Cop26, Francesco: oggi scegliamo se lasceremo ai giovani un pianeta sano

Post in Attualità, Cultura, Featured, Italia intera, Mondo, Politica

“Vi accompagno con la preghiera in queste importanti scelte”. Lo scrive il Papa nel messaggio affidato al cardinale segretario di Stato Parolin, inviato a Glasgow alla Conferenza dell’Onu sul clima: necessarie azioni collegiali, solidali e lungimiranti per un modello di sviluppo inclusivo, attento al mondo del lavoro e al “debito ecologico” che danneggia i Paesi più poveri

Della Conferenza di Glasgow, all’inizio del suo messaggio indirizzato alla presidente della Cop26, Alok Sharma, e affidato al cardinale segretario di Stato Pietro Pietro Parolin, Papa Francesco scrive:

Siamo tutti consapevoli che essa ha l’importante compito di mostrare all’intera comunità internazionale se realmente sussiste la volontà politica di destinare con onestà, responsabilità e coraggio maggiori risorse umane, finanziarie e tecnologiche per mitigare gli effetti negativi del cambiamento climatico così come per aiutare le popolazioni più povere e vulnerabili, che sono quelle che ne soffrono maggiormente.

Indispensabili la collaborazione e la solidarietà tra i popoli

Quella che sta di fronte ai leader mondiali è una sfida di grande portata, aggravata anche dalla pandemia che ha colpito l’umanità. E se il Covid-19, sostiene Francesco, ci ha reso consapevoli che riusciremo a uscirne solo se ci sarà una “profonda e solidale collaborazione tra tutti i popoli del mondo”, anche il contrasto al cambiamento climatico non vede alternative: richiede azioni coordinate e responsabili. Decidere queste azioni – scrive il Papa rivolgendosi ai partecipanti alla Cop26 – spetta oggi a voi perché davvero si possano assicurare “condizioni di una vita degna dell’umanità di oggi e di domani in un pianeta ‘sano’”.

Si tratta di un cambiamento d’epoca, di una sfida di civiltà per la quale vi è bisogno dell’impegno di tutti ed in particolare dei Paesi con maggiori capacità, che devono assumere un ruolo guida nel campo della finanza climatica, della decarbonizzazione del sistema economico e della vita delle persone, della promozione di un’economia circolare, del sostegno ai Paesi più vulnerabili per le attività di adattamento agli impatti del cambiamento climatico e di risposta alle perdite e ai danni derivanti da tale fenomeno.

Fonte VATICAN NEWS Adriana Masotti – Città del Vaticano

LEGGI TUTTO

Nella foto Cardinale Parolin a Glasgow