Roma campidolglio - Daily News

Roma campidolglio - Daily News

6.12.2017   23:00 - 

Elio Cotronei release  - 

Pubblicato in data 6 dicembre 2017 il linkato Avviso Pubblico di Roma Capitale (sulla pagina dedicata del Dipartimento Tutela Ambientale) con scadenza per la presentazione delle domande entro le ore 12.00 del 18 dicembre 2017: https://www.comune.roma.it/pcr/it/newsview.page?contentId=NEW1847773.

 

Come dai documenti sub-linkati:

  • l’Avviso non dà luogo a procedure selettive e non verranno formate graduatorie di alcun genere;
  • sarà eventualmente nominato un singolo cittadino interessato a rappresentare la Comunità Scientifica, con requisito professionale specifico in materia di progettazione e riqualificazione urbana e di tematiche ambientali, con riferimento particolare ad interventi di tutela e valorizzazione di aree verdi contestualizzate in ambiti territoriali più vasti (nel modulo da compilare è indicato <<Legale Rappresentante dell’Associazione ………>>);
  • sarà eventualmente designata una singola realtà interessata a rappresentare la Comunità Associativa, dotata di tutta una serie di requisiti, fra cui lo scopo statutario coincidente con la tutela dei diritti dei consumatori e utenti (detta realtà designerà la persona partecipante al Comitato).

 

Fra le altre cose, l’Ufficio Speciale Tevere, come da Ordinanza della Signora Sindaca, monitora e controlla gli obiettivi da conseguire e lo stato di attuazione delle iniziative, anche di Associazioni, Fondazioni e Onlus.

 

AGENDA ASSESSORI GIOVEDÌ 7 DICEMBRE

 

Ore 14.30 L’Assessora alla Città in Movimento Linda Meleo interviene alla conferenza annuale Polis (Bruxelles)

 

Comprensorio Casilino, Guadagno (M5S): "Al lavoro per l'istituzione di un Ecomuseo Urbano"

 

"Vogliamo avviare un percorso per l'istituzione dell'Ecomuseo urbano nell'area del "Comprensorio Casilino - ad Duas Lauros” con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dei cittadini e valorizzare percorsi turistici alternativi a quelli tradizionali.
Parliamo di un’area che si estende dal Parco Archeologico di Centocelle della Casilina fino a Villa Gordiani, sulla Prenestina, nella quale è presente un importante patrimonio archeologico e culturale che comprende il Mausoleo di Sant'Elena, le Catacombe dei SS. Marcellino e Pietro, le ville imperiali del Parco, l'Acquedotto Alessandrino e le Termae di Largo Irpinia.
La costituzione dell’Ecomuseo avverrà nel pieno rispetto dei principi di sostenibilità ambientale e renderà indispensabile la progettazione di un centro di coordinamento di tutte le attività della struttura. 
Intendiamo favorire un progetto di sviluppo culturale dell'area e la creazione di una rete economica-produttiva che sostenga l’economia locale attraverso la valorizzazione delle peculiarità e delle risorse presenti sul territorio.
L’Ecomuseo urbano nasce da un ‘patto’ con la comunità locale la quale, sin dal 2009, ha deciso di prendersi cura del proprio territorio difendendolo dal rischio cementificazione e promuovendone la riqualificazione.
Si tratta di un ‘progetto pilota’ che potrebbe dar vita a un processo di sviluppo culturale e di rigenerazione urbana sostenibile. E' nostra intenzione cambiare il volto di questa città e, per farlo, vogliamo utilizzare la cultura come forma di sviluppo alternativa a quelle più tradizionali".

 

Lo dichiara, in una nota stampa, il presidente della Commissione Cultura di Roma Capitale Eleonora Guadagno.

 

-- 

 Diaco (M5S): "Sul tema Ambiente stiamo investendo ingenti risorse"

 

"Nessuna Amministrazione ha mai investito come noi sull’Ambiente. 
Abbiamo sbloccato 9 milioni di fondi giubilari per avviare due gare europee sul verde verticale e su quello orizzontale. Inoltre, abbiamo stanziato oltre 50 milioni per la riqualificazione di parchi e ville storiche (Villa Fiorelli, Villa Pamphilij, Villa Borghese, Parco Nemorense, Parco della Caffarella e i parchi di periferia) e 12 milioni per i cimiteri capitolini. 
Cifre che testimoniano l’enorme importanza da noi attribuita al tema Ambiente e l’assoluta inconsistenza delle accuse mosse sull’argomento da alcuni giornali.
L’ Assessorato alla Sostenibilità Ambientale e la Commissione Ambiente hanno messo a punto una programmazione attenta e puntuale, che nessuna critica strumentale potrà mai sminuire.

Stiamo elaborando una serie di progetti mirata a garantire una manutenzione del verde sempre più ottimale ed efficiente".

 

Lo dichiara, in una nota stampa, il presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale Daniele Diaco.

--

Corrado PappagalloStadio Roma. Pelonzi (PD): " Ok conferenza dei servizi importante per città, riqualificazione urbana, occupazione e prestigio internazionale "


"Il parere positivo pervenuto ieri dalla conferenza dei servizi è importante per poter dotare Roma di un impianto utile all'associazione sportiva Roma ed alla città in termini di prestigio internazionale di riqualificazione urbana e di ricaduta in termini occupazionali.
Grazie a questo parere oggi si può entrare nel vivo: le prescrizioni e le osservazioni che accompagnano il parere rappresentano il punto centrale per capire se effettivamente lo stadio si farà. Il ponte, il miglioramento infrastrutturale della Roma lido primi tra tutti.
Questi nodi saranno sciolti in sede di variante urbanistica che le commissioni consiliari e l'Assemblea Capitolina dovranno varare.
È noto a tutti che la vicenda stadio si concretizza grazie alla bdelibera CAUDO nel 2015, delibera di dichiarazione di pubblico interesse a nostro giudizio migliore di quella votata dall' attuale amministrazione.
Migliore innanzitutto per la quantità di opere pubbliche a carico del proponente grazie alle quali senza spesa pubblica si sarebbero realizzate opere quali il ponte di Traiano e l' ammodernamento della Roma lido, opere che avrebbero garantito un miglioramento della vita quotidiana per tutti i cittadini dei quadranti interessati esattamente come prevede lo spirito della legge nazionale, in più la qualità architettonica delle cubature commerciali che nella versione CAUDO avrebbe consentito un migliore sviluppo commerciale ed una maggiore ricaduta occupazionale. Avendo tagliato le cubature commerciali private di circa il 30% la delibera Raggi consente all' impresa di non dover pagare importanti opere pubbliche senza le quali il progetto stadio non avrebbe senso, ricordo che le opere pubbliche che il proponente non ha più a suo carico sono un costo certo, le cubature commerciali sono un rischio di impresa!
È per queste ragioni che lo stadio si farà solo se i soldi per le opere pubbliche li metterà lo stato(ricordo che senza queste opere non si potrebbe applicare la legge stadi!). È per questa ragione che il PD ha votato contro la delibera Raggi, producendo un ordine del giorno che conteneva già le prescrizioni puntualmente emerse in conferenza di servizi regionale.
Crediamo che il percorso che porterà alla variante urbanistica debba essere a forte evidenza pubblica e debba chiarire questi dubbi fondamentali. Quello sarà il momento in qui alla città ed ai tifosi sarà chiaro se si sta facendo un progetto serio per la città o campagna elettorale verso i tifosi"

 

-- Rifiuti.  Palumbo (PD):” Roma ostaggio di giunta ‘acchiappanuvole’ impianti al collasso e in città è emergenza ” 

 

“Dalle periferie al centro storico la situazione rifiuti è di nuovo all’emergenza. Si rischia una crisi come a Napoli nel 2013. Il sistema di raccolta Raggi & Montanari è solo un libro dei sogni. Lo dice ammette anche il presidente del XV° municipio Stefano Simonelli, esponente M5S.

La giunta  degli ‘acchiappanuvole’  a cinque stelle continuano ad ignorare che la raccolta non funziona. I cassonetti vanno svuotati più spesso e il ‘materiale post consumo ’(vedi monnezza)  va stoccato e trattato  con un’impiantistica cittadina che farebbe risparmiare 60 milioni di euro per i trasferimenti di immondizia fuori regione e all’estero. Raggi e Montanari sono responsabili per aver abbandonato il progetto di chiusura del ciclo dei rifiuti avviato dal centrosinistra, che avrebbe permesso ad   AMA  di ammortizzare  i costi di una raccolta molto onerosa affiancandola al più vantaggioso trattamento dei rifiuti. L’oramai abituale immondizia che tracima dai cassonetti  nella maggior parte dei quartieri di Roma,   denota  anche il deteriorarsi  di  condizioni igieniche sempre più limite. In questi giorni assistiamo al  triste epilogo della gestione dei rifiuti della Raggi in poco meno di due anni di governo. Mentre Raggi e  Montanari negano anche l’evidenza il futuro di AMA e del trattamento dei rifiuti della capitale è sempre più incerto e i costi della bolletta rischiano di lievitare ulteriormente.

Dopo quasi  due anni siamo ancora alla politica degli annunci, nulla di concreto è stato fatto se non una moltiplicazione di poltrone in AMA , un andirivieni di Dirigenti e un cambio di  Assessori, cioè tradotto in soldoni solo spese in più senza alcun risultato, anzi uno c’è stato il peggioramento della situazione igienica a Roma.”

Così in una nota il consigliere del PD capitolino Marco Palumbo .

 

Cerca nel sito