
Tuttavia, il rischio esiste. Anche nei laboratori di livello 4 – il tipo più rigoroso di strutture di bio-contenimento – c’è sempre una possibilità diversa da zero che qualcosa possa sfuggire. Quindi, immagina di averlo fatto e le persone si sono infettate. Mettere da parte per un momento l’impatto sulla loro salute, non sarebbero semplicemente razzializzati, ma extraterrestrati – come in qualche modo nemmeno più pienamente umani?
La ricerca della vita su altri mondi è una manifestazione del nostro interesse consumante per gli altri esseri viventi e in qualche modo il nostro amore per gli altri esseri viventi. La battaglia contro SARS-CoV-2 è un segno del volto unificato che possiamo mostrare quando uno di quegli esseri viventi ci minaccia tutti: un collettivismo che è tra le nostre più alte qualità. Il razzismo, l’altro, rivolto alle persone di origine cinese è un segno di uno dei nostri più bassi.
Una versione di questo articolo è stata originariamente pubblicata nella newsletter dello spazio di TIME.