Flashback – Bova Marina: Serata finale del primo anno del Bicentenario dal riconoscimento della lingua greca di Calabria: Καλό Πανηγύρι – Kalò Panighìri Fiera artigianale della Calabria Greca

Post in Area Grecanica, Attualità, Calabria - Sicilia

Si è svolta il 7 agosto scorso a Bova Marina la Serata finale del primo anno del Bicentenario dal riconoscimento della lingua greca di Calabria: Καλό Πανηγύρι – Kalò Panighìri, Fiera artigianale della Calabria Greca. Un progetto a cura di: Pro Loco Bova Marina, Ass. Magna Grecia Pieve Emanuele, sede di Gerace, Associaz. socio-cult. Thétis, Associaz. cult. Area Grecanica in Tour e Associaz. cult. Vincenzo Luca Romeo, patrocinata dal Comune di Bova Marina.                                                                                              La serata si è aperta con la visita agli stand artigianali, disposti lungo le vie adiacenti Piazza Municipio, con laboratori aperti al pubblico sul telaio grecanico e sulla filatura della ginestra, sulla creta e l’arte degli “argagnari”, cioè i vasai; sono stati presenti anche i cestai e gli artigiani del giunco e dei manufatti in vimini. Presso gli stand enogastronomici è stato possibile gustare la cucina e il cibo della Calabria Greca, dalla lestopitta alle nacatole col miele, per finire con la degustazione di un tagliere di prodotti tipici, quali insaccati e formaggi.                                                                                                                                                   L’evento è proseguito con le proposte future sulla tutela dell’identità linguistica greco-calabra e con l’apertura ufficiale delle celebrazioni, alla presenza del sindaco di Bova Marina, l’on. Saverio Zavettieri, dei sindaci del comprensorio grecanico e delle Autorità politiche e civili convenute. A seguire sono state ponderate riflessioni e proposte sul tema “La nostra identità linguistica nel futuro”, per il quale sono intervenuti il prof. Salvatore Dieni con “Proposte per nuovi percorsi curriculari nelle scuole: il greco di Calabria e il neogreco nell’istruzione primaria e secondaria”; il Dott. Bruno Traclò con “Un nuovo modello d’insegnamento: la scuola di lingua greca ‘Giovanni Andrea Crupi’ a Bova”; il prof. Pasquale Casile dell’Ass. cult. “Magna Grecia Pieve Emanuele, sede di Gerace”, curatore del Bicentenario Greci di Calabria, con “Proposte per la Fondazione Calabrogreca (IRSSEC)”; l’ing. Demetrio Crucitti, già Direttore di RAI Calabria: con “Opportunità dei nuovi media e proposte operative”. L’evento è stato moderato da Lucia Licciardello, segretaria dell’Associazione Italiana di Cultura Classica Delegazione “Maria Stella Triolo” di Locri.                         La serata si è conclusa con la consegna dei Protogonei del Bicentenario, realizzati dal maestro scultore Mimmo Carteri e con il concerto di Antonio Castrignanò ed ospite Mimmo Morello.

Un evento interessante e ben riuscito, di cui la cittadinanza bovese ne può andare fiera per essersi svolto a Bova Marina, trattando temi così importanti e altamente culturali