Risultati immagini per Hamilton (Canada)

Un altro morto ammazzato ad Hamilton nell’Ontario in Canada. Originario di Oppido Mamertina, locale controllato dai Mammoliti Rugolo e dalle famiglie di ‘ndrangheta Mazzagatti, Polimeno, Ferraro, Gugliotta, Gangemi, Bonarrigo, Raccosta, Stefanelli, Zumbo

CECE’ LUPPINO, ULTIMA VITTIMA IN ORDINE DI TEMPO DELLA SECONDA GUERRA DI MAFIA IN CANADA, UCCISO A COLPI DI PISTOLA DAVANTI ALLA PORTA DI CASA

HAMILTON-ONTARIO (CANADA)-Non era un boss della mafia. Sembra che non avesse niente a che spartirecon quelle organizzazioni criminali, con quegli ambienti e scenari.

Certamente non pensava di essere nel mirino della malavita e non aveva assunto nessuno prudenza o copertura.

Cecè Luppino, non ha fatto in tempo a salire i gradini di casa sita in Mountain Brow ad Hamilton nell’Ontario (Canada), quando è stato raggiunto da una gagnuola di colpi di pistola; con o senza silenziatore.

A fare la macabra scoperta un familiare che ha chiamato le ‘Giubbe Rosse’ e l’ambulanza; ma è stato tutto vano.

Cecè Luppino raggiunto in punti vitali è stramazzato sul bizzolo di casa in un lago di sangue ed morto sul colpo.

Il kliler di professione, incaricato della lugubre commissione di morte, sangue rovina e disperazione, eseguita la scabrosa missione, con tutta calma si è eclissato a bordo di un mezzo guidato da un complice o di sua mano e si è dato alla latitanza.

Non si hanno notizie del ritrovamento della macchina bruciata od altro veicolo idoneo alla fuga.

E nemmeno delle perquisizioni domiciliari dei pregiudicati della zona, loro alibi-orario e stub; almeno ciò succede in Italia, ma in Canada vige altra normativa, come tutti sanno.

Sarà anche per questo che i boss e loro gregari, se la facciano franca. Quasi sempre, ma il vento sta cambiando; e le leggi, anche.

Risultati immagini per Buffalo (USA)

Era imparentato in qualche modo con i Luppino-Magaddino americani e con Paul Violi.

Un piede in due staffe. A Montreal Sesta famiglia. A Buffalo, dove dominano le cinque famiglie di New York.

Il clan Rizzuto viene definito ormai comunemente la “sesta famiglia” di New York, dopo quelle americane dei Gambino, Lucchese, Colombo, Genovese e Bonanno aperta al contributo di siciliani, calabresi e campani, voluta da Salvatore Maranzano, formatesi a partire dalla seconda metà dell’Ottocento.

Anche attraverso la gang di Giusepe Morello e la così detta ‘Mano Nera’, capeggiata in Sicilia da don Vito Cascioferro. Più tardi Lucky Luciano istituirà la Commissione di Cosa Nostra.

Questa in corso, secondo alcuni esperti, potrebbe essere la seconda guerra  di mafia in Canada, con appendici negli USA ed in Italia.

La causa dello scoppio della prima guerra di mafia in Canada, fu l’uscita di scena del capo dei capi della Sesta famiglia (dei Bonanno) Vic Cotroni e l’eliminazione fisica del clan di Paul Violi, suo successore.

La causa dello scoppio della seconda guerra di mafia in Canada, fu la creazione del Consortium voluto dai Rizzuto (Nicolò, Vito e Nicolò junior, oramai defunti).

Dice Wikipedia del boss Paolo Violi, defunto capo dei capi della ‘Sixsty family’…Nacque a Sinopoli, ma emigrò in Canada negli anni cinquanta e vive tra Welland, Hamilton e Toronto. Nel 1955 viene accusato di omicidio ma prosciolto per legittima difesa. Nel 1961 andò in carcere per produzione illecita di sostanze alcoliche.  Sposò la figlia del boss di Cosa Nostra statunitense italo-calabrese Giacomo Luppino della famiglia Magaddino di Buffalo. Nel 1975 con l’arresto di Vic Cotroni diventa il nuovo capo, ma i rapporti con Nick Rizzuto capo della fazione siciliana della famiglia, non sono dei migliori…Immagine correlata

 Nacque a Sinopoli, ma emigrò in Canada negli anni cinquanta e vive tra Welland, Hamilton e Toronto. Nel 1955 viene accusato di omicidio ma prosciolto per legittima difesa. Nel 1961 andò in carcere per produzione illecita di sostanze alcoliche.  Sposò la figlia del boss di cosa nostra statunitense italo-calabrese Giacomo Luppino della famiglia Magaddino di Buffalo. Nel 1975 con l’arresto di Vic Cotroni diventa il nuovo capo, ma i rapporti con Nick Rizzuto capo della fazione siciliana della famiglia, non sono dei migliori.


Risultati immagini per Buffalo (USA)Risultati immagini per Buffalo (USA)

Canada, terra di conquiste di faide in trasferta e di morti ammazzati? Cosimo Commisso, il giovane di 33 anni ucciso  insieme alla fidanzata, Chantelle Almeida, di 26 anni a Toronto,  Gli investigatori   ritengono che Commisso fosse legato a John Ignagni, 33 anni, che fu ucciso in un’imboscata nel garage di un condominio nel centro di Toronto nel 2016“.

Punto di riferimento delle cosche joniche fu don Antonio Macrì il così detto boss dei due mondi, ucciso nel 1975 in contrada Zammariti a Siderno.

A Toronto, viveva il latitante Tito Figliomeni, poi arrestato all’aeroporto di Fiumicino: secondo l’accusa tra i principali esponenti del gruppo mafioso dei RumboGaleaFigliomeni, confederato alla cosca Commisso di Siderno.Risultati immagini per Canada

‘Ndrangheta in Canada

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Jump to navigation

Jump to search

(EN )

 

«“The presence of such organized crime groups brings an element of criminality to our communities that is unacceptable,”»

(IT)

Risultati immagini per New York

«La presenza di tali gruppi criminali porta un elemento di criminalità nelle nostre comunità che è inaccettabile»

‘ndrangheta In Canada (2017); in Blu le locali in Arancione la presenza di ‘ndrine

La presenza della ‘Ndrangheta in Canada risale agli inizi del Novecento nella città di Toronto. Le forze dell’ordine stimano che gli affiliati a Toronto siano tra le 100 e le 500 unità[3]. Le famiglie canadesi sono originarie della Locride e hanno partecipato al cosiddetto consorzio dedito al narcotraffico internazionale Siderno Group. Con le operazioni delle forze dell’ordine del 2010 viene confermato il legame che vi è ancora oggi con la realtà criminale calabrese. La Régia polizia a cavallo canadese nella sua ultima valutazione dei rischi identifica la ‘ndrangheta in Canada come una minaccia di prioritaria importanza e dal 27 aprile 2018 la conclusione del processo project-Ophenix la ‘ndrangheta per la prima volta viene riconosciuta come organizzazione criminale, dopo 21 anni dall’istituzione del reato di organizzazione criminale.

Indice

1 Struttura

1.1 Locali

1.2 ‘ndrine

2 Storia

2.1 Anni ’10 – Joe Musolino e la picciotteria

2.2 Anni ’20 – Il proibizionismo

2.3 Anni ’50 – Nascita del Siderno Group e i legami con la famiglia Magaddino

2.4 Anni ’60 – La camera di Controllo e l’operazione Orbit

Michele"Mike The Baker" Racco

2.5 Anni ’70 – Traffico di Eroina con i Gambino

2.6 Anni ’80 – La faida tra i Costa e i Commisso

2.7 Anni ’90 – La scoperta del Siderno Group

2.8 Anni 2000 – L’operazione Crimine e l’arresto di Giuseppe Coluccio

2.9 Oggi – Guerra con i Rizzuto?

3 ‘ndrangheta per provincia

3.1 ‘ndrangheta in Ontario

3.1.1 Presenza in Ontario

3.2 ‘ndrangheta in Québec

3.2.1 Presenza in Québec

4 Note

Stefano Magaddino.jpg

5 Bibliografia

6 Voci correlate

Struttura

In Canada la ‘ndrangheta è strutturata in ‘ndrine e locali coordinati da un Crimine col compito analogo ad una camera di controllo: raccordare le famiglie sul suolo canadese e dirimere questioni in seno ai locali.

Secondo le forze dell’ordine canadesi il Crimine esisterebbe sin dal 1962 ed i fondatori sarebbero stati: Rocco Zito, Giacomo Luppino, Michele Racco, Salvatore Triumbari, Filippo Vendemini, Vincenzo Deleo e Cosimo Stalteri.

È solo con l’operazione crimine del 2010 che viene confermata l’esistenza del Crimine che riferisce alle famiglie calabresi e al Crimine della Calabria le attività e le questioni che avvengono sul suolo canadese ed in particolare a Giuseppe Commisso, capo-locale di Siderno.Immagine correlata

Dal 2005 fino al suo arresto nel 2008 ne faceva parte anche il narcotrafficante Giuseppe Coluccio.

Locali

In Canada ci sarebbero 9 locali secondo le intercettazioni dell’operazione Crimine del 2010 tra cui:

Locale di Montreal (Capeggiato dal Calabrese Dominik Armeni)

Locale di Toronto

Locale di Thunder Bay (Capolocale: Antonio Minnella)

‘ndrineRisultati immagini per John Papalia Canada

Le ‘ndrine storiche sono quelle dei Papalia, Musitano e dei Luppino.

Nell’operazione Crimine sono state individuate anche 7 ‘ndrine i cui rispettivi capi fino al 2010 erano:

Vincenzo Tavernese ed Giuseppe Andrianò (fratello di Emilio) alleati con i Coluccio, gli Aquino e i Bruzzese;

Cosimo Figliomeni;

Antonio Coluccio, nella cui organizzazione strettamente legata a quella di Tavernese, opererebbe anche Carmine Verduci;

Cosimo Commisso;

Angelino Figliomeni;

Vincenzo DeMaria;

Domenic Ruso;

Tutte queste famiglie vengono rappresentate in una commissione il cui capo nell’agosto 2008 era Angelino Figliomeni.

Immagine correlata

Storia

Anni ’10 – Joe Musolino e la picciotteria

All’inizio del Novecento il primo boss arrivato alle cronache era un certo Joe Musolino cugino del più noto brigante Giuseppe Musolino, originario di Santo Stefano in Aspromonte ed iniziato alla “picciotteria” nel 1896. Nel 1901, ricercato dalle forze dell’ordine fugge a Niagara Falls, nello stato di New York (Stati Uniti) dove apre un ristorante ed inizia attività estorsive. Costretto a fuggire anche da lì, si sposta a Toronto e si stabilisce nella Little Italy di Toronto aprendo un nuovo ristorante al 165 di via York Street. Verrà arrestato insieme ad altre 7 persone: James Rapola, Jim Vicceray, Mike Polesini, Salvatori Sciarrone, Sam Carolla, Joseph Dolzini e Mary Clarke; grazie alle informazioni di Frank Griro e di telefonate anonime che lo ricollegarono a casi di omicidi irrisolti nel 1909. Al processo del novembre 1911 Frank Griro rivelò l’appartenza di Joe Musolino e di un tale Frank Sciarrone (o Frank Tarro) ad una organizzazione criminale chiamata “mafia” definandola come la stessa cosa della Mano nera e della Camorra e della “Mala vita”. Alla fine del processo Musolino fu arrestato per possesso illegale di armi da fuoco e per aggressione e considerato capo di una organizzazione criminale segreta definita in diversi modi:: Camorra, Mano Nera, Mafia o Picciotteria[16]. Griro rivelò le attività criminali della società: contrabbando, estorsione, furto e omicidio; e la loro struttura: ai livelli più bassi i picciotti e i camorristi con a capo un “saccio capo” o “capobastone”. Per entrare nella società devi essere introdotto da un camorrista e diventi picciotto pagando una tassa. Dopo ciò ogni guadagno derivato da attività illecite viene diviso equamente fra i membri. Si riconoscevano da delle sciarpe al collo chiamate “camuffi” molto appariscenti e dal taglio di capelli definito negli archivi della polizia “a “farfalla”.

Anni ’20 – Il proibizionismo

Immagine correlataSuccessivamente la criminalità organizzata, nell’epoca del proibizionismo si interessò anche al contrabbando di alcolici. In quel periodo il boss era Rocco Perri in contatto con Frank Costello. In ogni stato canadese era presente qualche ‘ndrina.

Anni ’50 – Nascita del Siderno Group e i legami con la famiglia Magaddino

È però col cosiddetto Siderno Group, nome assegnato dalle forze dell’ordine canadesi agli ndranghetisti coinvolti nel traffico internazionel di droga, che la ‘ndrangheta fa il salto di qualità attivandosi nel traffico di eroina. Il Siderno group era operativo in Canada fin dagli anni cinquanta sotto l’egida di Michele Mike Racco che emigrò in Ontario in questo periodo. Il periodo d’oro del Siderno Group però fu tra gli anni ottanta e novanta. Aveva un giro d’affari stimato in 50 milioni di dollari. Fu gestito da Antonio Macrì, capo storico di Siderno fino alla sua morte il 20 gennaio 1975, poi passò al suo vice Francesco Commisso e a suo figlio Cosimo (detto U quagghja).

Dagli anni ’50 iniziano i contatti con la famiglia di Cosa Nostra statunitense di Buffalo: i Magaddino. Giacomo Luppino, di origine calabrese (nasce ad Oppido Mamertina nel 1900) e Santo Scibetta dei Magaddino vengono mandati da Stefano Magaddino in Canada ed entrano in contatto con Joe Papalia ndranghetista di Hamilton.

Luppino in particolare inizia a seguire le regole di ‘ndrangheta e diventando capo-locale ad Hamilton, Guelph e Oakville e fino a giungere nel 1962 a far parte della neonata Camera di Controllo del Canadae poi a presiederne le sedute in qualità di capo-crimine. Luppino riuscì così a mantenere legami con i Magaddino gli ndranghetisti dell’Ontario e con la neonata famiglia Cotroni, ramo dei Bonanno newyorchesi a Montréal, e diventando genero di Paul Violi, affiliato a quest’ultima.

Anni ’60 – La camera di Controllo e l’operazione Orbit

Secondo le forze dell’ordine canadese in questo periodo si sarebbe istituito la Camera di controllo, nuovo organismo organizzativo delle locali in Canada della ‘ndrangheta sin dal 1962, i cui componenti erano: Giacomo Luppino (nato a Oppido Mamertina nel 1900), Michele Mike Racco (Nato a Siderno marina il 12 dicembre 1913), Salvatore Triumbari, Filippo Vendemini, Rocco Zito, Vincenzo Jimmy De Leo e Cosimo Stalteri.

In questo periodo emerge ad Hamilton la figura di John Papalia e l’organizzazione entra nel gioco d’azzardo e crea attività di riciclaggio di denaro.

A partire dal 1967 Luppino viene intercettato dalle forze di polizia nell’operazione “Orbit” e si inizia ad avere informazioni sulla ‘ndrangheta: ogni membro deve fornire una percentuale dei profitti per aiutare i membri in momenti di difficoltà, apparentemente non esisterebbero riti particolari per l’ammissione nell’organizzazione. Tra le attività illecite vengono annoverate: estorsione, riciclaggio, traffico di droga e omicidio, contrabbando, contraffazione e frode.

Risultati immagini per Canada Rocco LuppinoAnni ’70 – Traffico di Eroina con i Gambino

Nel 1970 viene scoperto l’italo-canadese, fondatore del Crimine canadese, Rocco Zito durante una riunione in un Holiday Inn con Sergio Gambino, boss della mafia newyorchese per un traffico di eroina tra Stati Uniti e Canada. In quel periodo prenderà contatti anche con la famiglia Bonanno.

Risultati immagini per Caada Giacomo Luppino

Nel 1971 la polizia canadese scoprì 23 sospetti nella casa di Cosimo Stalteri, dopo aver intercettato una conversazione del boss calabrese Mike Racco e che stessero battezzando un nuovo affiliato. Nell’agosto del 1971 viene scoperto un codice scritto con le regole dell’organizzazione.

Anni ’80 – La faida tra i Costa e i Commisso

Sempre in Canada si ha notizie della perpetrazione della faida di Siderno fra i Costa e i Commisso con l’omicidio nel 1991 di Giovanni Costa. Nel 1980 viene ucciso il membro della Camera di controllo Michele Mike Racco. Nel 1987 muore Giacomo Luppino.

Anni ’90 – La scoperta del Siderno Group

Dalle indagini dell’operazione Siderno Group si scopre che il 22 luglio 1990 si svolge ad Ardore, in Calabria una riunione tra esponenti di livello internazionale della ‘Ndrangheta, tra cui Domenico Sergi per l’Australia, Vincenzo Trento per il Canada, ed Eliseo Lazzarino per il Belgio e da Anthony Cipriani di Terranova s. M. (arrestato una volta in Australia il 21 agosto del 1984) per trafficare in eroina. Quest’ultimo si muoveva tra Regno Unito, Svizzera e Paesi Bassi probabilmente per fini di riciclaggio.Don Vito Rizzuto Godfather of Montreal, now deceased.

Nel 1992 la polizia registra un incontro tra 10 capi delle famiglie canadesi che operano a Toronto, Hamilton, Ottawa e London. Tra questi vi è Cosimo Stalteri (Siderno 20 gennaio 1925 – William Osler Health Centre, Toronto 14 febbraio 2011), facente parte anch’egli del Siderno Group, emigrato in Canada nel 1952 e uno dei membri del Crimine canadese, in contatto diretto con Giuseppe Commisso, detto U mastru. In una intercettazione dell’operazione Crimine del 2009 parlano di lui e di come abbia mantenuto in buono stato l’organizzazione in Canada.

Nel recente passato erano solidali con l’organizzazione presente a Montréal di Vito Rizzuto che raccoglieva cellule criminali di origine siciliana e calabrese e teneva contatti con la ‘Ndrangheta canadese e l’Italia.

Anni 2000 – L’operazione Crimine e l’arresto di Giuseppe Coluccio

L’organizzazione Siderno Group pare non sia ancora scomparsa da come è stato dimostrato dalle intense attività di narcotraffico di Giuseppe Coluccio arrestato a Toronto nel 2008 e continuate dal fratello Salvatore Coluccio arrestato nel 2009 a Marina di Gioiosa Jonica, i quali avevano rapporti anche con i Cuntrera-Caruana e mafiosi di Cosa Nostra.

Con l’operazione Crimine del 2010, si viene a conoscenza che a Toronto sono presenti 9 locali di cui uno a Thunder Bay, i quali fanno riferimento a una “camera di controllo ” denominata Crimine, i cui membri riferiscono delle attività canadesi al Crimine Calabrese. Le loro attività vanno dal traffico di droga al gioco d’azzardo e usura.

oggi – Guerra con i Rizzuto?

«Si stanno ammazzando tra loro»

(Vincenzo Crupi a suo cognato Vincenzo Macrì intercettati)

Risultati immagini per Caada Giacomo Luppino

Gli ultimi 30 morti degli ultimi 5 anni fanno ormai pensare ad una guerra di mafia tra il clan Rizzuto egemone e alcune famiglie calabresi che stanno avendo la meglio e che la stampa ha già ribattezzato: “guerra di mafia di Montreal” (Montreal Mafia War). Quattro dei membri del consiglio ristretto della famiglia Rizzuto sono stati uccisi, ultimo Rocco “Sauce” Sollecito ucciso il 27 maggio 2016 a a Laval (Québec)[26], gli altri due invece sono in carcere. Secondo Antonio Nicaso, in realtà ci sarebbe una guerra in seno alla ‘ndrangheta tra nuove e vecchie leve come si evince da alcune intercettazione e contemporaneamente una guerra in seno al clan Rizzuto in cui la prima però rimane in disparte anche se favorevole a un suo indebolimento perché anzichè usare il porto di Halifax riuscirebbe ad accedere ad un costo minore al Porto di Montreal controllato dalla criminalità irlandese e a Montreal stessa non più ben controllata dai Rizzuto.

Risultati immagini per Caada Giacomo Luppino

‘ndrangheta per provincia

‘ndrangheta in Ontario

‘ndrangheta in Ontario 2017

Lo stato dell’Ontario ed in particolare l’area metropolitana di Toronto son state sin dall’inizio degli anni ’20 del secolo scorso l’area in cui la ‘ndrangheta si è insediata e tuttora opera. Di seguito gli ultimi fatti di cronaca avvenuti sul territorio negli ultimi 4 anni.Immagine correlata

Il 26 aprile 2014 viene ucciso a Woodbridge, Toronto il boss Carmine Verduci, esponente di spicco della ‘ndrangheta canadese e ricercato dalle forze dell’ordine italiane dal 2010. Verduci, presente in una riunione di ‘ndrangheta in Calabria, era uomo di contatto tra le ‘ndrine canadesi e quelle della Locride ed in particolare con Giuseppe Commisso, detto “U Mastru” finché quest’ultimo non fu arrestato nel 2010. Il morto sembra rientri nella guerra di mafia con la famiglia Rizzuto di Cosa Nostra americana o tra le altre famiglie calabresi che si starebbero spartendo ciò che è stato lasciato dai Rizzuto stessi tra il Québec e l’Ontario[30]. Verduci viveva a Woodbridge e aveva una tenuta agricola in Nuova Caledonia. Sempre nel 2014 su mandato di cattura internazionale viene arrestato a Vaughan, Toronto, il boss della ‘Ndrangheta calabrese Carmelo Bruzzese, accusato di associazione mafiosa. Bruzzese era legatissimo a Carmine Verduci.

Il 2 giugno 2015 la Combined Forces Special Enforcement Unit (unità speciale di rinforzo delle forze combinate) arresta 19 persone a Vaughan in Ontario accusate di avere collegamenti o essere coinvolti con la ‘ndrangheta nella Grande Toronto Area tra cui il presunto capo Giuseppe Ursino (1953) di Bradford (solo al comando dopo l’omicidio di Verduci) ma anche: Diego Serrano (1949) di Vaughan, Marco Maone (1983) di Toronto, Cosmin Dracea di Toronto, Nicodemo Barbaro (1957) di North York, Giuseppe Scordo di Vaughan, Antonio Agresta (1972) di Hamilton, Carlo Fazzari (1974) di Hamilton, Giuseppe Nesci (1957) di Woodbridge e Antonio Mediati di Oakville.Risultati immagini per Rizzuto

Nel 2015 con l’operazione Acero (poi Acero-Krupi) si scopre un traffico di droga internazionale messo in piedi negli ultimi 3 anni dalle ‘ndrine di Marina di Gioiosa Jonica.

Il 31 gennaio 2016 muore in casa a Toronto Rocco Zito (1928), presunto boss canadese e membro della camera di controllo del Canada ormai dal 2008 non più coinvolto in attività criminali, ucciso dal genero Domenico Scopelliti che si è immediatamente costituito.

Ad aprile 2018 il Canada nella figura del tribunale amministrativo dell’Immigration and Refugee Board of Canada apre una istanza di esplusione per lo ‘ndranghetista Vincenzo DeMaria.

Il 27 aprile 2018 si conclude il processo project-Ophenix Giuseppe, detto Pino, Ursino di Bradford viene giudicato colpevole di traffico di cocaina, attività illecita effettuata per conto della ‘ndrangheta. Per la prima volta dal 1997, anno in cui è stato istituito il reato di organizzazione criminale”, la ‘ndrangheta viene riconosciuta come organizzazione criminale.

Il 29 giugno 2018 vengono uccisi a Woodbridge (Vaughan) Cosimo Commisso e la sua ragazza Chantelle Almeida, lui pur non essendo coinvolto in fatti criminali è in relazione familiari con la ‘ndrina dei Commisso dell’area di Toronto[.

Presenza in Ontario

Città con la presenza di ‘ndrangheta in Ontario

 

Hamilton

London

Ottawa

Thunder Bay

Toronto

Vaughan

Windsor

Woodbridge

‘ndrangheta in QuébecRisultati immagini per Cotroni

Dal 2011 al 2017 sembra sia in corso una guerra di mafia interna al Clan Rizzuto che lasciando un “vuoto di potere” sta permettendo alle ‘ndrine di Hamilton (Ontario) di espandersi nella città di Montréal.

Presenza in Québec:Montréal”

LE INDAGINI

In casi del genere lapolizia di solito non si sbilancia più di tanto. Le indagini sono seguite a 360 gradi.

Nessuna viene esclusa. Sebbene le modalità dell’agguato di stampo mafioso e la quantità del piombo impiegata per l’omicidio spingano verso la pista collegata alla malavita.

Non sarà facile venire a capo del puzzle. Anche perchè il Luppino, sposato, era incensurato.

Risultati immagini per Canada Rocco Luppino

C’è collegamento con l’omicidio di Toniy Magi, la vittima dell’altro giorno? Gl’inquirenti sono abbbottonati e prudenti e non confermano a livello ufficiale, nessuna illazioni che sta trapelando qua e là.