L'indagine della Procura di Agrigento che oggi ha portato al fermo di 9 persone accusate di traffico di uomini nasce da una operazione del dispositivo interforze dell'Agenzia Europea Frontex, della Guardia di Finanza, delle Capitanerie di Porto e della missione EUNAVFORMED. Un aereo, ieri, ha documentato, a circa 60 miglia a sud dell'isola di Lampedusa, il trasbordo di un gruppo di migranti da un motopesca su di una imbarcazione più piccola. Dopo il trasbordo, la nave madre si è allontanata puntando verso la Libia. ANSA/FERMO IMMAGINE FRONTEX +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

Arriverà domani mattina a Licata (Agrigento) un peschereccio sequestrato in acque internazionali che trasportava 81 clandestini. Lo rendono noto fonti del Viminale.

Il video del traffico di migranti nel Mediterraneo

L’imbarcazione, dopo aver trainato un barchino in mare aperto vi aveva fatto trasbordare gli immigrati che si erano poi diretti verso l’Italia, mentre il peschereccio aveva fatto rotta verso l’Africa.

La situazione è stata monitorata dalla Polizia di Stato anche grazie a un velivolo messo a disposizione da Frontex. Il passaggio degli immigrati è stato filmato: subito sono scattate le procedure per bloccare l’imbarcazione principale. A bordo sono state trovate sette persone (sei egiziani e un tunisino). Tutte sono in stato di fermo per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.