DALLA STAMPA – “Chiudere tutto, anzi no”. Salvini e il Covid 19, la confusione del leader leghista sulla gestione dell’epidemia

Post in Attualità, Italia
Aprire, chiudere. Preservare la salute degli italiani con il distanziamento sociale o riprendere le attività e la vita pre-coronavirus? Il leader della Lega, Matteo Salvini, ci ha abituati a continui cambi di rotta sulle misure che il governo dovrebbe adottare per l’Italia ai tempi del Covid 19. Oggi preme decisamente sull’acceleratore della riapertura. In linea con i governatori leghisti Fontana e Zaia.

Chiedere la riapertura da parte della Lombardia è un grande segnale di concretezza e di speranza, spero che il governo ne tenga conto”, ha dichiarato questa mattina Salvini. E ancora: “Altri Paesi riaprono, non possiamo rimanere indietro”. Spingendosi a parlare della scuola e di un ritorno dei figli sui banchi. “Se riaprisse l’11 maggio, i miei figli li manderei a scuola, purché siano garantiti sanificazione, distanze e dispositivi di protezione”. Solo l’ultimo evoluzione di un percorso molto tortuoso. Ecco, data per data, le dichiarazioni del leader leghista.