Le forze dell'ordine sgomberano il campo nomadi di via Reiss Romoli, Torino, 10 settembre 2020. ANSA/TINO ROMANO

TORINO, 10 SET – Questa mattina è iniziato lo sgombero del campo nomadi abusivo di via Reiss Romoli a Torino.
Si tratta del secondo accampamento dopo quello di piazza D’Armi, entrambi nati dalla chiusura di quello di via Germagnano.L’azione della Polizia Municipale, in collaborazione con Polizia di stato e Carabinieri, è stata decisa dopo il monitoraggio di una settimana e la richiesta di abbandonare il terreno fatta agli occupanti dalla Città. L’operazione, con il supporto della Protezione Civile, si è svolta senza tensioni.
Due uomini ultra 65enni sono stati portati dai Servizi Sociali del Comune in un ricovero per anziani, due minori nell’alloggio di due parenti, messa a disposizione dall’Arcidiocesi di Torino.
Ultimato lo sgombero, è iniziata la demolizione delle baracche in via Reiss Romoli.
“Un sentito ringraziamento agli agenti della Polizia Locale di Torino Il loro lavoro è stato fondamentale per riportare legalità nell’area – commenta, in una nota l’assessore alla Sicurezza della Regione Piemonte Fabrizio Ricca. “È evidente che questo tipo di operazioni e lo sforzo degli agenti non sarebbe stato necessario se per lo sgombero di via Germagnano fossero stati presi provvedimenti differenti che non avrebbero portato a una dispersione dei vecchi occupanti su tutto il territorio comunale”, conclude Ricca.  (ANSA).