L'angolo della satira... Automobilisti alla guida sempre più distratti e trasgressivi/Chi è senza peccato... di Francesco Iachino

L'angolo della satira... Automobilisti alla guida sempre più distratti e trasgressivi/Chi è senza peccato... di Francesco Iachino

29 marzo 2018     20:27

Posted by Domenico Salvatore-

****************************

L'angolo della satira a cura di Francesco Iachino

 

Risultati immagini per angolo della satira

CHI E' SENZA PECCATO............

Segnale di STOP, il Codice della strada recita ancora "fermarsi e dare la precedenza" come mezzo secolo addietro quando io feci la scuola guida; ma lo STOP a Melito è: rallentare, intuire che chi ha la precedenza ti ha visto quindi avanzare ancora lentamente così lui rallenta e sfilare tanto quello frena; vuoi mettere passare (tecnicamente è tagliare la strada) un centesimo di secondo prima? Sai quanto ti senti appagato dopo" sta botta di drittizza?

  

Mettiamo che un'altra auto segua quella dello STOP e,visto che la prima è passata (nenti nenti, chidda è chiù dritta 'i mia?) sfila pure la seconda così chi ha la precedenza si ferma e chi aveva lo STOP è passato.                                                      

"Si a morti ndavi crianza ‘u tempu è galantomu", saggezza antica, la morte con me, spero per molto ancora, è stata garbata ma il tempo qualche segnale comincia a darmelo con un fastidio agli occhi, visita oculistica, leggera cheratite quindi la terapia e, tra i consigli guidare meno possibile di notte perchè le luci e, soprattutto, il lampeggìo delle frecce degli altri veicoli mi è di disturbo.                                     

Frecce? A parte il fatto che a Melito l'uso delle frecce è a totale e insindacabile facoltà del guidatore, ormai anche se Toro Seduto fosse ancora tra noi le proibirebbe persino ai suoi superstiti Sioux Hunkpapa.                                                 

Si narra che Giulio Cesare fosse in grado di dialogare con qualcuno mentre scriveva qualcosaltro e contemporaneamente leggeva ancora un'altra cosa, quanto era bravo l'Imperatore e noi moderni umanoidi ipertecnologicizzati in auto dovremmo limitarci alla guida?

Vuoi mettere il figurone di mostrare che sappiamo guidare (sic!)anche telefonando o strusciando il dito su quel minischermo? Sennò che li hanno inventati a fare cellulari, ipad e smartphone?                                                                                                                   

Quando però ci si immette sulla 106 il quadro cambia radicalmente: tutti usano le frecce anche per spostamenti minimi, rispetto assoluto dei limiti di velocità, mai un sorpasso con striscia continua (il cielo ce ne guardi poi con la doppia striscia continua) e quanto a telefonare mi mi pigghia piralisa nte idita.                                                                                                                               

"Quando ci si immette" ho detto sulla 106, ma per immettercisi, cioè prima di divenire immacolati cherubini (sic!) quanti tagliano prima della rotonda rischiando pure la multa? La Polizia non sa dell'opera meritoria che questi "eroi" svolgono in termini di risparmio di consumi e di minore emissione di CO2 nell'atmosfera.                                                                                                                

Mettiamoci poi "la strada della morte": aperture più o meno galeotte, segnaletica approssimativa, fondo stradale scadente, manutenzione molto a corrente alternata e chi più ne ha più ne metta corrisponde all'infinito vagare di qualcosa che non vogliamo conoscere riflesso perfetto della precarietà di tutto il nostro esistente.                                                                                                                         

Guglielmo di Baskerville districò il mistero dei morti nel monastero benedettino di cui al "Nome della Rosa" ma temo che qui neppure lui verrebbe a capo di nulla, forse perchè le colpe sono di tutti per cui tutti ne siamo coscienti ma tutti vediamo solo quelle degli altri.         

    

 Francesco Iachino 28 marzo 2018

Cerca nel sito