Discorso del presidente Charles Michel al vertice sui finanziamenti per le economie africane a Parigi

Post in Attualità, Mondo


Stiamo infatti affrontando il primo shock globale dal ventunesimo secolo, questo COVID-19 che ci scuote e che ci spinge in tutto il mondo. E questo è il motivo per cui, Signor Presidente Macron, dobbiamo ringraziarla tutti per questa iniziativa che arriva in un momento particolarmente azzeccato, perché è il momento di incontrarci o non rivederci mai più, di guardarci negli occhi negli occhi e vedere come possiamo andare avanti insieme. Ed è questo l’obiettivo di questo incontro che non è fine a se stesso, ma che è, ai miei occhi, piuttosto un momento fondante, un punto di partenza fondamentale per iniziare, spero insieme, nel rispetto reciproco, con un obiettivo comune, un piano d’azione e per vedere quali sono i passi che dobbiamo cercare di compiere insieme.
Primo punto: condividiamo gli obiettivi. Vogliamo stabilità, crescita, la capacità di innescare più sicurezza, più prosperità per migliorare le condizioni di vita. Condividiamo questo stesso obiettivo.
In secondo luogo, dobbiamo cercare di vedere quali sono i mezzi che possiamo mobilitare insieme per avvicinarci ai nostri obiettivi. E abbiamo l’opportunità, durante questo incontro che riguarda il finanziamento delle economie africane, di vedere qual è il quadro su cui dobbiamo lavorare.
Da un lato, i debiti. Molti ne hanno parlato, non ci tornerò. Dobbiamo continuare ad andare avanti: il recinto del G20, il recinto del G7 … E su questo caso puoi contare sulla mobilitazione politica dell’Unione europea, perché crediamo che si debba lavorare sulla ristrutturazione dei debiti per più mezzi.
Due, non ci metterò molto a lungo: Diritti speciali di prelievo. Il FMI è intorno al tavolo, sono presenti anche gli azionisti. Il presidente Macron ha affermato un’ambizione molto forte: almeno 100 miliardi, come primo passo, devono essere mobilitati. Questo è il punto che mettiamo all’ordine del giorno. Ci auguriamo di poter fare progressi su questo argomento. Non è solo una questione di importo, è anche una questione di come. Il presidente Sall ha mostrato molto bene gli ostacoli che dobbiamo affrontare e che lei, in particolare, deve affrontare anche in termini macroeconomici.
Terzo elemento: continuare a fornire aiuti allo sviluppo, questo è ciò che sta facendo l’Unione Europea, siamo il principale attore nell’aiuto allo sviluppo e nel prossimo quadro finanziario passeremo da 20 miliardi a 29 miliardi. Miliardi di euro per il prossimo ciclo . È anche un modo per sostenere le ambizioni, i progetti e le scelte strategiche dei leader africani.
E infine, il settore privato. Ci rendiamo conto che il denaro pubblico non sarà sufficiente. Dobbiamo mobilitare investitori privati, anche piccole e medie imprese. E la presenza delle istituzioni finanziarie europee e africane è un segnale importante perché, cosa dovremmo fare? Dobbiamo cercare di migliorare l’effetto leva per attirare ulteriormente la capacità di mobilitazione del settore privato, soprattutto nel settore delle infrastrutture. E dobbiamo cercare, come molti hanno sottolineato, di condividere meglio i rischi per una maggiore attrattività. Dobbiamo farlo nella costante preoccupazione, che condividiamo, di garantire che ogni mezzo mobilitato, pubblico e privato, sia investito rapidamente e bene. Investire molto, velocemente e bene: questo deve essere l’obiettivo.
Quindi lo vedi: penso che l’argomento di oggi sia il cambiamento del software. Siamo pronti, di fronte alla situazione che stiamo vivendo, a trasformare il software che fonda l’alleanza, la partnership, il New Deal, signor Presidente Macron, tra Europa e Africa, e più in generale con l’insieme di partner che sono pronti per essere impegnato.
Una breve parola sui vaccini. È davvero fondamentale che possiamo garantire le capacità che il mondo intero sia vaccinato, perché usciremo solo se tutti saranno in grado di uscire. E questo è il motivo per cui sosteniamo, e siamo pronti come Unione europea ad essere molto impegnata in essa, questa idea che è sostenuta in particolare nel quadro dell’OMC, questa terza via per facilitare e promuovere l’accesso alla proprietà intellettuale. e trasferimenti di tecnologia mobilitando i settori pubblico e privato in Europa e in Africa. Questo è davvero un argomento su cui dobbiamo agire rapidamente e bene. Siamo anche pronti a muoverci in quella direzione.
Questi sono i pochi elementi che ho voluto indicare in questa introduzione e terminando con un’idea, che è un’idea, appunto, africana: il concetto di Ubuntu. Questa idea che i destini siano legati tra loro da un filo invisibile che porta le nostre azioni individuali ad avere un impatto sulla società, avere un impatto sulla comunità. E molto più che mai, lo vorrei a Parigi, è questo principio di Ubuntu che ci mobilita, che ci guida … E vorrei che questo incontro a Parigi non sia un vertice come gli altri, ma che sia un punto di partenza , fondatore. Ci saranno altri incontri: il G7, il G20, la presidenza francese dell’Unione Europea, il vertice tra l’Unione Africana, caro Felix Tshisekedi, e l’Unione Europea, gli impegni che ci assumeremo insieme. In ogni caso, questo è il mio augurio, intriso di rispetto, ascolto reciproco e fiducia. Sono convinto che da questo shock che colpisce il mondo sia possibile tracciare i contorni di un mondo più giusto, di un mondo più forte in cui l’Africa ha un ruolo chiave da svolgere.

Vai al sito web