La satira di Francesco Iachino

La satira di Francesco Iachino

21 novembre 2017    21:19

di Francesco Iachino

 

 

Risultati immagini per satira

 

BUONI – CATTIVI

 

La Silvia Leopardiana rimembra ancora quel tempo della sua vita mortale quando beltà splendea ......Io, molto meno poeticamente, rimembro qualcosa dei tempi della scuola sui banchi di legno col foro per il calamaio come quelli delle tavole del "Cuore" di De Amicis.

Immagine correlataRisultati immagini per Cuore libro

Allora quando il maestro doveva assentarsi, con una linea verticale, divideva in due la lavagna, segnava da una parte "buoni", dall'altra "cattivi" quindi incaricava il capo classe di operare la selezione più o meno come scegliamo noi elettori che dobbiamo districarci tra le malloppate che si autodefiniscono alleanze, semplice no?

Da una parte l'ammucchiata di animalisti e cavviatori; libertini e omofobi; quelli del "viva le escort" e quelli della unicità e sacralità della famiglia con contorno di mafiosazzi fascistame moderno ma fermissimo nella sua grande tradizione del manganello, in questo calderonequalcuno che la pensa come te c'è sempre e poi problemi con la Giustizia? Transeat.

Non è che passando dal Nazzareno a qualcuno viene in mente di entrare nella sede PD per invitare qualcuno a guardare un pò fuori dal misero orticello della sua insipiente quotidianità per vedere un'economia selvaggiamente globalizzata, un vortice paranoico di iperliberismo, una finanziarizzazione criminale dell'economia che dà vergognosamente troppo a pochi a fronte di una moltitudine enorme che
non ha neppure il minimo indispensabile.
Risultati immagini per Sansone

Il tutto dovrebbe essere pane per i denti di chi ancora si spaccia "di sinistra" se no fosse che una folle spocchia ideologica che oscura le necessarie vedute, li porta ad ergersi ad unici custodi assoluti di verità fino al rancore e all'odio personale e pur di non arretrare, come Sansone si autoseppellì con tutti i Filistei, son disposti a portare sotto le macerie dell'oblìo la loro storia, il loro credo, insomma la sinistra.

E poi ecco il nuovi, i grillini, unici a voler restare soli, per ora, erano partiti lancia in resta duri e puri, candidi lavati con Omino Bianco, quasi quasi bastava una multa per divieto di sosta ed eri incandidabile, dalle loro poltrone parlamentari, come curva da stadio, scandivano" onestà, onestà".

Risultati immagini per Omino bianco

Appena arrivati però in alcune stanze che contano, ecco qualche spintatina, un ritocchino al tanto sbandierato concetto di onestà, si aggiunge un transeat anche per loro su qualche reato in crescendo e così rimane possente nel tempo solo il "J'accuse" di Emile Zola per il caso Dreyfus.

Risultati immagini per Emile Zola
Ecco, facile scegliere i buoni......O, non essendo tutto oro ciò che riluce, per tornare alla deamicisiana lavagna, forse nemmeno il bravo maestro Perboni ci si raccapezzerebbe     

Cerca nel sito

200023467-e8a58ea570/50000000.jpg