Balestrate, nell’ambito dell’iniziativa di BCsicilia “30 libri in 30 giorni” si presenta il volume “La stagione accanto”

Post in Attualità, Calabria - Sicilia, Cultura

Organizzato da BCsicilia e dal Comune di Balestrate, nell’ambito dell’iniziativa “30 Libri in 30 Giorni”, si presenta sabato 26 Marzo 2022 alle ore 16,30 nella Sala multimediale del Comune in Via del Mare a Balestrate, il volume di Rossella Caleca “La stagione accanto”. Dopo i saluti di Vito Rizzo, Sindaco di Balestrate e di Alfonso Lo Cascio, Presidente regionale BCsicilia, e l’introduzione di Salvatore Bommarito, Presidente BCsicilia Sede di Balestrate, sono previste le letture poetiche di Giovanni Bommarito, Alberto Campo, Emanuela Cavataio, Chiara Cilluffo e Ginevra Sansone e il dialogo dell’Autrice con il pubblico. Coordinerà l’iniziativa: Giuseppa Maria Leggio, del Consiglio Direttivo BCsicilia Balestrate
L’evento si svolgerà nel rispetto delle normative Covid vigenti. Per informazioni: Email: balestrate@bcsicilia.it – Tel. 350.0983728 – Fb BCsicilia Balestrate – Tw BCsicilia.

Questo primo libro di versi di Rossella Caleca si configura come una sorta di itinerario privato. Un viaggio che inizia con immagini dolorose e tuttavia si avverte una modificazione tra un prima e un dopo; si muove sul terreno degli affetti, delle memorie personali e famigliari, dei luoghi di vita quotidiana, delle scelte difficili da compiere, che lasciano inquietudine. Una prospettiva capovolta, attraverso le relazioni intraprese nell’età adulta, capaci di intervenire reciprocamente nelle vite private mutandone il segno, allargandone i confini a tracce inesplorate, perché ogni vita personale e ogni soggetto umano è intessuto di relazioni continue (affettive, amicali, politiche, sociali) di cui porta indelebile traccia e attraverso le quali matura le proprie esperienze personali.

Anche l’immagine di copertina rafforza queste indicazioni, con la bambina sul vano della finestra, la tenda chiara che la ripara dalla luce, accanto a uno spicchio di mare calmo lontano dalla stanza, sembra rimandare a una immagine di tranquillità e autoriflessione. Una bambina alter ego che osserva la stessa autrice e ne diviene specchio temporale, come lo stare accanto al mare, luogo di esperienza interiore forte e impetuosa che si trasforma in scrittura, praticata nel tempo in dimensione privata come spazio parallelo e forse un po’ nascosto, e solo ora emersa finalmente a pubblicazione, alla visibilità di tutti: il rinvenimento di una liberazione intima, l’autorizzazione aperta alla propria personale inventiva, sciolta infine da remore o esitazioni, quel naufragio rassicurante e liberatorio. È una scrittura che rispecchia l’esperienza dell’autrice e insieme diviene metafora di una condizione femminile ancora diffusa soprattutto tra le donne adulte: come colmare la distanza tra desiderio e vita vissuta (Gabriella Musetti).