Eurogruppo, 11 settembre 2020

Post in Attualità, Cultura, Economia Finanza Leggi, Mondo, Politica
Principali risultati
La riunione dell’Eurogruppo si è tenuta a Berlino, ospite della presidenza tedesca del Consiglio. È stata la prima riunione dell’Eurogruppo tenutasi di persona dall’introduzione delle misure contro la COVID-19 nel febbraio 2020.

È stata anche la prima riunione presieduta da Paschal Donohoe, che ha assunto le funzioni di presidente dell’Eurogruppo il 13 luglio 2020.

Il punto sulla situazione economica

I ministri hanno proceduto a uno scambio di opinioni sull’attuale situazione economica nella zona euro, hanno esaminato le azioni politiche a livello nazionale ed europeo e vagliato le possibili esigenze delle economie per quanto riguarda la ripresa dopo la crisi COVID-19.

La notizia positiva è che dopo i livelli minimi toccati ad aprile e maggio nella zona euro, a giugno e luglio abbiamo registrato una significativa ripresa delle attività. Siamo tutti consapevoli dell’enorme apprensione, della grande preoccupazione che milioni di cittadini stanno vivendo e riconosciamo che ci vorrà tempo e lavoro per rimediare ai danni causati dalla crisi, ma siamo uniti in questo impegno.

Paschal Donohoe, presidente dell’Eurogruppo

I ministri hanno inoltre proceduto a uno scambio di opinioni sulla risposta delle politiche di bilancio a livello nazionale e sull’orientamento di bilancio per il 2021.

Ho rilevato la volontà condivisa di adottare un approccio coordinato in materia di politica di bilancio e di utilizzare l’Eurogruppo come forum per raggiungere tale intesa. Alcuni dei regimi adottati per far fronte alla crisi nella zona euro giungeranno al termine, ma altri saranno ampliati e migliorati. Nel frattempo gli Stati membri stanno elaborando nuove politiche per stimolare la ripresa.

Paschal Donohoe, presidente dell’Eurogruppo

Discussione tematica: economia politica delle riforme

L’Eurogruppo ha tenuto una discussione tematica sui fattori dell’economia politica che facilitano l’introduzione delle riforme, ne massimizzano l’impatto e garantiscono un impiego efficiente delle risorse pubbliche nel contesto della ripresa.

La discussione si è svolta sulla base di una nota tecnica elaborata dalla Commissione.

Nel corso di uno scambio di opinioni estremamente fertile e proficuo i colleghi hanno condiviso idee ed esperienze a livello nazionale sul ruolo dell’Eurogruppo. Intendo fare in modo che l’Eurogruppo contribuisca a creare un più ampio consenso in materia di settori prioritari e riforme, al fine di preparare la strada verso la ripresa.

Paschal Donohoe, presidente dell’Eurogruppo

Formato inclusivo

Unione bancaria

I ministri hanno fatto il punto sui lavori in corso per quanto riguarda i quattro filoni di lavoro per l’ulteriore rafforzamento dell’unione bancaria:

  • sistema europeo di assicurazione dei depositi (EDIS)
  • stabilità finanziaria
  • gestione delle crisi
  • integrazione finanziaria transfrontaliera rafforzata
A giugno abbiamo convenuto di continuare a lavorare in via prioritaria al rafforzamento dell’unione bancaria; si è registrato un ampio consenso sulla necessità di progredire in modo globale e intendiamo compiere ulteriori progressi in questo senso nel corso dell’anno.

Paschal Donohoe, presidente dell’Eurogruppo

I ministri hanno discusso anche la riforma del trattato che istituisce il meccanismo europeo di stabilità (MES), che prevede:

  • l’introduzione di un sostegno al Fondo di risoluzione unico entro il 2023
  • la possibilità di introdurre anticipatamente tale sostegno
  • l’erogazione di liquidità in caso di risoluzione