MA L’ITALIA E’ SEMPRE IL ‘BEL PAESE’ ?

 di Maurizio Punturieri

Osservando le vicende italiane dalla Tv e dai giornali tutto è ridotto a poche e superficiali questioni: Salvini con le sue dichiarazioni, I confusi ed inadeguati 5 stelle, il caos CSM, e cosa più rilevante Mark Caltagirone…superato il livello di disinformazione imbarazzante che nemmeno in Corea del Nord conosce eguali, la visione della realtà economica italiana è spaventosa…da brividi…Torino si sta spopolando lentamente, i vecchi operai tornano al paesello o (se possono) vanno in Portogallo Grecia o Spagna a godersi meritatamente i sacrifici di una vita, i nuovi operai fuggono e scappano all’Est a fare i Rumeni in Romania…risultato: Torino sta implodendo…Asti ancora di più…resiste Cuneo per le Langhe ed il cibo ed un poco Alessandria…la Val d’Aosta si sta ripopolando con incentivi regionali ad impiantare imprese che garantiscano occupazione…il Varesotto sopravvive…Milano non è solo da bere…senza università Pavia sarebbe abitata solo da zanzare che già ora ricoprono gli studenti che resistono…ho conosciuto brillantissimi giovani architetti che non riuscendo nemmeno a progettare cucce per cani hanno cambiato lavoro…eppure hanno studiato i miracoli dell’architettura moderna che sta facendo volare la Cina ed il Medio Oriente…la corretta cultura ambientalista che in Italia è stata molto strimentalizzata per fini politici anzi di mera invidia verso il capitale…il problema è sempre quello come fare ad
Impedire a chi è capace di fare i soldi…i soldi sono frutto del diavolo
E quindi lo stato deve fare di tutto per impedire che si realizzi ricchezza e si distribuisca democraticamente …vuoi mettere la soddisfazione di un anonimo burocrate a dire no a prescindere…e poi al Ministero dei Beni Culturali servirebbe un azzeramento radicale…Mi piacerebbe che ci fossero canali di informazione che mostrassero alle gente questi fenomeni e non si soffermassero alle solite idiozie di palazzo…Salvini scriva quello che vuole…i 5 stelle continuino a far ridere i polli…degli altri non ne parliamo perché sono impegnato a fare le valigie per il Portogallo.

Immagine correlata