Conclusioni del Consiglio europeo (Articolo 50)

Post in Attualità, Mondo, Politica
EUCO XT 20022/18*
Conclusioni -13 dicembre 2018
1.
Il Consiglio europeo riconferma le sue conclusioni del 25 novembre 2018 nelle quali ha
approvato l’accordo di recesso e la dichiarazione politica. L’Unione sostiene tale accordo e
intende procedere con la sua ratifica. L’accordo non è rinegoziabile.
2.
Il Consiglio europeo ribadisce il desiderio di avere un partenariato quanto più stretto possibile
con il Regno Unito in futuro. È pronto a cominciare i preparativi subito dopo la firma
dell’accordo di recesso al fine di garantire l’avvio dei negoziati il prima possibile dopo il
recesso del Regno Unito.
3.
Il Consiglio europeo sottolinea che la soluzione “di salvaguardia” (backstop) è intesa quale
polizza d’assicurazione volta a evitare una frontiera fisica sull’isola d’Irlanda e a garantire
l’integrità del mercato unico.
L’Unione è fermamente determinata a lavorare celermente a un
accordo successivo che stabilisca, entro il 31 dicembre 2020, modalità alternative per evitare di dover ricorrere alla soluzione “di salvaguardia”.
4.
Il Consiglio europeo sottolinea altresì che, qualora si dovesse comunque ricorrere alla
soluzione “di salvaguardia”, questa si applicherebbe in via temporanea, salvo e fintanto che
non sia sostituita da un accordo successivo che garantisca che la frontiera fisica sia evitata.
Intale eventualità l’Unione si adopererebbe al massimo – e lo stesso si aspetterebbe dal Regno
Unito – per negoziare e concludere tempestivamente un accordo successivo che sostituisca la soluzione “di salvaguardia”, cui si ricorrerebbe pertanto solo per il tempo strettamente
necessario.
5.
Il Consiglio europeo invita a intensificare i lavori a tutti i livelli per prepararsi alle
conseguenze del recesso del Regno Unito, prendendo in considerazione tutti gli esiti possibili.
_______________________
  • A seguito di una notifica a norma dell’articolo 50 del TUE, il membro del Consiglio europeo che rappresenta lo Stato membro che recede non partecipa né alle deliberazioni né alle decisioni del Consiglio europeo che lo riguardano.