Corona Virus. Diffusione aggiornata al 10 febbraio

Post in Attualità, Mondo, Politica

A seguito delle prime segnalazioni di casi di sindrome respiratoria acuta nel comune cinese di Wuhan alla fine di dicembre 2019, le autorità cinesi hanno identificato un nuovo coronavirus come principale agente causale. L’epidemia si è rapidamente evoluta colpendo altre parti della Cina e al di fuori del paese. Sono stati rilevati casi in diversi paesi in Asia, ma anche in Australia, Europa e Nord America. I primi casi nell’UE / SEE sono stati confermati in Francia. È probabile un’ulteriore diffusione globale.
Vedi l’ultimo aggiornamento della situazione, la curva epidemiologica e la distribuzione globale
Vedi l’attuale valutazione del rischio
Il 2019-nCoV è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente identificato nell’uomo. I focolai di nuove infezioni virali tra le persone sono sempre fonte di preoccupazione per la salute pubblica, specialmente quando c’è poca conoscenza delle caratteristiche del virus, di come si diffonde tra le persone, di quanto gravi siano le infezioni risultanti e di come trattarle.
Vedi le domande e risposte sul 2019-nCoV
La trasmissione da uomo a uomo è stata confermata, ma sono necessarie ulteriori informazioni per valutare la portata di questa modalità di trasmissione. La fonte dell’infezione non è nota e potrebbe essere ancora attiva.
Questa è una situazione emergente e in rapida evoluzione con indagini epidemiche in corso. L’ECDC sta monitorando attentamente questo focolaio e fornendo valutazioni del rischio per guidare gli Stati membri dell’UE e la Commissione europea nelle loro attività di risposta.

 

Dal 31 dicembre 2019 al 10 febbraio 2020 sono stati segnalati 40 553 casi confermati di laboratorio di nuova infezione da coronavirus (2019-nCoV), tra cui 910 decessi.
Sono stati segnalati casi nei seguenti continenti:
Asia: Cina (RPC) (40 170), Hong Kong (Regione amministrativa speciale) (36), Macao (Regione amministrativa speciale) (10), Singapore (43), Tailandia (32), Repubblica di Corea (27), Giappone (26), Taiwan (18), Malesia (18), Vietnam (14), Emirati Arabi Uniti (7), India (3), Filippine (3), Cambogia (1), Nepal (1) e Sri Lanka ( 1).
America: Stati Uniti (12) e Canada (7).
Europa: Germania (14), Francia (11), Regno Unito (4), Italia (3), Russia (2), Spagna (2), Belgio (1), Finlandia (1) e Svezia (1).
Oceania: Australia (15).
Altro: casi su un trasporto internazionale (Giappone) (70).
Dei 910 decessi registrati, 908 sono stati segnalati dalla Cina: Hubei (871), Heilongjiang (7), Henan (6), Anhui (3), Hainan (3), Pechino (2), Chongqing (2), Gansu ( 2), Hebei (2), Guangdong (1), Guangxi (1), Guizhou (1), Hunan (1), Jiangxi (1), Jilin (1), Shandong (1), Shanghai (1), Sichuan ( 1) e Tianjin (1). È stato segnalato un decesso da Hong Kong (Regione amministrativa speciale) e uno dalle Filippine.

Aggiornamento della situazione per l’UE / SEE e il Regno Unito

Mappa dinamica dei casi 2019-nCov in tutto il mondo
La seguente mappa include i dati disponibili fino al 10 febbraio alle 8:00 CET. Accetta i cookie per poter utilizzare la mappa

Curve epidemiologiche delle infezioni 2019-nCoV
Questi istogrammi si basano sulle informazioni disponibili al momento della pubblicazione, provenienti da diverse fonti. La completezza dei dati dipende dalla disponibilità di informazioni dalle aree interessate. Tutti i dati devono essere interpretati con cautela poiché l’epidemia si sta evolvendo rapidamente. Inoltre, a causa dell’indisponibilità dei dati relativi alla data di insorgenza, al probabile test dei campioni retrospettivi e all’introduzione attualmente in espansione dell’introduzione dello specifico test di laboratorio per il 2019-nCoV, questa cifra potrebbe non riflettere l’effetto dell’epidemia in Cina.