CONTINUANO LE POSITIVITA’ LEGATE AL COVID 19 IN LUOGHI DI ASSEMBRAMENTO – GIORNI ORSONO A SOVERATO

Post in Attualità, Calabria - Sicilia, Italia, Salute

Soverato, positivo a covid annuncia di essere stato in due discoteche della città

Un ragazzo di Girifalco, paese del catanzarese, tramite un post sui social ha annunciato giorni orsono  di essere positivo al coronavirus e di aver frequentato due discoteche a Soverato, il “Noa’s Club” e il “Circle club”.

Soverato

Una notizia che ha destato non poca preoccupazione fra la popolazione della città, frequentatissima d’estate, specialmente in questo periodo di ferragosto, così come tutti i suoi locali. Da subito il sindaco di Soverato Alecci  ha disposto la chiusura di tutte le discoteche e obbligo di tampone per tutti i ragazzi che hanno frequentato quelle interessate dalla persona contagiata. A seguito di tutto ciò e dell’aumento di casi in Calabria, è arrivata la nuova ordinanza dalla Governatrice Santelli: sono sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso, destinati all’intrattenimento (con particolarità a quello serale e notturno), nei lidi balneari. Continua a correre l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto e al chiuso, soprattutto in situazioni che non permettano di mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro.

Il sindaco Alecci raccomanda di non recarsi in ospedale qualora si manifestino sintomi assimilabili a quelli del covid, perchè è stata allestita presso il Palasport di Soverato una tenda pre triage, dove sono obbligate a recarsi tutte le persone che hanno frequentato i due locali (Noa’s e Circle), per sottoporsi al tampone.

Inoltre, altre due strutture sono state predisposte a Catanzaro Lido (Poliambulatorio Viale Crotone), Lamezia Terme (Piazza Borelli, presso la sede del Distretto Socio Sanitario). Tutto avviene grazie alla sinergia tra Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro, dipartimento prevenzione, in sinergia con la Protezione Civile della Regione Calabria.

Nelle foto, la fila (non proprio distanziata) per accedere al tampone, presso la struttura del palasport di Soverato.