Belvedere Marittimo (CS), E' Sergio Carrozzino, l'assassino della donna brasiliana, uccisa e bruciata dentro l'automobile?

27.05.2016 22:33

 

Didascalia:Silvana Rodriguez la vittima e Sergio Carrozzino, il presunto omicida

 

SCALEA (COSENZA), 27 MAG 2016 - I carabinieri della Compagnia di Scalea hanno arrestato un uomo di 44 anni, Sergio Carrozzino, con l'accusa di essere l'autore dell'omicidio di Silvana Rodriguez De Matos, la donna brasiliana di 33 anni il cui cadavere carbonizzato fu trovato il 12 dicembre 2015 nell'auto della vittima a Belvedere Marittimo. L'omicidio, fonte Ansa, secondo gli investigatori, potrebbe essere maturato per un rifiuto ad un approccio protratto nel tempo. L'arresto é stato fatto in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Paola su richiesta della Procura. Carrozzino é accusato di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere. La donna, uscita di casa per andare a fare la spesa, venne sorpresa dal suo assassino nel parcheggio di un supermercato. Carrozzino, sorvegliato speciale con obbligo di dimora, era stato scarcerato nell'aprile 2015 dopo una condanna a 15 anni per l'omicidio di un fratello del cognato della donna, episodio comunque non collegato al delitto di Silvana Rodrigues De Matos.

SCOPERTO L’ASSASSINO DELLA DONNA BRASILIANA UCCISA E BRUCIATA DENTRO UNA FIAT-PANDA:DOVRA' RISPONDERE DELL'ACCUSA DI OMICIDIO PREMEDITATO ED OCCULTAMENTO DI CADAVERE

Domenico Salvatore

I Carabinieri della Compagnia di Scalea all’alba, hanno  eseguito l’ordinanza di Cu.Ca.Ca. emessa, dal locale Ufficio del G.I.P su richiesta della Procura della Repubblica di Paola, a carico di Sergio Carrozzino 44 anni.

Insieme ai Baschi Rossi del GOC di Vibo Valentia, (Squadrone Carabinieri “Cacciatori”, la Compagnia Speciale Carabinieri ed il Nucleo Cinofili Carabinieri) diretto dal t. colonnello Maurizio Biasin. L’accusa gravissima, è di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere.

I militari della Compagnia Carabinieri di Scalea, diretta dal capitano Alberto Pinto, coordinato dal colonnello Fabio Ottaviani, comandante provinciale di Cosenza hanno lavorato alacremente. Indagini da manuale, che hanno chiarito tutti i particolari del ‘giallo’; con immagini probatorie e ricostruzioni testimoniali.

Dida:il procuratore capo della Repubblica di Paola, Bruno Giordano

 

I Carabinieri lo scorso 12 dicembre 2015, rinvennero la donna, scomparsa il giorno prima, carbonizzata, all’interno di un’auto, totalmente distrutta dalle fiamme,  in una località periferica di Belvedere, intorno alla mezzanotte.

Ciò che rimaneva del corpo, venne identificato successivamente per  Rodriguez De Matos Silvana, 33 anni, di origini brasiliane, della quale il marito, un meccanico di Belvedere, aveva denunciato la scomparsa poco prima.

In base alla ricostruzione dell’Arma Benemerita, la Rodriguez, sposata e madre di due bambini, era uscita di casa per andare a fare shopping, ignara di tutto.

Da verificare se avesse ricevuto o meno, una telefonata per un appuntamento. L’ultimo.

Il killer, identificato per Sergio Carrozzino, sorvegliato speciale con obbligo di dimora, scarcerato nell’aprile del 2015, dopo aver espiato una condanna definitiva a 15 anni di reclusione per l’omicidio del fratello del cognato della donna assassinata, l’ha sorpresa  all’interno del parcheggio del supermarket.

Le indagini, sono state coordinate dal p.m. Maria Teresa Grieco e sottoscritte dal Procuratore capo della Repubblica di Paola, Bruno Giordano; la conferenza stampa è stata organizzata presso il Comando Provinciale Carabinieri di Cosenza.

Il movente del delitto, potrebbe aver avuto una causale di natura sentimentale. In altri termini, la donna avrebbe ricevuto delle avances da parte dell’assassino.

Non si esclude, che sia stata  costretta, probabilmente sotto minaccia di un’arma, a recarsi nei pressi del cimitero.

Il sicario, era alla guida della macchina che è stata 'vista' allontanarsi dalla telecamere e dai clienti del negozio.

Qui i Carabinieri allertati, subito dopo la scomparsa, hanno trovato l’auto con il corpo carbonizzato della vittima.

Nei pressi un contenitore con del liquido infiammabile

Ancora da chiarire la dinamica del delitto. Silvana Rodriguez è stata strangolata e buttata dentro l’abitacolo della sua Fiat-Panda verde?

E’ stata uccisa per un rifiuto, a colpi di pistola o di altra arma? Ci sono testimoni oculari al delitto? Le immagini di una telecamera, hanno incastrato l’assassino?

Prima del funerale celebrato in forma pubblica, venne eseguita l’autopsia.

Dopo le formalità di rito alla presenza del legale di fiducia, presso gli uffici giudiziari dei Carabinieri, Sergio Carrozzino è stato condotto in carcere. Forse lunedì, verrà sottoposto ad interrogatorio di garanzia.

In conferenza stampa il Procuratore Capo della Repubblica di Paola, non ha nascosto la sua piena soddisfazione per la scoperta dell'assassino, assicurato alla Giustizia; un fatto, che turbava le coscienze; ed al tempo stesso ha fatto i complimenti ai Carabinieri.

Giordano, ha escluso che la vicenda sia legata e collegata a fatti di mafia o di criminalità organizzata. Nonostante l'assassino, sia un sorvegliato speciale con obbligo di dimora, sospettato di un altro delitto.

 Il magistrato paolano, ha ribadito che non ci siano dubbi di sorta, che ad uccidere la donna brasiliana, sia stato proprio Sergio Carrozzino, in libertà da pochi mesi, dopo aver scontato una condanna a 15 anni di carcere per omicidio.

Nel 2001, infatti, aveva ucciso in meccanico a colpi di spranga.

Domenico Salvatore

 

Cerca nel sito