Bova Marina – Cosimo Sframeli, tenente in congedo dei Carabinieri, continua il ciclo di presentazioni di “‘Ndrangheta addosso”. Questa missione non nasconde la volontà di partecipare un patrimonio di esperienza personale

Post in Area Grecanica, Attualità, Calabria - Sicilia, Cultura

Sarà a Bova Marina il prossimo incontro voluto dalla nostra testata, espressione dell’UTE-TEL-B, nel quadro degli eventi organizzati dal Comune di Bova Marina.

‘Ndrangheta addosso, del tenente dei CC in congedo, Cosimo Sframeli, cittadino onorario di Bova Marina, offre lo spunto per un dibattito ricco e articolato considerata la qualità delle  adesioni

L’incontro è fissato per Venerdì 26 luglio alle ore 21:00 presso la Biblioteca Comunale.

Hanno aderito tutti rappresentanti delle istituzioni  comunali dell’Area grecanica e non soltanto cioè i sindaci, ed altre personalità: ( in ordine casuale)

Elio Cotronei, giornalista deliapress e pres. UTE-TEL-B, organizzatore e conduttore

Cosimo Sframeli, l’autore, tenente dei CC in congedo, cittadino onorario di Bova Marina

Giuseppe Verduci,  giornalista

Federica Roccisano, già assessore regionale

Giuseppe Bombino, già presidente  Ente Parco dìAspromonte

Vincenzo Crupi, già sindaco di Bova Marina

Saverio Zavettieri, sindaco di Bova  Marina, già deputato e assessore regionale

Pierpaolo Zavettieri, sindaco di Roghudi e consigliere della Città metropolitana di Reggio Calabria

Francesco Bruzzaniti sindaco di Africo

Tommaso Iaria, sindaco di Condofuri

Ugo Suraci, sindaco di Montebello Jonico

Giuseppe Meduri, sindaco di Melito PS

Bernardo Russo, sindaco di  San Lorenzo, interverrà la vice sindaco Carmelina Battaglia

Santo Monorchio, sindaco di  Bagaladi

Santo Casile, sindaco di Bova

Domenico Pelle, sindaco di Roccaforte del Greco

Una Calabria oppressa e martoriata, quella degli anni ’80,  tracciata dalla penna  di Cosimo Sframeli, tenente dei Carabinieri da qualche mese in congedo.

Gli interrogativi  che l’opera rivolge sono molteplici:

  • cosa è cambiato rispetto agli anni ’80
  • il nemico dei calabresi   è soltanto la  ‘ndrangheta o anche  l’assenza dello Stato Sociale
  • Ndranghetisti si nasce o si diventa?
  • come la Calabria può liberarsi da questo male?
  • da dove viene la “religiosità” della ‘ndrangheta?
  • cosa può fare il cittadino attivo?
  • come si presenta anzi “come non si presenta” e come riconoscerlo il fenomeno?

     

    Oggi la mafia agisce in maniera sempre subdola ma più silente, insinuandosi nella società facendo leva sui bisogni, sulla sete di guadagni, di carriere facili, ecc.

    Dice l’autore: Capire non per inorridire ma perché la presa di coscienza possa contribuire alla maturazione sociale ed al superamento di retaggi negativi di una Calabria che pur si trova in fase di ripresa culturale e spirituale, sostenendosi a vicenda nella crescita come persone.

    Una bella opera, anche una efficace e utile vocazione quella del tenente Sframeli: voler rendere edotti del fenomeno, introdurre le opportune difese, gli anticorpi insomma.