Aveva ucciso le sorelle, arrestato

Post in Attualità

All’odierno giro delle 12:00, è stata raccontata la notizia dell’esecuzione della misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Busto Arsizio, nei confronti di AGRATI Giuseppe, italiano 68enne ritenuto responsabile dell’omicidio volontario aggravato delle proprie sorelle AGRATI Carla Eugenia ed AGRATI Maria Giuseppina, all’epoca dei fatti rispettivamente 70enne e 68enne, avvenuto nelle prime ore del 13 aprile 2015, a mezzo incendio volontario dell’abitazione in cui dormivano.

Le indagini, svolte su delega della Procura Generale della Repubblica di Milano, hanno preso avvio a seguito dell’avocazione del fascicolo processuale precedentemente in carico alla Procura della Repubblica di Busto Arsizio, che aveva avanzato richiesta di archiviazione, avverso la quale il nipote aveva proposto opposizione.

Le attività investigative, condotte dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Milano, hanno portato alla ricostruzione completa e precisa della dinamica del fatto e permesso di accertare che le dichiarazioni fornite da AGRATI Giuseppe, anch’egli presente all’interno dell’abitazione e rimasto illeso, risultavano contraddittorie e non corrispondenti a quanto appurato e che il movente poteva essere ricondotto a motivi economici legati all’eredità.

Si accertava che l’incendio era stato appiccato, con l’uso di acceleranti, in più punti dell’abitazione, prima nel corridoio antistante la camera dove le due donne stavano dormendo, posta al primo piano, e successivamente nei pressi dei due ingressi al piano terra e che le due donne ebbero tempo di svegliarsi ed aprire le finestre di camera da letto e bagno, alimentando però in tal modo le fiamme che ne provocarono la morte. Ciò risulta in contrasto con quanto affermato da AGRATI Giuseppe il quale asseriva che l’incendio si era propagato dal piano inferiore arrivando poi ad interessare le camere da letto; l’uomo inoltre, nella circostanza, non ha mai provveduto a chiamare i soccorsi né ad informare i soccorritori della presenza delle due sorelle all’interno dell’abitazione.