Appello per rendere più ricca, più bella e “plurale” la “Prima Festa della Liberazione dell’Area dello Stretto”

Post in Attualità, Calabria - Sicilia, Cultura

Facciamo appello ai cittadini, ai giovani, alle associazioni, ai movimenti, alle chiese, alle organizzazioni sindacali e politiche che condividono i valori della nostra Costituzione, nata dall’antifascismo e dalla Resistenza, a ritrovarci tutti insieme il 25 aprile 2019 (74° anniversario della Liberazione) davanti alla “Stele del Partigiano”, all’interno della Villa Comunale di Reggio Calabria, per rendere più ricca, più bella e “plurale” la “Prima Festa della Liberazione dell’Area dello Stretto”.

Quest’anno il 25 aprile 2019 cade in un contesto segnato non solo da segnali preoccupanti di fascismi e razzismi ma anche (ed è cosa intollerabile e gravissima) da atteggiamenti e dichiarazioni di rappresentanti delle Istituzioni, che annunziano di non partecipare o non organizzare iniziative pubbliche per dare rilievo alla Festa della Liberazione, ignorando e calpestando i valori fondamentali sanciti dalla nostra Carta Costituzionale.

Saranno due gli appuntamenti della Festa:

  • il primo a Reggio Calabria alle ore 10,00 alla Villa Comunale;
  • il secondo alle ore 16,30 a Messina presso il Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca.

La Festa della Liberazione 2019 è promossa unitariamente dal Consiglio regionale della Calabria, dalla Città Metropolitana, dalla Città di Reggio Calabria, dall’ ANPI di Reggio Calabria e Messina e dall’ATAM.

Le ANPI di Reggio Calabria e Messina chiedono, anche a nome di tutte le Istituzioni promotrici, a tutte le organizzazioni di inviare adesioni formali di partecipazione alla Festa, dandone notizia pubblica o inviando la comunicazione agli indirizzi e-mail dell’ANPI  (anpi.rc@libero.itanpimessina@libero.it ) o del Coordinamento Antifascista di Reggio Calabria (maipiufascismi2018@virgilio.it ).

Reggio Calabria 20 aprile 2019

Festa Nazionale della Liberazione

Area dello Stretto 25 aprile 2019