Melito Porto Salvo, "Unacittàda#cambiare": "I 12 cipressi della Villa Comunale sono stati oggetto di scempio "

16.06.2016 18:22
di Francesca Martino  -  
di seguito la nota del Movimento politico - culturale " Unacittàda#cambiare"
 
"Cipresso "simbolo di vita", questo il significato attribuito a questa pianta sin dall'antichità: i persiani, per la sua tipica forma slanciata simile ad una fiamma, lo chiamavano il "primo albero del paradiso"; per i romani simbolo di fertilità; come sempreverde, simbolo di vita per l'estrema longevità ; oggi, per l'uso diffuso nei cimiteri, simbolo di immortalità dell'anima.
 
Cultura e letteratura, dall'antichità ai nostri giorni, sono ricche di citazioni che riguardano il cipresso. Ma, purtroppo, la cultura non guida l'operato dei nostri amministratori.
I 12 cipressi, che facevano da "quinta" naturale al Teatro della Villa comunale di Melito di Porto Salvo, sono stati oggetto di uno scempio.
 
Una "potatura" che, anziché abbellire la forma delle piante esistenti, che dopo circa un decennio avevano raggiunto un'altezza di 5/6 metri, le ha ridotte a delle misere siepi.
Una perdita di identità imperdonabile e ingiustificabile, se non per il cieco e assurdo modo di gestire i beni comuni nel nostro paese.
 
Il movimento Una città da cambiare denuncia, per l'ennesima volta, un atto di vandalizzazione e distruzione posto in essere dalla nostra amministrazione, che, incurante di ogni logica e opportunità di intervento, ha distrutto questi splendidi esemplari che ornavano la nostra Villa comunale.
 
"Invece di spine cresceranno i cipressi" annunciavano i profeti.... A Melito sono rimaste solo le spine".

Cerca nel sito