Ddù jornu chi nte pagini di storia, è scrittu cu a parola: libertà! Il poeta vernacolare di Bova Marina Rocco Criseo

Post in Arte, Attualità, Cultura, Italia, saggi

La libertà non si conquista per sempre, sulla libertà non si parla mai abbastanza.

La libertà si riconquista ogni giorno captando le modalità, anche le più subdole per attentarla.  L’attenzione va particolarmente riservata ai seminatori di odio, di contrapposizione, di falsità e a quanti sono compiacenti utilizzando le ridondanze mediatiche. Il riferimento non è alle opinioni sacrosante, ma ai  fatti concreti che non sono opinabili  ma che vengono contraffatti.       

Dalla   silloge poetica “Terra ‘ngrata…” una  lirica di Rocco Criseo con premessa dell’autore:

Oggi è un giorno da ricordare, è la Festa della Liberazione! 

Non possiamo e non dobbiamo dimenticare tutti coloro, uomini e donne, che hanno lottato per lasciarci un Italia migliore e libera.

Sono quelle generazioni di persone che purtroppo oggi ci stanno lasciando, colpiti da questo terribile virus.

 

XXV APRILE

Rimani ancora vivu nta memoria,

di li cristiani chi già nd’hannu n’età,

ddù jornu chi nte pagini di storia,

è scrittu cu a parola: libertà!

Smettìu di corpu u rumbu di cannuni,

si ritirau l’esercitu stranieru,

finìu ddà guerra ca senza ragiuni,

a ferr’e focu misi u mundu ‘nteru.

Su’ pagini di nchjostru, nniricati,

lordi di sangh’e siti di potìri,

chi cuntanu di menti scellerati,

ca di pietà non voseru sapìri.

D’i cinneri di casi bumbardati,

u fetu di li morti m’è d’esempiu.

Cundolu pe li genti massacrati!

Cundanna pe’carnefic’i ddu scempiu!

Rimbumba nta lu cori la speranza,

stu jornu nui ll’havim’a ricordari,

nc’è spilu di na nova fratellanza,

u suli ricuminci’a caddiari.

A guerr’è sulu morti e patimenti,

è spregiu e desideriu di dominiu,

rimanunu pe sempri nta la menti,

ddi crimini nte campi di sterminiu.

Stà primavera mi ndi port’amuri,

ca viviri cu ll’odiu non ndi piaci,

non mi nci su’ cchjù guerri né duluri,

stu jornu m’esti simbulu di paci.

 

Cotronei – Scialabba – Criseo