L’Inter si riprende la testa del campionato con un sofferto successo sulla Lazio grazie a un gol iniziale di D’Ambrosio. La Juve torna ad inseguire, ma la vera sorpresa del turno infrasettimanale e’ il ko interno del Napoli. Ancelotti esagera col turnover, i suoi si mangiano tante occasioni e il Cagliari in contropiede con Castro conquista un successo clamoroso che porta i sardi al quarto posto. Al terzo invece sale con merito l’Atalanta che gela ancora una volta l’Olimpico con un 2-0 sulla Roma grazie ai gol finali di Zapata e De Roon. Primi sorrisi per la Fiorentina che batte 2-1 la Sampdoria che torna ultima. Nuovo successo esterno del Lecce che stravince a Ferrara e sale a centroclassifica. Successo rocambolesco del Parma sul Sassuolo dopo due gol annullati e un rigore sbagliato, pari tra Genoa e Bologna ma gli emiliani recriminano per un penalty sbagliato da Sansone.

 

Il controsorpasso della Juve mette pressione all’Inter che, complice il turnover, non spinge risolutamente, ma trova il vantaggio con D’Ambrosio che approfitta di un’incertezza di Jony. Ma la Lazio carbura e ha tre occasioni occasioni con Correa: nella prima cicca il pallone, ma nelle altre due Handanovic fa il fenomeno e poi chiude anche su Bastos. Nella ripresa entrano Sensi e Immobile, la Lazio preme ma Strakosha chiude bene su Barella e Politano. Gli ospiti calano, l’Inter fa entrare Sanchez e continua il suo percorso netto in serie A. Da segnalare il gemellaggio delle due curve ultrà, in nome di Fabrizio Piscitelli, l’ultrà biancoceleste ucciso in un agguato lo scorso agosto.

 

Al San Paolo, pesante harakiri del Napoli. Ancelotti segue il suo spartito e cambia molti elementi e i partenopei incontrano molte difficolta’ perche’ il Cagliari e’ squadra solida e con ottime individualita’. Lozano impegna Olsen che nel secondo tempo e’ protagonista con interventi risolutivi su Zielinski, Manolas e Koulibaly. Poi il palo per due volte nega il gol al solito intraprendente Mertens. Il Napoli si scopre e in contropiede Nandez libera Castro che di testa crea la sorpresa della serata. I nervi sono scoperti, Koulibaly si fa espellere per proteste. I sardi sono in zona Champions.

L’Atalanta dimentica la delusione Champions e torna compatta e micidiale all’Olimpico schiantando la Roma col nuovo entrato Zapata e il sigillo finale di De Roon. I giallorossi sprecano varie occasioni con Dzeko, Zaniolo e Kalinic, con grosso merito di Gollini, ma nell’economia generale i bergamaschi si dimostrano squadra lucida, organizzata, con un pressing asfissiante e meritano il successo che li lancia al terzo posto. Grande equilibrio per un’ora con squadre corte, ben assemblate, c’e’ l’esordio di Smelling, ma alla distanza l’Atalanta comanda le operazioni e l’ingresso di Zapata fa la differenza. La Roma si disunisce nel finale e subisce il raddoppio.

 

Robusta boccata di ossigeno per la Fiorentina che, dopo tante belle prestazioni infruttuose, trova la prima vittoria a spese della Samp di Di Francesco che torna all’ultimo posto. Ci vuole una prodezza di Ribery per l’assist per il vantaggio di testa di Pezzella. La Samp prova a reagire, prende una traversa con Rigoni, poi doppio giallo per Murillo e i viola timbrano il raddoppio con Chiesa. Ora i toscani tornano in una piu’ consona posizione di centroclassifica. Balzo in avanti in classifica del Lecce che, dopo il successo di Torino, replica a Ferrara. Due rigori di Mancosu lanciano i pugliesi, la Spal pareggia una prima volta con un grande spunto di Di Francesco, ma poi Calderoni e Mancosu fanno la differenza. Un derby che sembrava stregato si risolve col successo nel recupero del Parma sul Sassuolo su autogol di Bourabia. Prima vengono annullati dal Var due gol a Gervinho, poi Inglese si fa parare un rigore da Consigli, ma alla fine i tre punti arrivano comunque. Pari anche a Marassi: il Genoa prende una traversa con la punizione dello specialista Schone che poi procura un rigore su Soriano. Ma Sansone si prende il rischio del cucchiaio che si stampa sulla traversa.

 

I gol

Spal-Lecce 0-1: al 12′ del pt, Felipe affonda il tackle su Babacar e commette fallo in area, dal dischetto Mancosu batte Berisha.

Spal-Lecce 1-1: al 17′ del pt, Di Francesco ripristina l’equilibrio, sinistro dal limite dell’area che finisce in buca d’angolo.

Inter-Lazio 1-0: 23′ pt, Biraghi pesca con un lancio lungo D’Ambrosio in area laziale, il terzino svetta e di testa batte Strakosha

Fiorentina-Sampdoria 1-0: al 31′ del pt, cross morbido al centro di Ribery per Pezzella che anticipa Murru e di testa supera Audero

Spal-Lecce 1-2: al 2′ st, conclusione violenta di Calderoni deviata in maniera decisiva da Vicari, che mette fuori causa Berisha.

Fiorentina-Sampdoria 2-0: al 12′ del st, Dalbert lavora un bel pallone e lancia nello spazio Chiesa, che controlla e supera Audero.

Spal-Lecce 1-3: al 28′ del st, Mancosu che cade a terra in area sulla sbracciata di Cionek, lo stesso Mancosu sigla la doppietta.

Napoli-Cagliari 0-1: al 42′ del st, cross fendente di Nandez, Castro, lasciato solo in area, trova la torsione vincente di testa.

Fiorentina-Sampdoria 2-1: al 34′ del st, Bonazzoli stacca di testa e colpisce il palo, dopo pero’ non sbaglia e trova la rete

Parma-Sassuolo 1-0: al 50′ st, stacco di testa di Barilla’ con la palla che sulla traiettoria sbatte su Bourabia e beffa Consigli