Il voto per l'elezione di Sindaco e Consiglio Comunale nei Comuni dell'Area Grecanica.

01.06.2016 19:41

 Di Mimmo Musolino  -   

Ormai siamo in chiusura di campagna elettorale, mancano solo qualche giorno, si vota Domenica 5 giugno dalle 7: 00 alle 23:00;   Considerato che a San Luca non sono state presentate liste, nell 'area Aspromontana,  si vota nel comune di Platì con due candidati a sindaco, Ilaria Mittiga e Rosario Sergi, nel Comune di Sant'Agata del Bianco , 679 abitanti, candidati a Sindaco il giornalista e scrittore Domenico Stranieri con la lista " Insieme per cambiare " e l'uscente Giuseppe Strangio con la lista " Tre spighe di grano " e a Gerace, 2.772 abitanti  uno dei borghi simboli dell'Italia e dove la battaglia elettorale è più incandescente con tre candidati a Sindaco :  il sindaco in carica Giuseppe "Pino" Varacalli , il dott. Giuseppe Pizzimenti e Giuseppe Cusato ( la disfida  del 3 G); e si  si vota anche  in due piccoli comuni che rappresentano il cuore dell'Area Grecanica  : Bova  e Roghudi.   Nel piccolo, ma caratteristico polo  turistico, comune di Bova, appena 461 abitanti  ( mai scrivere Bova Superiore se non si vuole incorrere nelle ire dei bovesi DOC ) si contendono la poltrona di Sindaco due personaggi di spicco dell'area grecanica e di sicuro riferimento e affidamento politico: il sindaco in carica  Santo Saverio Casile   e l'ex sindaco Leo Autelitano . Da notare  che nella lista dello sfidante Leo Autelitano è presente qualche    candidato che era assessore nella giunta guidata dal sindaco Santo Casile nella passata legislatura. E non c'è traccia  della candidatura di un personaggio di considerevole  spessore politico culturale, Gianfranco Marino, ex vice-sindaco. Tra i fatti politicamente rilevanti  si  nota, e come amplificato dalla stampa locale, come candidato a consigliere, un personaggio politico  di primo piano dell'Area Grecanica, il Consigliere provinciale ( ormai ex dopo lo scioglimento del Consiglio provinciale), Pierpaolo Zavettieri. E' questa è una dimostrazione che certe dicerie  sull'agguerrito campanilismo tra i  due comuni di  Bova e Bova Marina appartiene al passato ( o forse non è mai realmente esistito)  ma comunque pare  ormai superato, certificato dal fatto  che  Pierpaolo Zavettieri è un cittadino di Bova Marina che si candida nel consiglio comunale di Bova.   A Roghudi , comune di grandissime tradizioni e cultura  , con una popolazione di 1.137 abitanti,  la campagna elettorale si presenta molto più complessa in quanto  non è stata presentata la candidatura a Sindaco del sindaco uscente ( l'unico sindaco dell'area grecanica che non si è ricandidato ) il  dott. Agostino Zavettieri, medico all'Ospedale  "Tiberio Evoli  "di Melito P.S. , ed il candidato a Sindaco è Pierpaolo Zavettieri   ( per chiarezza è necessario specificare  che non si tratta di omonimia ma in effetti si tratta dello  stesso consigliere provinciale candidato a consigliere comunale al Comune di Bova). Il competitore di Pierpaolo Zavettieri alla carica di sindaco di Roghudi, Paese che rappresenta  uno dei maggiori emblemi della grecanicità ( soprattutto la parte Vecchia mai abbandonata da molti abitanti legati alla propria terra ed alle meravigliose  tradizioni) è l'avvocato Mario Maesano , ex vice sindaco in passate amministrazioni e presidente dimissionario del Circolo " Paleaghenea" che  in questi ultimi anni è stato grande protagonista di tutta una serie di eventi culturali, letterari (come ad es. il premio letterario Lorenzo Siviglia, cittadino illustre di Roghudi )   legati alle tradizioni e alla storia  di  Roghudi. Nelle due  liste si nota la presenza di molti giovani .  E nel sentire la voce del più giovane candidato, lo studente Pasquale Stelitano, il quale ha inteso partecipare in prima persona impegnandosi direttamente  in un progetto di sviluppo a vantaggio della propria cittadina, si è capito il vero e profondo significato della presenza dei giovani nelle liste.. I giovani Roghudesi non vogliono tagliare le proprie radici ed estirparle dalla feconda terra di origine,  ma vogliono impegnare tutte le loro capacità e forti energie per cercare di essere artefici del loro destino e di  dare un serio e  decisivo contributo per lo sviluppo economico e sociale  di  queste meravigliose ed insostituibili realtà dell'Area Grecanica  . Anche con la speranza che nessuno pretenda di sfruttare e strumentalizzare le realtà istituzionali e l'autonomia dei Comuni per realizzare aspirazioni politiche personali, anche se legittime. Quindi la presenza di tanti giovani candidati rappresenta un autentico esempio della volontà per il ritorno alla vita  dei nostri piccoli paesi aspromontani e dell'Area Grecanica che in questi anni sono stati abbandonati al loro destino da una classe politica provinciale, regionale e nazionale  che  ha avuto poca  considerazione per  i bisogni e le aspettative di progresso  e migliore qualità di vita per i cittadini di queste realtà locali .

  Mimmo Musolino

Lì 01/06/2016


Cerca nel sito