Elezioni Presidenziali negli Stati Uniti d’America del 2020

Post in Attualità, Cultura, Mondo

Election Day il 3 novembre 2020, il Presidente eletto inizierà ufficialmente il suo mandato il 20 gennaio 2021

 

 

Si sono già tenute negli Stati Uniti d’America, durante la prima metà del 2020, una serie di Elezioni primarie e in alcuni Stati dei c.d. Caucus, aventi lo scopo di individuare il candidato di ogni partito alle elezioni, con una procedura di nomina nella quale gli iscritti di ogni partito hanno nominato dei delegati, i quali poi sono stati chiamati ad eleggere il candidato del proprio partito in una Convention del singolo partito che ha ufficializzato la Nomination del candidato alla presidenza e di quello alla vice presidenza.

Donald Trump, con l’appoggio deliberato dal comitato nazionale del Partito Repubblicano, per come annunciato si candiderà per un secondo mandato con Mike Pence, attuale vice.

Per il Partito Democratico, al termine della procedura di elezione primarie, alla Convention è stato proclamato Joe Biden quale candidato ufficiale alla Casa Bianca. Questi ha poi indicato come compagna di ticket la Senatrice californiana Kamala Harris.

Il Presidente degli Stati Uniti d’America eletto inizierà ufficialmente il suo mandato il 20 gennaio 2021.

Cronologia di come il Presidente prende il potere dopo il voto

Le elezioni presidenziali negli Stati Uniti d’America del 2020 si terranno il 3 novembre 2020 (Election Day ) e saranno le 59e elezioni presidenziali della storia degli Stati Uniti. Essendo delle elezioni “indirette”, gli elettori saranno chiamati ad eleggere i cosiddetti grandi elettori che il 14 dicembre 2020 si riuniranno nel Collegio elettorale per eleggere il nuovo presidente e il suo vice presidente. Se non risulta una maggioranza assoluta di almeno 270 voti a favore di un candidato (quorum necessario per l’elezione del Presidente), si seguirà la procedura prevista dalla Costituzione per le nomine.

Il giorno delle elezioni è in genere la fine della controversa lotta per la Casa Bianca, di seguito le altre date significative:

  • 23 dicembre: Gli stati dovrebbero trasmettere i loro voti al Congresso entro questa data.
  • 3 gennaio: giura il nuovo Congresso.
  • 6 gennaio: il Congresso conta i voti elettorali. In genere, questo processo certifica formalmente un vincitore.
  • 20 gennaio 2021: a mezzogiorno di questo giorno, la Costituzione dice che inizia un nuovo mandato presidenziale.

<><><><><>

COSTITUZIONE DEGLI STATI UNITI D’AMERICA                                                  15 SETTEMBRE 1787

 

Noi, Popolo degli Stati Uniti, allo Scopo di realizzare una più perfetta Unione, stabilire la Giustizia, garantire la Tranquillità interna, provvedere per la difesa comune, promuovere il Benessere generale ed assicurare le Benedizioni della Libertà a noi stessi ed alla nostra Posterità, ordiniamo e stabiliamo questa Costituzione per gli Stati Uniti d’America.

 

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………. .

 

ARTICOLO II

 

Sec. 1 – Del potere esecutivo sarà investito un Presidente degli Stati Uniti d’America. Egli terrà il suo ufficio per un periodo di quattro anni [disposizione modificata con il XXII emendamento] e, insieme con il Vice presidente, eletto per lo stesso periodo, sarà eletto come segue.

Ciascuno Stato nominerà, nel modo che sarà prescritto dal Legislativo locale, un numero di Elettori pari al totale dei Senatori e dei Rappresentanti ai quali lo Stato abbia titolo nel Congresso: ma nessun Senatore o Rappresentante o persona che abbia un ufficio fiduciario o retribuito dagli Stati Uniti potrà esser nominato come Elettore.

[Comma abrogato con il XII emendamento] Gli Elettori di riuniranno nei rispettivi Stati e voteranno a scrutinio segreto per due persone, di cui almeno una non dev’essere un abitante del loro stesso Stato. Essi faranno una lista di tutte le persone che abbiano ottenuto voti, e del numero di voti ottenuto da ciascuno; la quale lista essi dovranno firmare, certificare e trasmettere sotto sigillo alla sede del Governo degli Stati Uniti, indirizzata al Presidente del Senato. Il Presidente del Senato, in presenza del Senato e della Camera dei Rappresentanti, aprirà tutte queste certificazioni e i voti saranno contati. La persona che avrà il maggior numero di voti sarà il Presidente, se tale numero rappresenta la maggioranza del totale degli Elettori nominati; e se c’è più di uno che ha questa maggioranza, e hanno un egual numero di voti, allora la Camera dei Rappresentanti deve immediatamente scegliere a scrutinio segreto uno di loro come Presidente; mentre se nessuno ha tale maggioranza, allora tra i primi cinque della lista la stessa Camera in modo analogo dovrà scegliere il Presidente. Però nello scegliere il Presidente i voti saranno dati per Stati, e la rappresentanza di ciascuno Stato disporrà di un voto. E a tal fine il quorum [inteso come numero legale per la validità della votazione] sarà costituito dalle rappresentanze, composte da una o più persone, dei due terzi degli Stati, e la maggioranza degli Stati sarà necessaria per la scelta. In ogni caso, dopo la scelta del Presidente, la persona che ha il maggior numero di voti degli Elettori sarà il Vice presidente. Ma se restano due o più che abbiano un egual numero di voti, il Senato sceglierà tra loro il Vice presidente a scrutinio segreto.

Il Congresso determina il tempo per la scelta degli Elettori [fissato con una legge nel 1792 al martedì che segue il primo lunedì di novembre, ogni 4 anni] e il giorno in cui essi voteranno [fissato con una legge nel 1934 al lunedì che segue il secondo mercoledì di dicembre]; il quale giorno deve essere lo stesso in tutti gli Stati Uniti [cfr. anche il XX emendamento].

Nessuno che non sia cittadino per nascita, o cittadino degli Stati Uniti all’epoca in cui questa Costituzione è adottata, è eleggibile all’ufficio di Presidente; né è eleggibile a tale ufficio chi non abbia compiuto l’età di 35 anni e non sia residente da 14 anni negli Stati Uniti.

In caso di rimozione del Presidente dall’ufficio o di sua morte, dimissioni o incapacità ad esercitare i poteri e i doveri del detto Ufficio, questo passerà al Vice presidente, e il Congresso dovrà con legge provvedere per i casi di rimozione, morte, dimissioni o incapacità sia del Presidente sia del Vice presidente, dichiarando quale funzionario agirà in tal caso come Presidente, e tale funzionario agirà di conseguenza finché tale incapacità venga a cessare o sia eletto un Presidente.

Il Presidente dovrà ricevere per i suoi servizi, a tempi determinati, un compenso, che non potrà essere né aumentato né diminuito durante il periodo per il quale è stato eletto, ed egli non potrà ricevere in tale periodo qualsiasi altro emolumento dagli Stati Uniti o da alcuno degli Stati.

Prima di entrare nella pienezza del suo ufficio, egli deve prestare il seguente giuramento o affermazione solenne: ´Io solennemente giuro (o affermo) che svolgerò fedelmente l’ufficio di Presidente degli Stati Uniti, e che preserverò, proteggerò e difenderò al massimo delle mie capacità la Costituzione degli Stati Unitiª.

Sec. 2 – Il Presidente sarà Comandante in capo dell’Esercito e della Marina degli Stati Uniti, e della Milizia dei diversi Stati quando chiamata al servizio attivo degli Stati Uniti; egli può chiedere l’opinione scritta del principale funzionario in ciascuno dei Dipartimenti dell’esecutivo su qualsiasi oggetto che attenga ai doveri dei rispettivi uffici, ed avrà il potere di concedere commutazioni di pene e grazie per offese contro gli Stati Uniti, salvi i casi di impeachement.

Egli avrà il potere, con il parere ed il consenso del Senato, di stipulare trattati, purché vi concorrano i due terzi dei Senatori presenti; e con il parere ed il consenso del Senato nominerà gli Ambasciatori, gli altri Rappresentanti pubblici ed i Consoli, i Giudici della Corte Suprema e tutti gli altri funzionari degli Stati Uniti la cui nomina non sia qui altrimenti disciplinata, e che sarà stabilita con legge: ma il Congresso può con legge attribuire la nomina di questi funzionari inferiori, come riterrà conveniente, al solo Presidente o alle Corti giudiziarie o ai capi dei Dipartimenti [disposizione modificata con l’XI emendamento]

Il Presidente avrà il potere di coprire i posti che si rendessero vacanti durante gli aggiornamenti del Senato, concedendo incarichi provvisori che dureranno fino alla fine della sessione successiva.

Sec. 3 – Egli darà di tempo in tempo al Congresso una Informativa sullo stato dell’Unione, e raccomanderà alla considerazione [delle Camere] le misure che giudicherà necessarie e convenienti; egli potrà, in occasioni straordinarie, convocare entrambe le Camere o una di esse, ed in caso di disaccordi tra di esse sulla data del loro aggiornamento egli le potrà aggiornare al momento che riterrà migliore; egli curerà che le leggi siano fedelmente eseguite e darà ordini a tutti i funzionari degli Stati Uniti.

Sec. 4 – Il Presidente, il Vice presidente e tutti i funzionari civili degli Stati Uniti potranno essere rimossi dai loro uffici su accusa e verdetto di colpevolezza di tradimento, corruzione o altri gravi crimini e misfatti.

 

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………. .