Conclusioni del Consiglio europeo sul quadro finanziario pluriennale e sulle relazioni esterne, 13 dicembre 2018

Post in Attualità, Mondo, Politica

Quadro finanziario pluriennale

1. Il Consiglio europeo accoglie con favore gli intensi lavori preparatori svolti in questo semestre sul futuro quadro finanziario pluriennale e prende atto della relazione della presidenza sullo stato di avanzamento dei lavori. Invita la presidenza entrante a proseguire tali lavori e ad elaborare un orientamento per la prossima fase dei negoziati, al fine di giungere a un accordo in sede di Consiglio europeo nell’autunno 2019.

 Altri punti

Relazioni esterne

7. Il Consiglio europeo ha discusso dei preparativi in vista del prossimo vertice con la Lega degli Stati arabi in programma il 24 e 25 febbraio 2019.

8. Il Consiglio europeo esprime la massima preoccupazione per l’escalation nello stretto di Kerch e nel Mar d’Azov, nonché per le violazioni del diritto internazionale da parte della Russia. Ribadisce il suo impegno nei confronti del diritto internazionale, nonché della sovranità, dell’integrità territoriale e dell’indipendenza dell’Ucraina, come pure nei confronti della politica dell’UE di non riconoscimento dell’annessione illegale della Crimea. Non vi è giustificazione per il ricorso alla forza militare da parte della Russia. Il Consiglio europeo chiede il rilascio immediato di tutti i marinai ucraini detenuti nonché la restituzione delle imbarcazioni sequestrate e il libero passaggio di tutte le navi attraverso lo stretto di Kerch. L’UE è pronta ad adottare misure per rafforzare ulteriormente il suo sostegno, in particolare a favore delle zone dell’Ucraina interessate.

9. Il Consiglio europeo si compiace vivamente del voto favorevole espresso dal Parlamento europeo in merito all’accordo di partenariato economico UE-Giappone e attende con interesse la sua imminente entrata in vigore.

Visita la pagina della sessione

In evidenza, ieri, oggi, …

Il 13 e 14 dicembre 2018 il Consiglio europeo si concentrerà sul bilancio a lungo termine dell’UE, il mercato unico, la migrazione e le relazioni esterne. I leader dell’UE a 27 discuteranno inoltre della Brexit giovedì e della zona euro venerdì.

Brexit

I leader dell’UE a 27 si riuniranno giovedì per discutere della Brexit.

“Non rinegozieremo l’accordo, e nemmeno la soluzione ‘di salvaguardia’, ma siamo pronti a discutere di come agevolare la ratifica del Regno Unito. Dato che il tempo stringe, discuteremo anche dei preparativi in vista di una Brexit senza accordo.”

Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo

All’inizio della riunione il cancelliere Sebastian Kurz, che rappresenta la presidenza austriaca, fornirà una panoramica dei progressi compiuti nell’attuazione delle precedenti conclusioni del Consiglio europeo.

Bilancio dell’UE per il periodo 2021-2027

Il Consiglio europeo terrà un primo importante scambio di opinioni sul quadro finanziario pluriennale 2021-2027, sulla base di una relazione sullo stato dei lavori della presidenza del Consiglio.

Mercato unico

Sulla scorta delle conclusioni di marzo 2018 e in base alla valutazione della Commissione degli ostacoli che ancora persistono e delle opzioni per superarli, il Consiglio europeo esaminerà lo stato di avanzamento dei lavori relativi a un mercato unico pienamente funzionante.

Migrazione

Il Consiglio europeo tornerà sull’attuazione del suo approccio globale alla migrazione, in linea con le conclusioni di giugno 2018.

Relazioni esterne

Il Consiglio europeo discuterà dei preparativi in vista del prossimo vertice con la Lega degli Stati arabi in programma il 24 e 25 febbraio 2019.

Alla luce degli eventi, il Consiglio europeo potrebbe affrontare altre questioni specifiche di politica estera.

Lotta alla disinformazione

I leader dell’UE torneranno anche sulla questione della disinformazione, sulla base del piano d’azione che sarà presentato dall’alta rappresentante e dalla Commissione, in cooperazione con gli Stati membri e in linea con le sue precedenti conclusioni.

Consultazioni dei cittadini

I leader dell’UE esamineranno i risultati dei dialoghi con i cittadini e delle consultazioni dei cittadini che si sono tenuti negli Stati membri dell’UE. La discussione si baserà su una relazione, elaborata dalla presidenza di turno e da quella entrante, che mette in luce una serie di perplessità e aspettative dei cittadini in termini di risultati concreti conseguiti dall’UE.

Vertice euro

I leader dell’UE discuteranno della riforma dell’Unione economica e monetaria sulla scorta di una relazione dell’Eurogruppo.

Si prevede che il Vertice euro prenda decisioni concrete e fornisca orientamenti sulla via da seguire in merito all’approfondimento dell’UEM.

Programma

14.12.2018
09:15 Arrivi
10:00Sessione di lavoro del Consiglio europeo
13:00  Colazione di lavoro del Vertice euro
15:30 Conferenza stampa del presidente del Consiglio europeo, del presidente della Commissione europea e del cancelliere federale dell’Austria