Pistolettate a Villa San Giovanni RC ,l'atto intimidatorio non era indirizzato alla proprietaria ma al nipote, un diciannovenne già noto alle forze dell'ordine.

08.06.2016 07:34

VILLA SAN GIOVANNI (REGGIO CALABRIA), 6 GIU - Due giovani, Pasquale Giardino, di 21 anni ed un quindicenne, di Reggio Calabria, entrambi già noti alle forze dell'ordine, sono stati sottoposti a fermo dai carabinieri della Compagnia di Villa San Giovanni con l'accusa di furto aggravato, detenzione di arma comune da sparo e danneggiamento a mezzo colpi di arma da fuoco. I due, fonte Ansa, sono accusati di avere sparato otto colpi di pistola calibro 7.65 contro la porta d'ingresso di un'abitazione nel centro di Villa. dalle indagini sarebbe emerso che l'atto intimidatorio non era indirizzato alla proprietaria ma al nipote, un diciannovenne già noto alle forze dell'ordine. I carabinieri hanno poi accertato che il movente sarebbe stato da ricercare in un credito di 50 euro che i fermati vanterebbero nei confronti del giovane. In particolare è emerso che i due, insieme ad una terza persona in via di identificazione, nella notte del 4 giugno, prima hanno rubato un'auto, poi si sono recati a casa del giovane sparando i colpi di pistola.

Cerca nel sito