Daniela Ferraro, La (il) vate di Locri

21.05.2017 11:21

21 maggio 2017   11:22

Posted by Domenico Salvatore

 

La poetessa Daniela Ferraro, pupilla del compianto professore, Umberto, inventore del Premio 'Giugno Locrese' è già alla terza pubblicazione di poesie. Il suo genio, il suo talento, sono stati gratificati con premi, attestati, targhe, diplomi, coppe e medaglie, anche  di respiro nazionale.

Ecco di seguito una sua lirica:

L'immagine può contenere: 2 persone

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, persona seduta

Ringrazio il critico letterario Giovanni de Girolamo per la recensione alla mia poesia "Filomena" da Piume di cobalto ( Aletti ed.)

FILOMENA

E sosteneva il passo
un fiero andare…
Su Filomena
ognuna lingua si tace.
Spiano i vetri
vetusta effigie nell’ora
che si dispoglia
nel vacuo di un tramonto.
E di madre esemplare,
sposa devota
reca cinte le tempie
e il guardo intatto.
Nessuno figge la pena
che in sé annoda
l’accigliata virtù,
spini in ghirlanda.

 

Daniela Ferraro

 

Finostós e icona nella poesia di Daniela Ferraro

 

Nella traccia mnestica del nóstos, la Filomena di Daniela Ferraro, assume la valenza gerarchica dell’icona bizantina, essa, nella sprezzatura del gesto focalizza infatti una deissi non tridimensionale ma calibrata al mimetismo ieratico dello stilnovo: dipanato nel poietico in volume d’effigie. Il testo, Piume di cobalto quindi, associando la physis in parusia di parola, reitera nel proprio itinerarium lo speculum virtuale di codesta oltranza che, nella trama prosodica tessuta figurale, palesa stilistica l’immoto andare di Filomena correlata vicaria con la figura dell’ascesi, analogica sulla vicissitudine dell’ente. Insomma, la Ferraro, converte sacrale il vettore escatologico dell’icona e, nel vibrante iato esistenziale del dissidio, colloca inconscio il desiderio latente di un sisma psichico minimale mirato al formarsi del destino che, epifanico, sovrasta l’identità della Kore, oltre il lucente spiare dei vetri. Inquisita nel passo, la Canefora, ha spini e ghirlanda combaciante col bildungsroman dell’autore in fieri e, in contrappunto col paesaggio, affine alla ciclica stagione si dispoglia il vacuo tramonto. Infatti, in simbiosi coll’imago, il poeta, introduce intransitivo un nóstos focale nello sguardo assente della figura che, dal profondo eterno femminino, riflette in superficie le tarsie paratattiche della scrittura, schiva alla deduzione logica. Infatti, il linguaggio di Daniela, risulta essenzialmente di tipo noetico, cioè basato sull’intuizione analogica manifesta dall’ipallage straniante. Intrinseco al fascino introvertito dell’icona, allora anche l’etimo scandaglia il sublime legato al verbo fingere della figura e, in transfert, lo compone in dittico mitico: veicolato dall’incedere di Filomena in cristiano dissidio tra fascinazione erotica e catarsi. Nella postura imperiale dorata d’icona, o nel respiro ionico della danza, la locrese Daniela, qui sugellata tattile un rilievo vascolare e, costellandolo in visione pudica, non lo esprime ad occultare il fenomeno naturale ma a renderlo leggibile, in litofania sul versus dell’arazzo. Tra sinestesie e refrain embricati in chiaroscuro a persuasione dell’icona, o nella patina del sacro implicito al disfarsi della cenere, Filomena, inderogabile possiede il proprio luogo e lo calca, nel ritmo metrico di un solco versificato, oppure in symmetros antico: autoctono al profilo di Nikopea, in parusia di parola.

 

Giovanni de Girolamo

L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi e scarpe

 

Cerca nel sito