47° Conferenza delle Regioni Periferiche e Marittime 16-18 Ottobre 2019 Real Albergo delle Povere Palermo

Post in Attualità, Cultura, Economia Finanza Leggi, Politica

“La Sicilia al centro del dibattito sulla coesione sociale e territoriale e sulle necessità delle regioni insulari e periferiche in Europa, per un equa e coretta ripartizione delle risorse e degli interventi”

L’Assemblea Generale della Conferenza delle Regioni Periferiche e Marittime d’Europa per la propria 47° Assemblea Generale sceglie la Sicilia. Ha infatti deciso di tenere la propria sessione di lavori a Palermo, dal 16 al 18 ottobrre. Una scelta pregna di significato e attenzione verso la nostra Isola, fortemente voluta dal Governo Regionale e dall’Assessore all’Economia Prof. Gaetano Armao che è anche Vic. Pres. della Commissione Isole della stessa Assemblea Generale. L’Assemblea Generale delle Regioni Periferiche e Marittime d’Europa, è un organismo che opera dal 1973 e riunisce 160 regioni europee appartenenti ai 28 stati membri della U.E. rappresentando circa 200 milioni di abitanti. La sua importante azione è volta a favorire uno sviluppo più equilibrato ed equo del territorio comunitario, con specifica attenzione alle così dette regioni periferiche e marittime, infatti la quasi totalità delle regioni aderenti alla Conferenza fanno parte dell’area costiera europea.

La Conferenza, in qualità di interlocutore diretto dei Governi nazionali e delle Istituzioni Comunitarie, svolge la propria azione affinché le esigenze e gli interessi, delle regioni che ne fanno parte, siano presi in considerazione in tutte le politiche e produzioni legislative a forte e diretto impatto territoriale. Promuovendo anche progetti di cooperazione tra le stesse su problematiche comuni e puntando a favorire lo sviluppo regionale e la coesione territoriale in Europa con specifiche proposte, legate ai temi delle politiche regionali, marittime, sviluppo sostenibile, trasporti e pianificazione territoriale, pesca e ambiente, agricoltura e sviluppo rurale, ricerca e innovazione, energia e cambiamenti climatici , immigrazione e turismo.

Per far ciò, l’organizzazione della Conferenza si articola in sei commissioni geografiche, sulla base dei bacini marittimi dell’Unione Europea. Ogni Commissione è dotata di una propria struttura organizzativa in modo da poter promuovere più efficacemente il proprio ambito d’intervento. Oltre a ciò la Conferenza è dotata di un proprio Ufficio Politico che si riunisce due volte all’anno. Questo, quale organo di indirizzo propone le linee politiche per l’Assemblea Generale e mette in atto le decisioni. L’ufficio è composto da un rappresentante di ogni singola regione membra.

L’Assemblea ha un proprio Presidente che resta in carica due anni. Attualmente il posto è ricoperto da Vasco Alves Cordeiro, Presidente del Governo Regionale delle Isole Azzorre.

La Regione Siciliana aderisce alla Conferenza e fa parte di due Commissioni specifiche, quella Intermediterranea e quella Isole. Di quest’ultima, Il Vice Presidente della Regione Siciliana e Assessore all’Economia Prof. Gaetano Armao ricopre l’importante ruolo di Vice Presidente. Tutte le regioni si riuniscono una volta all’anno nell’Assemblea Genberale che determina e adotta le proprie linee politiche di intervento.

I lavori si apriranno mercoledì 16 alle ore 9,15 per continuare nel pomeriggio a partire dalle ore 16 articolandosi in varie sessioni di lavoro. Le stesse riprenderanno allo stesso orario di giovedì 17 e venerdì 18. Nel pomeriggio di giorno 17 alle ore 15 saranno previsti anche gli interventi del Presidente della Regione On. Nello Musumeci e del Sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Gli autorevoli partecipanti, tra cui lo stesso Presidente della Conferenza Vasco Alves Cordeiro, articoleranno i lavori trattando i principali temi di politica di coesione, accessibilità e trasporti, clima ed energia, politica marittima.