deliapress ricorda don Lindo Formato parroco emerito di Bova Marina. Rocco Criseo echeggia con la sua poesia

Post in Area Grecanica, Attualità, Calabria - Sicilia, Featured

Don Lindo Formato, Salesiano e parroco in passato di Bova Marina, non lo dimenticheremo mai.

Si è fatto benvolere da tutti e lui ha ricambiato con la sua umiltà e il suo modo profondamente cristiano di interpretare il suo ruolo. Intrattenersi con lui era piacevole, lo sentivi vicino.

Raggiunto il limite di età, non più parroco, era stato assegnato ai Salesiani di Locri.

Ma il suo luogo era qui, in mezzo a noi, a Bova Marina. Non ha resistito al richiamo e appena possibile è tornato dove si sentiva meglio collaborando con i confratelli fino a quando la salute glielo ha permesso.

Era piacevole incontrarlo, nel tardo pomeriggio, quando scendeva per una passeggiata e si recava da Nino Saladino (Euromed); questi momenti li ricorderemo sempre.

Poi la salute è venuta meno.

Don Lindo ci mancherà, il suo passaggio ha lasciato una traccia profonda, come avviene per quanti si fanno benvolere e sanno entrare in sintonia con gli altri.

ELIO COTRONEI editore e direttore di deliapress.it

I Salesiani lo ricordano così

Il poeta Rocca Criseo lo ricorda così.

Il mio ricordo commosso a un uomo buono, prete salesiano che seppe interpretare con umiltà e carisma il messaggio di Cristo:

N’OMU DI DDIU

Si llumina lu cel’i nova luci,

si senti all’artu nu vucjiu di canti,

fusti, Don Lindu, servu di la Cruci,                                       

si or’a menz’all’angiuli chi santi.

Apostulu devotu du Signuri,

a Iḍḍu tuni dasti a vita ‘ntera,

sulagnu nta la Chjesa ‘nteri uri,

lu pani toi era la prejera.

Discipulu di chiḍḍu grandi Santu,

chi fu Maestru e Patri di figghjoli,

lu to’ valiri fu daveru tantu,

c’a la bontati toi jinchiv’e cori.

Pe tutti eri chinu di premuri,

nsignavi tu lu beni e lu rispettu,

parrav’i Cristu cu tantu caluri,

ca lu sentiri toi era dilettu.

Avivi lu carisma di li santi,

capivi tu li peni e lu scunfortu,

a ḍḍ’animi pietus’e chin’i chjanti,

li to’ paroli davanu cunortu.

Mbiatu ora si cu lu Signuri,

finìu lu to’ caminu nta sta’ terra,

si nta nu postu tuttu ros’e hjuri,

undi la ggenti non canusci guerra.

Prega pe nnui, oh grandi Salesianu,

pasturi pe tant’ann’i sta’ burgata,

a chista ggenti pigghjli da manu,

ch’è llong’a strata e dura la nchjanata.

Prega pe nnui dill’artu di stu’ postu,

prega pe nnui viandanti peregrini,

mi simu com’o dittu di Don Boscu:

boni cristiani e onesti cittadini!

Rocco Criseo