Comincia l’Estate reggina 2021

Post in Attualità, Calabria - Sicilia, viaggi - turismo - tempo libero

Il sindaco Falcomatà: «Grande partecipazione da parte di associazioni, imprenditori e operatori dello spettacolo. È una risposta a chi fa del “non c’è nientismo” strumento di lotta contro il progresso e la crescita della città».

L’assessora Scopelliti: «Ruolo importante per lo Sport che, insieme a Turismo e Cultura, rappresenta strumento di promozione del territorio».

Il consigliere delegato Cardia: «Cartellone ricco di Eventi. Al Castello i concerti di Aiello e Francesca Michelin. Oltre cento richieste pervenute al settore, sintomo della grande voglia di tornare a vivere nella normalità e nella spensieratezza» _

È stato presentato, questa mattina nel salone dei Lampadari di Palazzo San Giorgio, il programma per l’Estate reggina 2021 del Comune di Reggio Calabria. In conferenza stampa, il sindaco Giuseppe Falcomatà, ha parlato di «Estate dei reggini» sottolineando «la grande risposta da parte di associazioni, imprenditori e operatori dello spettacolo all’avviso pubblicato dagli Uffici di Palazzo di Città». L’iniziativa è stata coordinata dal consigliere comunale ai Grandi Eventi Mario Cardia, alla presenza dell’assessora al Turismo ed alla Cultura, Rosanna Scopelliti.

«È il modo migliore per ripartire», ha detto il sindaco Falcomatà rimarcando come «l’evento sia stato volutamente convocato per il 21 giugno, inizio della stagione estiva». Ha, quindi, illustrato le location che ospiteranno le diverse iniziative, presentando le novità rappresentate dal Waterfront e da Opera di Tresoldi, «luoghi deputati ad eventi di carattere musicale, artistico e culturale che si aggiungono ai palcoscenici più tradizionali del Castello, del Lungomare, della Villa Comunale o dell’Arena dello Stretto ed alle piazze di ogni quartiere della nostra città». «Insomma – ha aggiunto – sarà un’Estate reggina a tutti gli effetti viste le numerosissime richieste pervenute dal territorio». «Ringrazio il consigliere Cardia per il lavoro straordinario portato avanti insieme alla dirigente Loredana Pace – ha continuato il sindaco – naturalmente in coordinamento con l’assessora Rosanna Scopelliti. Un lavoro di quadra che si conferma vincente e che non finisce qui. Quella che presentiamo, è soltanto una prima parte di eventi. Infatti, è in corso il bando della Città Metropolitana, seguito dai consiglieri delegati Carmelo Versace, Filippo Quartuccio e Giuseppe Ranuccio, che darà un contributo ulteriore a tutte quelle associazioni che proporranno l’organizzazione di momenti dedicati alla cultura per allietare le serate dei prossimi mesi».

L’inquilino di Palazzo San Giorgio si è, poi, concentrato sulle Feste Mariane: «Avranno un palinsesto a parte sperando che, quest’anno, la normalità possa restituirci un momento di gioia anche da un punto di vista culturale oltre che religioso per un settembre da passare nella devozione e nella spensieratezza». Dunque, l’Estate reggina darà «spazio a tutti i gusti e ad ogni età grazie a concerti, sfilate di moda, saggi danza, musica classica, rappresentazione teatrali più impegnate fino alle commedie ed alle rappresentazioni in vernacolo, oltre allo spazio alle associazioni di promozione sportiva e sociali che, da sempre, sono il cuore pulsante delle attività reggine». Secondo il sindaco Giuseppe Falcomatà, dunque, si tratta di «una risposta al pessimismo» e a quello che ha definito «il “non c’è nentismo” che rappresenta il coro insopportabile di chi lotta contro il progresso e la crescita della nostra Città».

L’assessora Rosanna Scopelliti, poi, ha posto l’accento sull’importanza di un calendario che «premia il lavoro delle associazioni e delle realtà del territorio che, nonostante le difficoltà della pandemia, hanno lavorato ugualmente e non si sono arrese, continuando a dare lustro ad iniziative che possono servire a riscattare culturalmente l’intera città».

«La novità – ha ricordato la delegata di giunta – è l’apertura del palinsesto al settore dello Sport per rafforzare la sinergia con il Turismo e la Cultura per la promozione del territorio, dei valori, delle nostre specificità attraverso uno dei veicoli più semplici e immediati di partecipazione. L’Estate reggina è un lavoro che guarda al futuro ed all’identità di Reggio con speranza ed impegno».

Il dettaglio del cartellone è stato affrontato dal consigliere delegato all’Estate Reggine ed ai Grandi Eventi, Mario Cardia: «È una giornata importante, caratterizzata dalla grandissima partecipazione che conta oltre 100 richieste, pervenute al settore, per l’organizzazione di iniziative sul territorio. Una gradita sorpresa, insomma, che indica bene la voglia di tornare a vivere un’estate normale».

Il cartellone, così, si presenta ricco di eventi con una novità importante: «Da quest’anno avremo un’attrattiva nuova che i reggini hanno già cominciato a vivere e che sarà luogo di numerosi spettacoli. Il Waterfront, inaugurato qualche settimana fa, adesso diventa un nuovo spazio per sviluppare progetti a carattere culturale di fondamentale importanza».

E fra i progetti menzionati da Cardia rientrano i “Cantieri culturali” di Officina dell’arte e Film Fest con «spettacoli di cinema e teatro all’aperto nell’incantevole scenario dell’Arena dello Stretto».

Innovazione e tradizione, insomma, che si ritrovano anche ne “I Tesori Mediterraneo” e nel premio letterario Apollo o nei “Fatti di musica” che, al Castello Aragonese, «tornano con due big della musica nazionale: Aiello e Francesca Michelin».

«Ci saranno la Fiera nazionale del libro all’aperto – ha aggiunto Cardia – la selezione di Miss Italia, lo Street Food festival, lo spettacolo pirotecnico “Fontane danzanti” di Tipico eventi e tantissime saranno le iniziative nelle periferie, come gli eventi dedicati agli anziani e all’animazioni per i bambini. C’è tutto in questa Estate reggina e non vediamo l’ora di iniziare. Ringrazio le associazioni e gli operatori dello spettacolo che, forse più di tutti, hanno subito le restrizioni imposte dal Covid e la costrizione di non poter dare seguito alle loro doti artistiche ed al loro grandissimo bagaglio culturale. Siamo molto soddisfatti e siamo certi che questo cartellone possa servire da stimolo ad un’economia legata al turismo che è segmento decisivo per lo sviluppo della città».